minaccia del giorno(reazioni a catena controllate)

(zim[salabim]belle)

mie care "marie", (ammiratrici) fans*,  passate, presenti, trapassate e future:
nonostante un quarto del mio cervello, quello primordiale, equivalga per grazia divina o mutazione genica a 110 cervelli umani normodotati messi in fila dietro la cassa dell’ipercoop o del macellaro in attesa del proprio (fatale)turno, mentre cioè "ci" si spende in aberranti performance o(r)n(i)tologico-starnazzanti, s’incede, semoventi emolumenti, timidi o spavaldi, con certa sicumera passivo-aggressiva, padronanza di linguaggi, occulti o occultanti(magari) vari(pressoché esclusivamente anali), un cm al min(tutti il sabato) verso il mattatoio; si millantano amicizie, famiglie, flirts, professioni, amanti, proprietà, vini! cochecole fatue, flatulente compulsive telefonate gesticolanti all’etereo megafono da baraccone intrauricolare, tacchettanti vertiginosi stivaletti, sandali tip tap, laccati rosso sangue che inguai(n)ano prosciutti affumicati da raggi UV o gamma, in breve quando date sfogo alla vostra volgare, libidinosa, "libertà condizionata" dallo stress post settimanale e pre mattanza del weekend serale(statistiche di cronaca nera stradale cantano), dicevo… non contattatemi, io (non) sto male, vivo fuori dal mondo.
Questo pianeta ha generato un cosmo reattivo al suo intimo(me medesimo)… sono il nocciolo. Le re-azioni di fissione, all’interno, fuori controllo; potenza, temperatura, pressione, suggeriscono l’esplosione come plausibile e non si può introiettare in angusti "veicoli" umani, il flusso; l’energia partorita; è il caos, la forza natia che tutto ha misericordiosamente generato, ancorchè distrutto.
Io sono "un" nulla, produttivo ma, evitabile nucleo; lavoro di fiato per raffreddare il nocciolo ed, atomico, ineluttabile mi svuoto antimaterico. Farei meglio senza voi, produco autogeno i miei neutroni, invisibili, tarati da insignificante peso specifico privi di carica, mi, contaminate osmoticamente, rubacchiando elettricità, rimbalzando asfittici, sull’abisso nucleare, strutturale che mi tiene, golem, in piedi, più stabile di un massiccio montuoso, speculativo Ambaradan di macchinosi contrafforti sinaptici ancestrali, biomeccanici, elettromagnetici: scrigno d’intenti insolubili in gergo umano…


non sono carne; io sono concetto: indistruttibile.


*
farmaci anti-infiammatori non steroidei

Ci sono ragazzine di 18!! anni che mi contattano, vorrebbero avere una "relazione" "sentimentale" con me…
(costruire "qualcosa"
; inizia da te stessa che non stai a niente)…  (io non sono il berlusca… teenager)(non ho 70 anni)(non ho bisogno di una groupie) mi sfugge il significato del relazionarsi, mi sfugge il significato dei 18 anni, sono nato ieri ed avevo già 3(000000000000000000000)4 anni, mi sfuggono tante altre cose elementari, basilari, indispensabili per voi:
fica
amore
lavoro
pietas
contesto sociale
ideologie
religione
Italia
la donna come concetto
l’uomo zimbello generato dallo stesso concetto di cui sopra
le barche a vela
il mare
la vita
l’avvicendarsi delle stagioni
abbracciarsi
vivere
il focolare
la famiglia
casa
soldi
radici
riprodursi
ridere
essere corteggiato
corteggiare
uscire
poesia
entrare
viaggiare
vivere
morire
sei bella
emancipazione
il messico
sei brutto
evoluzione
scrivi bene
cuba
scrivi male
dipendenza
carmelo bene
safari
non scrivere più cattiverie
le corna
la cultura
cheguevara
il culo
nazione
indipendenza
l’amante
l’erudizione
i culi
freud
la psicanalisi
le antologie
le ontologie
regione
la filosofia
l’otorinolaringoiatria
dio
li mortacci mia.

