Annunci

brum
brum-brumfino a quando non partirò, lascerò crescere la barba, mi fotograferò quotidianamente per tenervi aggiornate, so fare molto per voi, voglio fare molto, posso fare molto, farò… un cazzo.

ste strisce verticali sono un vezzo dell’ultimo periodo, sono vezzoso sono

brum
brum-brumfino a quando non partirò, lascerò crescere la barba, mi fotograferò quotidianamente per tenervi aggiornate, so fare molto per voi, voglio fare molto, posso fare molto, farò… un cazzo.

ste strisce verticali sono un vezzo dell’ultimo periodo, sono vezzoso sono

ah ah ah ah!
si buon giorno, mi sono alzato ho fatto colazione, ho bevuto il caffe!! mio padre, mio padreeeeeeeeee!!!
non so piuuuuuuuuuuuu uuuuuuuuuuuuu se mi manca di piuuuuuuuuuuuu quella carezza della sera o quella voglia d’avventura, voglia d’andare viaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

ma quale avventura?
quale carezza?
quale   ah ah ah ah ah! repetita juvant, testedicazzo!!!!

lentamente devo prendere atto che tra 10 giorni partirò, per Bologna o per Roma, nel primo caso mi attenderà una sala operatoria, nel secondo una camera a gas, non so decidere cosa sia più eroico e stoico.
Devo iniziare a preparare la valigia, devo…

devo?

è finita l’estate…
ma dov’è finita?


dove?

lentamente devo prendere atto che tra 10 giorni partirò, per Bologna o per Roma, nel primo caso mi attenderà una sala operatoria, nel secondo una camera a gas, non so decidere cosa sia più eroico e stoico.
Devo iniziare a preparare la valigia, devo…

devo?

è finita l’estate…
ma dov’è finita?


dove?

qui nel caldo sud est esco da casa in boxer, non quelli da mare, ma l’intimo, vado al tabaccaio con le scarpe ginniche slacciate, compro un pacchetto di camel light da 10! poi entro in macchina e torno a casa. Nessuno dice niente. Mi hanno salutato tutti il primo giorno che sono arrivato, ora al massimo ci guardiamo per poi girarci dall’altra parte dove c’è un altro che ti sta guardando per poi girarsi da quello dal quale ti eri girato prima, nessuno ha voglia di sforzarsi, si evitano tutti i movimenti superflui, è una politica di risparmio energetico.

il caffè m’ha rotto il pacco, ho bisogno di una sigaretta, non so piuuuuuuu se mi manca di piuuuuuuuuu quella carezza della sera o quella voglia d’avventura, voglia d’andare viaaaaaaaaaa

ma quale avventura?
quale carezza?
quale viaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!??
quale andare?
non si può discutere a queste condizioni.
non c’è spunto per una sana dialettica performativa(!), non c’è cortesia, non c’è serenità, non c’è un cazzo.

p.s.
"m’ha rotto il pacco"?
ma che razza di gergo sto adottando?

ieri

ieri!!

ieri ho scritto tante cattiverie, poi oggi da qui, questa nuova postazione con l’explorer che non mi da lo spazio che voglio tra riga e riga, vabbè però, in compenso il mio IP(urrà!!) è sconosciuto, posso postare messaggi anonimi terroristici senza essere riconosciuto, ancora per poco, è il PC dei babbi, siiiiiiii!!!!!!!! sono iooooooo!!!!!!! che ti torturo la mente, sono io il nemico nascosto nell’ombra, ma sono buono, solo fuochi d’artificio, non ti preoccupoare, ti mordo solo per poterti poi curare, per farmi perdonare, per farmi dimenticare e nel ricordo restare sempre e sempre, anche se poi non ci avremo mai, anche se tu ti accontenti di leggermi, ti cibi distratta dei miei deliri astratti, di una metafisica casareccia, che forse neanche cogli, un po come se ti preparassi una frisella al pomodoro con un pizzico d’origano e l’olio extravergine, già ti fa gola, anche se non sai cos’è.

 

(sono le mie mani, non la mia mente)

Superstar, Decibel Lyrics

Ho le foto in cantina e perfino in cucina

della rock ‘n’ roll star.

Ho comprato i suoi dischi ed affronto anche i rischi

di parlarne giù al bar.

E mi pettino e vesto come il suo manifesto

e mi sento più lui.

E mi sento felice, ascoltando la voce

nei momenti più bui.

