Chi beve fanta è un pagliaccio!

è, oltremodo e sfacciatamente vero però esistano fazioni, intere legioni di clown che pur di non esser considerati dei "coglioni" bevono segretamente ettolitri di simil-cola, la cocacola originale è sostanza vietata per i saltimbanchi (art.10 comma 27 costituzione circense bis ex Beniamini) in quanto può dar luogo, in quelle etnie, ad eruttazioni vulcaniche del quinto grado della scala Mercalli… spesso le famiglie dei clown sono coinvolte, col benestare dei colleghi funamboli, nel mercato illegale delle cole nere… nel 1972 Simon Dieselthal, famigerato cacciatore, a scoppio ritardato, di clown colomani riuscì a scovare un’intera congrega parentale di pagliacci nordislandesi di origine polacca, i PepsiKolowitz, trafficanti di cola mistificata del Borneo dediti ad uno smodato e sacrilego consumo di cola, tutta la famiglia compreso il pappagallo impagliato ed il pupo col biberon, furono condannati a morte dalla corte marziana, ai PepsiKolowitz venne chiesto negli imminenti attimi prima d’esser giustiziati se aveTTero avuto un ultimo desiderio prima di spirare, erano già pronte le sigarette, ma Fritz PepsiKolowitz, il pater familias,  inorridì tutti chiedendo sfacciatamente ed inoculatamente una pinta di cocacola per tutti(da bere, fritzzanti, in allegria); la pena fu commutata in iper-morte così dopo la prima esecuzione a colpi di kalashnikov, i trapassati PepsiKolowitz vennero resuscitati con un rito voodoo marzescente e trucidati una seconda volta a colpi di bottiglie di cocacola vuote, una stra-morte lentissima e dolorosissima, ma innanzitutto ridicola, la fine più degna dunque per un clown, così senza volerlo il giustizialismo della corte marziana e del lento ma inesorabile Dieselthal creò i primi martiri del cocaclownismo, una piaga che ancora oggi devasta intere generazioni, ettari, di pagliacci che pur di non esser considerati coglioni(specialmente dai colleghi trapezisti) preferiscono ereticamente rinunciare alla genuina natura clownesca ripudiando la Fanta, e ricorrendo(rischiando grosso!) a tutti i surrogati possibili della cocacola…

dopo anni d’esperienza, la vita m’ha portato, con lucido raziocinio, ad avere più certezze rispetto all’esistenza di Skeletor, dominatore dell’Universo, che non a quella di dio…
qua "parla parla", ma,
nessuno l’ha mai visto, sto Mr.dio…

…e comunque, chiaramente, Skeletor molto più dell’antagonista biondino…
in effetti; He-Man è poco credibile come personaggio, fatuo, vaquo, quasi quanto dio.

Ho sempre avuto un’idiosincrasia molto pronunciata(ed implicita) nei confronti dei biondini(e delle biondine, of course), sarà per via di quegli occhi di ghiaccio così difficili da evitare, eppure nel lontano 1972 Zimon Dieselthal, scoprì un’intera compagine parentelare di biondini dagli occhi di ghiaccio così difficili da evitare, che in realtà indossava, subdolamente, lenti a contatto colorate, la tonalità cromatica originale dei loro occhi era di un banalissimo marroncino scuro, che diciamoci la verità, col biondino non ci sta a fare proprio un cazzo(volgarità funzionale per rinforzare il concetto pregno), si perde tutto l’afflato nordico, antartico, glaciale che solo uno sguardo biondo/blando sa dare. Per via della mistificazione, perpetrata ai danni dell’opinione pubblica voyeristica, la famiglia dei biondi ContaKtolowitz(origini polacche) fu condannata a corte da una morte marziana o pressappoco, nell’attimo esatto prima di spirare fu chiesto a Fritz ContaKtolowitz se avesse voluto una sigaretta, già per altro approntate nelle mani del boia, Fritz Witz inorridì tutti chiedendo, stoicamente, di poter indossare un paio di lenti a contatto fucsia, così da poter guardare la corte e la giuria con uno sguardo un po più cool rispetto ai suoi banalissimi occhi marroncini così facili da evitare, la corte spietata e giustizialista condannò la famiglia Scassakazzowitz alla iper-morte apparente semi-condizionata, dopo una prima scarica di kalashnikov, in una struggente scena corale di pre-morte famigliare, gli Ciavetescassatolaminchiawitz furono riportati in vita con una spruzzata di nafta che Dieselthal aveva prodotto sedutastante con una scatarrata animistica(zzi), la seconda morte, quella condizionata fu indotta con la visione forzata allo specchio digitale per 30 anni(a partire da oggi) con lenti a contatto blu Chroma key, uno smacco, per un biondino, non poter distinguere, il proprio o improprio blu oculare, anzi vederlo completamente trasparente equivalente cioè ad un nulla inducente la morte per malinconia asfitticoculare… una pena orribile che conduce ad uno spegnersi veramente lento(30 ed oltre anni di agonia speculare) e agonizzante che solo una corte giustizialista ed incredibilmente motivata poteva adottare… il caso non mancò di destare scandalo nel mondo dei contattologi, in erba al periodo (1972),  tra una cannetta e l’altra ridacchiavano e schizofrenici piangevano la morte dei loro beniamini, Frankensteinz oculati/oculari post litteram, giustiziati da un opinione pubblica anticlericale anti-oculare e principalmente anti-patica… ma questo orrendo episodio gettò le basi per la creazione di un associazionismo estremista massonico-religioso dei contattologi cannabinoidi(Kombctatology), tanto che nel lontano 1972, il veterano dell’accalappio inveterato Szimon Dieselthal scoprì un’intera nazione di contattologi consanguinei incestuosi dediti al consumo di hashish ed LSD micronizzato a rilascio graduale iniettato nel liquido sinoviale di lenti a contatto bluastre che indossate post ipnosi-icastica creavano un effetto tridimensionale molto caruccio… ma questa è un’altra storia….