ho rotto gli argini(e/o li cojoni).
son scappato da "un" sud del paese dei "pulcinella"(perchè invece "su"…), non ci ritornerò, punto verso la vetta, sempre più a nord, possibilmente fuori dalla penisola, dal continente, dalla Pangea, la Pantalassa, fuori dalla stratosfera, da questa galassia che non mi contiene.
Puoi percepire tu, selvaggia oscura monade, un sole? puoi aver coscienza dell’universo che, ti, scorre innanzi se sei solo casuale materia inerte (neanche catarifrangente!)?
(non rifletti la (mia) luce non hai dunque anima ne consapevolezza come affermava [quell’illuso di] Leibniz!).

ed ora: squilli di tromba!!!!
tromba nero
Talofen!
(promazina)

ancora più trash di Remeron(mirtazapina)...
si poteva?
evidentemente…

(ma chi l’inventa i nomi delle bombe chimiche?)

jesus.gif
maledetto impostore!!

n.b.
mi piace molto fare colazione.

approfondiamo (no)

al pub.. una grappa, uno spintone e…

…hai una direzione?
no.
una relazione?

no.
non ci credo che "vivi" solo…
hai una donna?
no.
un’amichetta fissa?
no.
quanti anni hai; 24?
no.
vai a baldracche?
no.
e com’è che stai con me?
no.
tu (non) sei normale!
no-bis.
(sco[p]piamo?.)
no.

mitteleuropeo
bevo birra da quando avevo 3 anni
mio padre è stato emigrante in Germania dai 18 ai 20 anni,
sono ariano germanico di conseguenza.
no.


senti ma te ne vai un po affanculo?

no.
cosa posso dire…
ti amo.
cyberpunk!
(quel che vorremmo fosse
ce lo inventiamo; poi…
si realizza "col tempo" di:
Tiziano, Giorgione o P. K. Dick.)

948-GallerieDellAccademia_Giorgione-LaVecchia.jpg
(1508 – 1510)  Ritratto di Vecchia, attribuito a Tiziano poi a Giorgione.
"rap-presenta" la vanità umana che non tien conto, magnificamente folle o grottesca,
del passare ineluttabile dei lustri.

17-particolare.vecchia.giorgione
Ritratto di Vecchia, particolare.

non c’è necessariamente "un prima" rispetto ad "un dopo"
che non hanno mai visto presente, il contingente
verificarsi delle cose(l’amore per esempio)
non rispetta una sequenza umana, matematica temporale,
spaziale, metafisica (che sia)…
avviene apriori.
lo scorrere
sa scorrere.

Bo?fogna (drama & base)

sono un dams resistente.
non mi laureerò mai.

laureeeeeeerò
!

in ostaggio dell’ateneo da 15 anni
se non pago il riscatto non mi lasceranno tornare, laureato, al "trullo".

e… inevitabilmente il trullo
sta tornando (d)a me; a Bulagna…
chianca su chianca(mattone su mattone^^)

non iscriverti mai al DAMS
di Bologna
(è una trappola!!)

(l’illusione degli ’80 decadenti è finita(fallitissima),
così come la "moda" dei centri sociali,
della tolleranza e della VOCE degli studenti,
dell’isola felice, di Zanardi, di Pazienza.)

(il trullo è in agguato!!)

(per non parlare del tortellino
dello spino, del birrino, del digossino
del depressino, del professorino…
Bulagna è depressiva per il pugliese(archetipo dello studente fuori sede).
I bolognais son depressi
per costituzione, i salentini
hanno la pizzica per questo
sono "core preciatu" [cuore allegro]
da qui il connubio bologna + lecce = mutuo soccorso
tu metti l’università, noi i soldi e la vitalità.
non per niente NIki Vendola ha fatto tappa a Bulagna
durante la campagna(elettorale)(arcigay a parte)…
MA
ciò nonostante puglia + emilia risulta
una difficile equazione dall’incerto risultato; spesso…


