lilliput


Il mondo è un volgare surrogato
di ciò che i grandi hanno pensato.
E’ dei piccoli il potere di far le cose…


Annunci

oppure

l’ho
dimenticato* in tasca a quel
pantalone,
che mi va troppo grande
perchè son dimagrito,
che mi va troppo stretto
perchè sono ingrassato,
oppure

non lo so(no),
l’ho dimenticato.

*certi amori,
come i film
di serie "Z"

si possono

dimenticare.

certi amori
se non son
della taglia
giusta non
si possono


indossare.


certi amori
prima ancor
d’averli consumati
si possono

buttare.

certi amori
io
li vado
a

cercare.

i mezzi del comune (consuma, produce, “scrive”, crepa)

odio la gente distratta,
odio le distrazioni della gente
odio la distrazione
odio la gente

distrazione di sovente accompagnata da genialità nel luogo comune
molto più spesso da stupidità nella pubblica piazza

distratto: stupido geniale
(in tandem)
.
mal comune mezzo gaudio (fifty fifty)


il disordine, ecco! è un’altra cosa.
il disordine, invece, è una manifestazione seria
e spesso ha davvero radici nella genialità
che non è un merito ma una casualità.

il genio è contronatura
il genio non ha meriti solo doveri
il genio è un handicappato
per questo sono un perverso
disonesto, uomo (a)normale (pigro!) con un pretesto: l’arte…
che buffone gentile che sono, un alibi per chi non ha voglia di lavorare, perchè fa male,
lavorare invecchia, stracca!!…
ma se non sei geniale… vai,
vai a lavurer patacca!!


(Di te) d’allora sempre bramai i fianchi
ostinatamente, pazzamente bramai.
ciò che mi si tolse… di quel che il destino divora,
ai mie occhi negato, il peso mi è grave ogn’ora..

Remeron in fabula (autocitazione coercitiva)
(scrivila tu questa impiegatuccio…
e poi
muoriiiiii!!)

smettetela di scrivere, chiudete i vostri blog, chiudete le vostre bocche, aprite gli occhi e leggete ciò che i saggi hanno voluto lasciare, e poi andate, andate a lavorare!!!!

ti amerei uomo medio se non fossi così eccentrico, se non fossi così volgarmente catodico sofisticato spazzaturo…
lo giuro.


…io, sono a volte vittima prediletta dell’amore impiegatizio, che come tutte le altre manifestazioni solite dell’impiegato, nel weekend va in pausa. L’impiegato (che è uno stato mentale e non dell’essere) è l’essere vivente più simile alla macchina, può mettere in standby per 3 giorni qualsiasi argomento, anche una trombata, una lobotomia in laparoscopia, poi quando lunedì si risveglia dal coma il mondo ricomincia a girare(sicuro?)… impiegato/a io sono fuori dal mondo, impiegato/a io sono un mondo. resta sul tuo, che qui sono già in troppo.


grazie nonno (vabbè m’allora?)



assumo regolarmente quantità industriali di
psicofarmaci

droghe sintetiche
medicine equosolidali
anabolizzanti
caffeina come ne piovesse
la mia stabilità umorale è un bluf chimico
lo humor una bugia
vi considero topi
vivo aldilà del bene
o del male (chissà dove)

imbalsamato in un’ampolla di formaldeide
risalente ai ’50

mesmerizzato da mio nonno
in stato fetale
prima d’essere abortito
in stato fatale(!)


Bussare
ed
attendere

1000 anni

all’interlocutore della notte che dorme come fosse giorno il letargo ibernato dell’incombente esistenza subita non posseduta

non vivente ma essere vissuti da un agglomerato ordinato di cellule primordiali specializzate nella riproduzione e sopravvivenza di se stesse. questo è ciò che sei, nella tua tana, la mente. Un organismo.
(reagisci ad impulsi, come un insetto)

son sempre stato uno snob autoconservativo
conscio del proprio valore inestimabile, necessario ed isnsostituibile da preservare come un bene storico e culturale… artistico!!
per quanto tu possa insidiarmi, vestirti accomiatarti scimmiesco/a con nuovi e sgargianti abiti,
ti riconoscerò aimè
al primo raglio,
asino/a!!!!
la natura non si comanda,
si condanna.

tu sei di carne
io diVino


ci sono
cose che mi spettano di diritto
e cose che mi aspettano diritte…

le une e le altre hanno serie intenzioni.
buone ragioni
ma poche

1-9
munizioni.

tutto cominciò il 20/7/97

il gentile padre nel letto a fianco al mio mi ha offerto una surfata in cambio di una reinstallazione della scheda di connessione wireless… il genio paga ah ah ah ah ah!!

a tutte coloro che volessero saper ma non possono rimarrete nel vostro limbo(!)

 

per le restanti 2 cervelute vi racconto succinto quel che mi e’ successo, lunedi (tastiera carente di accenti) intervento chirurgico alla schiena con estrazione chiodo endomidollare gamba dx e ferro ”isol” tianio dalle vertebre dorsali, erniectomia prima vrtebra lombare, durata operazione 10 ore, 6 sacche di sangue intero trasfuse, martedi in terapia intensiva ibernato con un cocktail di morfina mepiridina ed altre bombe varie, oggi domenica cammino con una stampella. sono dio. sono dio.

 

io

sono

 

 

dio

messaggio privato per l anonimo c, se sei catia, io ho ancora il tuo numero ma se tu l hai cancellato non ha senso tutto questo affanno, io sono un sostenitore dell’inutilitá magistrale del ”senno di poi”, cugino del ”credo che forse” e parente stretto della ”steppa che non finisce mai…” mi connettero’ ancora é una promessa

 

 

p.s.

questo post rimarrà grossolano nella sua fattura semi sgrammaticata figlia dell’incombente.

riapertura a breve termine

scooooooooooooooooooop!!!

mi han mandato via dall’ospedale
per passare un tranquillo weekend
di paura prima dell’intervento
di lunedì mattina…
mi costituirò domenica
pomeriggio

saturation …già un feticcio
per il personale
infermieristico
femminile.