flussi (cacofonie)

sono stato molto più esistito di così
(autocitazione)

Annunci

la metafora del buon pastore(Anarchy in S.P.L.I.N.D.E.R.E.)

alle menti più eccelse di splindere che hanno avuto a loro tempo l’ardire d’iscriversi al mio monumentale blog:
da quando ho deciso di non fare più proseliti, di non avere piu fans e di rinchiudermi nell’eremo salentino a meditare sulle nevrosi umane visionando "fuori orario", "blob", "studio aperto" "mauriziocostanzoshow" ed i vostri, oltremodo, pecorecci blogghe; ho bloccato molte persone… inserendole come nemici della mia pubblica quiete nella scatola nera di questo manufatto esterrefatto ego-autobiogra(ti)fico, onde per cui le vostre iscrizioni sono andate a farsi benedire (in un contenitore asfitticonoclastico[!!!]).
La cruenta storia (sin qui farsata!) purtroppo non si esaurisce con un seppur spiacevole ma unico, solo dato di fatto e, no, continua tra le maglie informatiche della piattaforma splinderiana i cui tecnici informatici sono(?) stati raccattati a metà prezzo dall’ospedale psichiatrico/genetico sperimentale "G. Wells"(direttore sanitario Dr. Moreau!) di Gallarate nel milanese e, da una comunità di recupero per tossicodipendenti (figli dei figli dei figli dei figli dei fiori) vicino l’aretino, dunque anche da qui la mia propensione ascetica-estetica-estatica mirata allo studio delle nevrosi intra ed extrauterine.
Lo squadrone "olimpico" di "cervelli in pappa", in questione, non è in grado d’intrattenere con il web e con l’informatica un dialogo circostanziato da "creatore a creatura" ma neanche da pari a pari, come le prendevano dagl’infermieri dell’ospedale psichiatrico/genetico(!) ora prendono le pedate da splindere che autonomamente aggiunge, in libero arbitrio totale, gente cancellata nell’oblio dei tempi andati, tra gli iscritti "ex novi"…
tutto ciò(sia chiaro) è fantastico e, mi riporta a pensare di quanta letteratura cyberpunk si siano cibate le mie allenate sinapsi(meccanismi perfetti!), ma questo non è un fenomeno di autocoscienza in cui splindere diventa una matrix de li poverelli una skynet de l’italoberluscona(u)ti, è(!) semplicemente la mano maldestra di gente improvvisata che balbetta davanti ad un monitor e ‘na tastiera… c’è anche però la seconda chance avveniristica del complotto contro me medesimo ed altri 4 stronzi (pescati a caso tra i miei iscritti!) da parte di una redazione veemente troppo poco 007 veramente, direi anzi sotto zero completamente ed "un po" provinciata-demente…

Creare un buon scalpello ti fa un bravo artigiano, con quello strumento io che sono un genio scolpirò il David, ma se mi si sfalda in mano mentre sto picchiando di mazzetta e mi amputo un dito, il coglione non sono io, che resto sempre geniale (a-digitale!), ma sei tu, che non sai fare gli scalpelli (e mi dovrai risarcire li polpastrelli!)
pace e bene fratelli.

p.s.
ho tralasciato di rivolgermi alle "comparse" scomparse(si spera) di questa ridicola bagarre, cioè gli iscritti (s)ka!ncellati (i 4 stronzi!) che si ritrovano miracolosamente i miei "scritti" tra i preferiti; non sono io che sto impazzendo e un giorno ti aggiungo e l’altro ti cancello, se non l’hai capito, dopo aver letto tutto quanto, "le cose" come stanno, allora sei un tecnico informatico di splindere oppure fai parte della redazione.
aprite gli occhi (disse il saggio)…

che per chiuderli
non ci vuole niente
(na mazzata de scalpello provinciata-demente!!).

attenzione!!!!

oggi una persona incontrata al mare m’ha detto che splinder non è tanto virtuale (infatti lui è un vero panzuto con barba e baffi), ne discreta, egli afferma che, da ex collaboratore tecnico, ne ha viste di cotte e di crude… vi sono, tra gli anonimi primordiali commentatori, asserisce il baffone ardente, incursori della redazione!! che s’inserisce a destra o a manca per rompere i coglioni a "chi non gli va", e sa tutto di tutti (ma va?) io l’ho mandato a fare un bagno ma, poi ci sono andato anch’io!!!