no compatibile

no compatibile

al di fuori dell’ateneo bulagna non è molto diversa da bolzano
anzi le pretese di capitale della cultura ne decretano una disfatta
morale e spirituale senza eguali data dalla ineluttabile provincialità,
ignoranza e conformismo degli autoctoni*,
paradigmi viventi dell’equazione: lavoro + benessere – cultura = pigrizia mentale e deriva morale.
in sostanza: il lavoro(e la mortadella)abbrutisce l’uomo
(felsineo)(e specialmente la donna, "media", indigena(e l’alloctona si adatta presto con le dovute storpiature/ibridazioni regionali), emblema "nazionale" di volgarità ispirato dall’esempio, già grottesco nell’incipit, della, "yuppie" carrierina, "up to date", milanese, ma con uno sprint/script "calorico" in più fatto di ciccioli, turtelen, coop, "cataste di maiali sacrificati", sedute di auto[in]coscienza e tanta, tanta sordida, frustrata, nebbiosa, provincia che, in little italy, puntualmente, non manca mai)…

 
gli studenti (fuori sede)(che pensano) sono il polmone verde(non solo economicamente),
lo spirito (spigolo!) vivo, vivace anima della città,

bologna senza studenti è come una bocca
senza denti,
oscena
.)

(anche per questo vivere/studiare qui è ormai, una forma di resistenza
che può sfociare nella patologia: onore e onere ai resistenti!!!)

(il video di cui sopra non l’ho fatto io
altrettanto dicasi per il trullo errante)

p.s.(imprecisabile)(anche contestualmente)
tutti i file audio del mio blog(quei quadrati bianchi!) sono spariti, questo non
vuol dire che io non li abbia mai fatti.. o si?

("ti devi laureare!!!"
anche al centro
d’igiene mentale
non posso sentirmi dire!!
La vita vomiterò
ma la laurea
no no no!!
)

La terra trulla.
l’unica isola italiana che
vive attaccata al continente.
(forse per questo la regione è
di rifondazione)

di Remerino Visconte
prossimamente solo su:
Remeron Channel

p.p.s.(auscultabile)
(mi manca la biennale)
(oppure vado a lavorare)
(oppure vado a lavorare alla biennale)
(di Venezia)
(la fanno solo ogni biennio)
(lavorare è bello)
()

(questo blog prevede e pretende dal lettore;
la scuola dell’obbligo; più, almeno, un anno di università a vuoto.)
(possibilmente nel "comparto" umanistico)
Gnurant!!

remeronfuck

p.p.p.s.
non c’è in Italia un’isola felice, la penisola è una provincetta tout court, dell’Europa, dell’America, del Vaticano; piccola piccola, anche dove si produce l’italian style, dove si "fa" cultura, dove si fa "arte"(dove?), dove si "fa" moda, dove si "fa" governo, dove si fanno le "case":
il prodotto è scadente, come concetto, arranca, annaspa, figlio di una politica clientelare, mafiosa o nepotista, oppure
è sull’orlo della bancarotta (per gli stessi motivi):
"appare".
Boicottiamo il made in Italy.
Boicottiamoci.
che un’onda anomala sommerga la "penisola delle apparenze"**;
e la faccia scomparire per sempre con il suo carico speculativo retorico
di ammuffiti retaggi artistici et architettonici, museali, barbosi, boriosi,
che altro non sono se non la rappresentanza di ciò che siamo sempre stati
molta apparenza e poca sostanza; le condizioni che gravano sullo slancio
verso il futuro, verso l’evoluzione, come una catena d’oro cesellata lega un cane
alla sua piccola cuccia affrescata da una Michelangelo cinofilo.
Hai rotto la michia storia.
Affoga nel nulla della realtà che è quello che siamo, nulla.
lo zoo del mondo, ci vengono a guardare, da fuori e pagano il biglietto.
poi però "loro" tornano a casa e noi restiamo in questa gabbia dorata, peccato
che sia solo vernice spray scadente…