Però in cantina, io penso alla piscina

della rock ‘n’ roll star.

E in filovia, vorrei fosse mia

la Rolls Royce con il bar.

E forse lo odio e forse lo invidio

con la sua casa al mare,

perchè son io col denaro mio

che gliela devo pagare.

Una grande conquista:

ora sono l’autista della rock ‘n roll star.

Non c’è più filovia, me la sento un pò mia

la Rolls Royce con il bar.

Ora ho preso coscienza della grande potenza

di chi vuole qualcosa.

Certamente son pazzo, ma ho deciso:

lo ammazzo proprio mentre riposa.

Rimetto a posto il corpo decomposto

della rock ‘n roll star.

Ha preso il volo e guiderà da solo

la Rolls Royce con il bar.

Mi sento stanco, ma resto al suo fianco:

mi sento più lui.

E’ tutto mio, da soli lui ed io

nei momenti più bui.

Foto, cantina, cucina……

Rock ‘n’ roll…..

Dischi, rischi……

Rock ‘n’ roll, Rock ‘n’ roll, Rock ‘n’ roll star….

Vesto, pettino, vesto, cucina……

Rock ‘n’ roll……

Super, super,super, superstar…….

Rolls Royce, Rolls Royce, Rolls Royce, bar…..

Odio, invidio, pagare, denaro……

Rock ‘n roll, Rock ‘n roll, Rock ‘n roll……

Super, super, super star………

Super, super, super, super,

super star………..

Conquista, autista, filovia,

Rolls Royce, bar…….

Super……..

6 evaporato

dovrò andare a disintossicarmi in una clinica per caffeinomani dopabili.
caffè + prozac = cocaina legale, offerta da mamma SSN
è una formula che ha un suo fascino serpeggiante, di nicchia direi, un po come la formula della teoria della relatività, E=MC2 (al quadrato!) se non sai cos’è l’elettromagnetismo, non te ne fai un tubo, ma quando meno te l’aspetti ti scoppia una bomba H sotto il culo, e non c’hai capito ancora un cazzo, eppure tutto è cominciato da un atomo di ossigeno e due di idrogeno…
Non ti sforzare troppo, ti surriscaldi e sei composto per il 70% da acqua…
(il restante 30 non ti dico cos’è)
(non leggo Focus!)

sono al settimo caffè, sono un toro che sbuffa dietro i cancelli dell’arena, brrrrrrrrrrrr, un torero
un torero da incornareeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

che cosa resterà (di voi!)

la vostra esistenza è il riecheggiare sordo di un sasso che cade in una gola rocciosa,
andrà ad aggiungersi senza pietà irriconoscibile alla pietra dalla quale è stato morso,
il suono dell’impatto collassa in se stesso ripetuto solo dall’architettura concentrica del vuoto.
Non c’è volontà, non c’è consapevolezza, solo consunzione nella ripetizione del rimbalzo.
Siete pietre lanciate, prive di moto proprio, lasciate che il vento canti la vostra muta di note scordate
lasciatevi parlare da un muoversi che non è vita e nell’inerzia potrete mimare finalmente un esistenza.
Io sono vento.

(brrrrrrrr)

Ho bisogno d’amore ma
sono lontano
lontano lontano
Dalla memoria
in cieli di nuvole strane
su mari di onde deformi
Fan male le ossa
tutt’e migliaia le ossa rotte
degli scheletri nel mio armadio.

donne siete come il vento ch’è passato
e continuo a perdere il mio tempo
non tornerà.

peso un chilo in più!!!
in cosa sto sbagliando?
il caffè! maledetto eccitante,
ne farò a meno, come ho fatto a meno
dei tuoi occhi.

qualsiasi cosa io possa scrivere anche la più ispirata e disciplinata si confronta ed inficia con lo specchietto qui affianco dove verdeggia la descrizione semiseria di un clown, l’ho cancellata e sostituita più volte così da un giorno all’altro ma è ritornata con tutta la sua insolenza a grande richiesta e a furor di popolo. Questa descrizione nella sua leggerezza coglie l’e(a)ssenza dell’uomo che l’ha scritta, chi è costui? L’ammazzerei.

oggi una donna mi ha detto:
sei un uomo misterioso…
Un uomo misterioso!!!???
come fai a dire che sono un uomo misterioso se prima non ti chiedi:
sei un uomo? sei un uomooooooooooooooo!!!!!!??