e se invece di denunciare l’anonimo denunciassi la redazione sotto forma della santa vergine Maria che risponde impassibile e formale ad ogni mia minaccia/commento/confessione/pentimento?
e se denunciassi il baffone ardente?

e perchè se denunciassi mi’ nonno morto nell’74 dopo una scorpacciata di fagioli con le cotiche
non

sarebbe l’uguale?..

denunce amletiche su Remeron channel…

ma scusa poi a cosa serve (Maria?) la redazione di splinder?
a dirvi dopo un’ora e mezza che cercate d’aprire il blogghe che splindere è


morto
(e non me n’ero accorto!)
in manutenzione…
che c’è la possibilità di fare un accordo chiamato friend$!!!!
(ed il simbolo dei verdoni è tutto un programma!!)
che riempiendo di pop up ed improbabili
targhette ed insegne pubblicitarie "a tema"
(distruggendo in pratica) il vostro già inutile blog
e sfruttando il vostro spazio (gratuito!!) gugol
nel giro di 74 anni farà guadagnare
3 euro ai vostri eredi
(abortiti nel frattempo per la fame
o per incentivo statale)
.
(comprensivi di rivalutazione
monetaria ed adeguamento istat).

è utile.

(la redazione)

corpi astrali

corpi-astrali

e se davvero io sparissi ingoiato da un ambito prettamente masturbatorio del quale l’origine annulla la funzione dell’essere che svergognato si annichilisce in un corpo astrale?


cosa cambierebbe per te
?dimmi.

Bologna: la festa dell’Unità inizia ad aprile…

radiocronaca nello stand di "Retorica Qualunquistica" 
Conferenza sul medium televisivo.
Il docente Bosforo Remeronni "interpreta"
Armandino Ghezzi(figlio naturale) .
festa dell’unità di Bologna (2014).

http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf

Testi e soggetto:
Bosforo, Remeron (ci sono conflitti intestini)
Attori, effetti speciali, regia, sceneggiatura e montaggio:
Remeron.
special guest:
amicuccio
Uccio
(nella parte dello "spettatore abbaiante")

questo lavoro è stato ispirato dai
commenti ricevuti in questo post
in particolare da quello di Bosforo.

spiderman is always (ragionata)

http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf


retrovirus(estetica del quieto vivere)

(all’alba mi commenterai 3 volte)

piangi!
quant’è vero,
piangi tutte le lacrime Ofelia!
sei "gonfia d’acqua come un otre"…
è questa la croce! la foce, la voce!!(che senti!)
ripescarti ora alla fogna, (coi denti)
dopo averti avvertita di (sentimenti)
quant’è cara la vita, (perchè t’amo)
ma tu (baciando l’amaro amo)
non hai voluto ascoltare,
hai preferito annegare!
nel fiume delle liturgie,
bevendo (del mio cuore madornale)
le fronde grondanti
le mie bugie…cry sfondo nero.gif

p.s.14.40
ha commentato 2 volte, una è stata cancellata
d’altronde alcuni pianeti nel mio segno in questo periodo
offuscano un po’ le mie attitudini messianiche..
 

Le GrafemminE (scrittrici radical chic ca costa pic) made in splinder

faccio notare a una(26enne scrittorA! avellinese!!) (di nome Kinga o Minga o Mazinga) che è nata vecchia, che è rimasta all’epoca di cristo e agita le mani per attirare l’attenzione dei suoi contemporanei effeminati(da sua nonna femminista 68ina!) per fargli vedere il culo, allargandoselo con le mani, ed impressionarli con una zaffata di pasta e fagioli o con un amplesso raccontato (male), insomma ‘na specie di carnevale…
sai cosa mi (fa) risponde(re) sotto forma di X in inglisc?

(per far vedere che no, non è una provinciata cronica dell’italica penisola…)
"fatti una fottuta vita e fatti fare un pompino ne hai bisogno"
(aggiungerei hey men!)

io, le ho detto che non esiste e lei pensa ai miei bisogni corporali… che devo dire?
una filantropa!
una ragazzina filantropa che per attirare i soliti 4 anonimi/e(!!) (e non) spippettanti afferma che:


 "il principe azzurro le fa un baffo se non sa leccarle la figa"
(a lungo)…


un intellettuale di rottura!
(de cojoni!)