dobbiamo costruire la casa dello sfollato…
no!! fermi tutti! mentre scavavamo abbiam trovato il cesso di Augusto, con uno stronzo ancora intatto!
costruiamo un mausoleo di puttanate e chincaglierie sopra la cloaca ed inventiamoci una sovrintendenza apposita; to’ senti questa:
"sovrintendenza al recupero delle cacche imperiali ben conservate"
ma e gli sfollati?
mettiamoli in un container insieme ai rom, ai rumeni cannibali, ai napoletani, ai cani che aggrediscono l’uomo, ai clandestini, ai terroni, alle scorie nucleari e a quelli che vogliono morire.. come si chiamano? si i malati terminali, comatosi, staminali, va da via l cul inseminazioni artificiali!
ma.. ma
ma non vedi che vivono per strada!? sti sfollati… è gentaglia!!
si troveranno bene con i propri simili…
intanto raccogli lo stronzetto dell’imperatore anzi lascia stare che mandiamo i NAS, anzi no! mettiamo l’esercito di pattuglia, i pompieri e la protezione civile; chiamiamo gli americani e chiediamogli se ci volgiono aiutare a scavare(sovvenzionandoci) per vedere se troviamo anche la cacca di Giulio Glauco Cesare, poi coi finanziamenti facciamo fifty fifty, e ci mettiamo lo stronzetto del cane del punkabbestia che abbiamo sparato alla manifestazione, ma attenzione a
ll’infiltrazione della mafia!! qui è cosa nostra, intra moenia zitti zitti.. 

ma è tutta una messinscena?
no, cioè si, è l’Italia.

*
i giovani scorazzano in SUV e vanno a trans,
gli anziani, se riescono a salire, scorazzano in bus
e, per mangiare, vanno a rubare al supermercato; risparmiano per
pagare il SUV dei figli(puttanieri) sperando di non essere
"confiscati" da un momento all’altro in una casa di riposo.
(o in un freezer in cantina, che li mantenga belli freschi
tanto da potersi esporre, intonsi alla finestra, quel tanto
che basta per continuare a percepire la pensione di 600 euro,
mensili, giusto giusto, la rata del SUV intestato allo zio morto
nel 1880 a S.Marino, che "solo" per evitare l’accisa, l’hanno
"acciso" imbalsamandolo semovente alla finestra anche lui
come il babbo nel frigo, 130 anni all’anagrafe(e non sentirli), ma nessuno
dice niente, "l’importante è che i conti tornino" un po come dissero
i Savoia prima d’essere esiliati… dopo aver distrutto una nazione.)

**(possibilmente dopo che me ne sarò andato a Berlino…
Auguri.)

(‘acci vostra)

son complesso

(mondo vassallo)

ho estremamente paura delle persone "semplici",
le stesse che si fan saltare in aria imbottite di tritolo.
perché non è complesso esser degli idioti.
lo è riflettere autonomamente(vagliare le possibilità e scegliere)
per chi è abituato ad esser uno strumento.
Riflessione, madre di dialettica, polemica, po-etica;
prevede, previene, decreta l’azione(semplice ed anche la complessa).

I cosiddetti "uomini d’azione" sono sempre "il braccio"; pedine;
subordinati ad un volere più alto(in poltrona); il capo, il maestro, il ministro, la loggia massonica, la mafia, dio.

Chi riflette, c(h)i pensa: agisce.
(in-vestendoti, strumentalizzandoti, annullandoti, seppellendoti sotto le macerie)

rifletti!!
non t’accorgi che stai dormendo(morendo)?
(c’è chi vive per te, 
attraversandoti,
col sorriso in faccia,
come fossi
un fantasma)

(invece…
sei; eri?
un essere
umano
)

quando l’azione pressa(one time)

l’ennesima(cazzata)

ci sono attimi; fugaci, giorni; enormi,
uno; crede di poter dire o fare ogni cosa,
fosse come governato da un’occulta forza che
da coraggio, volontà, temperamento, ecco;
è in quei momenti che urge lo star zitti, immobili
mettersi a letto chiudere la porta ed ingoiarne la chiave,
spegnere tutti i telefoni, luci, stelle, stalle, il sole.
Picchiare con la fronte spigoli, farsi male.
Sanguinare.
E’
ora
di morire
per-enne
ore.

(12 – 24 – 48 – 4568)

eutanasie (bis)

(gli animali siamo noi, siamo in tanti)

"Ricapitolazione". Pietro dormiva, aveva un mezzo sorriso candido; inclinava la testa da un lato: pareva volesse carezzarsi la guancia contro la spalla. Eva non aveva sonno, pensava: "Ricapitolazione". Pietro aveva preso d’un tratto un’aria idiota e la parola gli era colata fuori dalla bocca, lunga e biancastra. Pietro aveva guardato avanti a sé con meraviglia, come se vedesse la parola e non la riconoscesse; la sua bocca era aperta, molle; qualcosa sembrava essersi spezzato dentro di lui. "Ha balbettato. E’ la prima volta che gli capita; se n’è accorto, d’altronde. Ha detto che non raccapezzava le idee". Pietro emise un piccolo gemito voluttuoso e la sua mano fece un gesto leggero. Eva lo guardò duramente. "Chissà come sarà quando si sveglia". Era ciò che la tormentava. Non appena Pietro dormiva, bisognava vi pensasse, non poteva impedirselo. Aveva paura che si svegliasse con gli occhi appannati e si mettesse a balbettare. "Sono stupida, – pensò, – questo non dovrà cominciare prima d’un anno, Franchot l’ha detto". Ma l’angoscia non l’abbandonava; un anno; un inverno, una primavera, un’estate, il principio d’un altro autunno. Un giorno i suoi tatti si altererebbero, egli lascerebbe pendere la mascella e aprirebbe solo a metà due occhi lagrimosi. Eva si chinò sulla mano di Pietro e vi posò le labbra: "Ti ucciderò prima".

Da "Il Muro", in particolare
dal racconto "La Camera"
di Jean-Paul Sartre

…per dire che nel 1939 si narrava, le "Menti" contemplavano, l’eutanasia, immaginavano come la morte potesse, avrebbe potuto anche, essere un gesto d’amore e, la vita, con il fardello millenario di pietas cristiana, una tortura abominevole.
Noi ora, con l’attuale governo di pupazzetti di pongo, siamo capitolati all’indietro; nel baratro del tempo, di circa 100 anni per ciò che riguarda l’etica dell’esistenza(per non parlare del resto), per quel che concerne il rispetto per la vita che può significare umanamente anche "toglierla".
La chiesa o la politica non possono avere poteri coatti di morte ne di "vita" se
di vita si può parlare in determinati, atroci, risaputi tristissimi casi.

Una volta un tipettto tutto particolare disse:
La civiltà di un popolo si vede da come tratta i suoi animali
era Ghandi
io non chiedo, a questi burocrati, borghesi piccoli piccoli, nani trogloditi, volgarissime riesumazioni degli osceni yuppies anni ’80, di osare tanto, ma almeno guardare al bene comune dei propri simili, umani e, di smetterla di confondere, asini, il significante col significato.
I somari vi hanno votato e, da somari ci state trattando, ma c’è una buona metà, d’italiani che ha un cervello e una coscienza e che vi giudica:
Morte non è sempre il significante(il fonema) d’un brutto significato, può voler dire anche liberazione, emancipazione dal dolore e da una vita che non è più degna d’essere chiamata tale.
Morte può significare anche Amore.

(non sono allineato, ma alienato)
dal qualunquismo, e dall’apatia che mi circondano
molto diverso
molto diverso

p.s.
La massa informe, il popolicchio italiano brutale, quella buona porzione di ignoranti etici, giovani e vecchi non fa differenza, che non ha una memoria storica o che co(i)llusa col potere, che vaga nei meandri dell’idiozia, degli egoismi, della mafia quotidiana senza discernere, non va assecondata, ma educata, formata, informata, un governo degno di tale nome non funziona con frustino e carota(di parata), ma come un ente (poco)burocratico, politico e principalmente morale(voce agl’intellettuali… a destra dove sono?), non si può lasciare andare alla deriva una nazione d’imbecilli, che testimone la storia, vaga, "rimbarza", da una parte all’altra, da un padrone all’altro con l’indolenza delle vacche al macello, la responsabilità di questo blob che si chiama Italia, da nord a sud, non può essere delle pecore italiane, non avete coscienza, a differenza di un Europa intera che si è evoluta(senza considerare purtroppo i paesei dell’est), che ha modellato i propri principi facendo tesoro della storia, i corsi e i ricorsi; non sono una regola ineluttabile; è la cultura, l’unico diktat; la lettura della storia, in chiave di "libretto delle istruzioni", in modo d’avere chiaro come (al solito) e perchè si muore(dentro e fuori), anche restando in "vita".