ma allora! esultante me la ridacchio (tra me e me) e riconosco ad uno dei tanti altri me stesso che si! è vero dunque!
esiste un’intellighenzia splinderiana femminile che evada dalle solite menate commerciali delle Melasse P(recotte) delle Croci sulle Isotte-belle (per modo di dire) e tutte le altre "up to date" che fanno a gara a chi è più baldracca ma con piglio da artista alternaDivo, galoppando il genere lolitico sexy psicodrammatico che fa presa sul popolicchio ignorante italiato (divoratore di spazzatura spacciata per utopica cultura elitaria da ipercoop!) che ancora si eccita a guardar dal buco della serratura, perchè lo fa sentir peccaminoso il gravoso schiacciante sguardo putrescente di madre chiesa che gli dice questo si e questo nooooo!!
e
Loro(le grafemmine) che parte svolgono in questo b movie mummificato? son le Giovanne D’arco! le streghe de li poverelli, le maddalene de l’ignorantelli, le femministe de li femminelli(traviati sempre dalla nonna 68ina!) le messaline de li studentelli, le madame bovary de li deficielli(per far rima!), le lolite de li vecchiarelli
Che devo dire questa "scrittorA", invece, si distacca come stile e contenuti e vi consiglio di leggerla, si chiama Kimba o Makumba, non ricordo bene comunque è una che… non voglio svelarvi altro!!!!

 

alle stagioni (versione originale)

La nostra cieca fame di ricordi
testimonianza di vita
mi ha portato ad amarti,
per poter ricordare di quanto piansi
quando scoprii che non era vero
che ci si poteva prendere così,
gratuitamente, senza motivo
solo per il gusto di farlo,
per la necessità ignara di guardarsi
negli occhi e sussurrare tante, tante,
bellissime bugie.
quante stagioni volate
ed ancora credo che amare
è il motivo.

mancare


non ho a chi dirlo
lo scrivo qui
nel vento,
lo dico a loro
che non ci sei
non mento
lo sai son vuoto
dentro
la mia anima è partita
e non è una sfida o
forse si
io… l’ho persa
s’è così.

mi dissocio

sono un isola al vostro interno

non posso più tacere
di fronte allo scempio,
all’aberrazione

ieri c’era pubblicata addirittura la
foto di una(non molto"cauta") che si considera brava
con la macchinetta(del caffè!), soggetto:

su’ fratello col cazzettino in erezione

coperto dalle mutande (il pudore)
ma stretto tra le mani (l’eros)..

ho capito, esiste anche questo,
ma non me lo mettete nella home page!!!
abbiate pietà per un uomo
che ha un po di gusto…

non posso continuare così

spiderman is always

 

non resta che rimboccarsi le maniche e ricominciare…
ricominciare a bere. fino alla notte nera,
quella brutta delle isole informi, insonni,
abbandonate nei sali d’ammonio, di litio,
nel bicarbonato che sbianca ma non pulisce l’onta, non risparmia
al ridere del sedersi inerme un cerimonioso niente
fatto di tempi troppo lunghi, troppo trascorsi, troppo presenti. non li senti
i deliri di un folle? non le senti le parole che scavano letti di fiumi
su cui galleggia ofelia la mia disperata morta memoria della mia
della mia così piccola storia…
di uomo vano
di essere (umano?) seduto e mai esistito,
per camminare veramente per calpestare questa mia mente enorme
abbandonata in vicolo cieco in questo mondo pigro continente sordo o
sordido che contiene tutti i miei pensieri ma non mi da le chiavi
per rientrare a casa, mi fa dormire al freddo sul pianerottolo,
sul soppalco appeso al muro portante di una casa che non è mai stata
importante per un bambino
svegliato la notte da incubi orrendi
risibili e ridicoli a raccontarli,
il tarlo, il cavallo, i ceci, l’impronta sulla sabbia, lo schiaffo del babbo,
che senso hanno se ora sto precipitando volevo,
fare tante cose, ne ho fatte! di sovraumane,
ed ora che mi resta, cosa mi rimane,
che cos’è questa malavoglia questa bestia
che mi schiaccia e non ha voglia
di scostare la sua zampa grave
dal mio petto da quel cuore infame
che continua a battere impietoso quel cuore
odioso incantatore di persone già
incantate, che peso hanno le nuvole in un cielo di piombo?
nessuno,
la nuvola è cielo ed il cielo è…
non lo so. ora
ho sonno. ora
dormo.

coso strano

che peccato quel ragazzo

                                                               "fu qualcuno,

                      

dark-soul

                             si prendeva per qualcuno"


c’era una piccola goccia su quel volto, una lagrima leggera, di sale,
che asciugava l’amarezza nell’andare così che nessuno la riuscisse a notare…