Annunci

21 pensieri su “

  1. sto a posto ieri ho bevuto una fanta, per chi ha gli occhi verdi c’è su marte il via libera (detto altrimenti : “legge del semaforo verde” – L.Cromaton art.223strabis e successive modifiche ) per tutte le bevande. Questo ha stabilito il giudice, che poi è mio zio Abelard ( grazie per aver citato la sua opera meritoria ) siamo tutti originari di Ma’adim Vallis , la sede delle maggiori produttrici di colliri, la famosa “Collirion Valley” di Marte.Ovviamente anche lui ha gli occhi verdi. Eh già , ogni pianeta è paese.

  2. per la legge della meccanica quantistica ciò ti esime infatti dal crederlo, difatti è proprio così.E’ il vuoto . Così è se così ti pare.

  3. diluzione omeopatica?Il simile cura il simile, suggerisco 30 Ch di “Terminus” o detto terminatore , tipologia : soggetto in grado di annientare l’esistenza altrui e/o altrui convinzioni.Terminata la cura è probabile che il soggetto debba proseguire con “Sarcasticus Causticum Tristum” , sempre 30 Ch , tutto il tubetto in un unica dose.Si consiglia una pomata all’Arnica e compresse di Artiglio del Diavolo per i dolori articolari.Se si avvertono acufeni è del tutto normale, significa che la cura sta funzionando.

  4. Sei Crono, mangiator di figli, ma Zeus scappò e ti fece fesso, or sarai costretto a pagargli gli alimenti a lui e a tutti gli altri : Aulin, Maalox, Nevril e Nevral (Castore e Polluce), Ansaplasto e il piccolo Brufen.

  5. alla mitologia greca preferisco l’entomologia bizantina, al massimo l’ematologia demagogica.
    Dovresti provare ad aumentare leggermente il dosaggio di cocacola.

  6. sai dipende dal rapporto di compressione, il mio è alto, quindi anche il n di ottani deve esserlo.Grazie comunque del consiglio e buon pomeriggio.

  7. be considerato che hai “saltato” anche un significato nel concetto appena espresso, sei autorizzata a “saltare” anche la lettura, in genere.
    non ti serve.

  8. non hai comprensione per i motori per macchine (ed aerei) ad alcool.Si viaggia così : si sale a bordo dopo essersi riforniti direttamente nel gargarozzo presso un barman di fiducia o da un salumiere, il “motore parte”, hai solo una sensazione di stordimento e rotazione ma quando ti riprendi ecco che magicamente sei tornato al punto di partenza.Veramente efficenti.Vai e torni in un battibaleno.

  9. captivare, sei un dilettante:
    mai mischiare coca(cola) & rum.
    anche se fosse una miscela al 3%, l’intenzione è sbagliata.
    cocacola pura.
    fanta all’occorrenza.
    fantascienza.

  10. ova, il tuo occhi di ghiaccio son così difficili da evitare… magari con un po’ di coraggio, prima dell’arrivo mi farò baciare…
    (ma
    dell’arrivo
    di chi?)

  11. senti un po vai verso la nullità grazie dei suggerimenti,nota un po il diavolo ha le carte scoperte ma tu che ne sai ti credi che usi e getti ciò che ti farebbe re della terra se dio lo concedesse,oh coglioncino coniglio ma vero che tu affronteresti nessuno sul serio,chiudo così convertiti che sei niente.

  12. l’ennesimo farfugliamento…
    somaro di lecce, ripeto:
    hai problemi di sintassi, logica, ortografia, per non parlare della grammatica, della psichiatria e della tua fede invasata verso una religione, quella cristiana, che neanche conosci, hai praticamente fede per il nulla(che è poi l’uguale per tutti i credenti), però di una cosa puoi essere certo, io sono nato a Copertino, a quattro passi dalla Grottella(la Urteddra!), li dove nacque Giuseppe, sai;
    in vita il “santo” era perseguitato dai creditori del padre, perchè nel 1600 i debiti dei genitori ricadevano, per legge, sui figli, ogni volta che lo trovavano
    “lu struppiavane te mazzate”…
    ora se io dovessi malauguratamente per te “trovarti” da quelle parti,
    “te nsaccu tantu te cuerpi ca te fazzu scirrare quandu si nnatu”
    e tu da buon cristiano se ti sarà rimasta, intera, dovrai porgere l’altra guancia ammesso che sarai in grado di articolare ancora dei movimenti.
    Occhio; quello era santo e lo proteggeva la madonna,
    “a tie se me capiti a mmanu nu tte protegge mancu gesùcristu; te friculu comu a nnu purpu, te fazzu a schiuma”,
    con questo concludo l’idillio e ti auguro un buon proseguimento, abbi chiara questa cosa se tu sei la pecorella smarrita, io sono il tuo pastore e se ti trovo fuori dal gregge… il seguito puoi immaginarlo.
    “Apri l’ecchi ca te bbinchiu te mazzate comu nu ciucciu e poi te fazzu ntisare a cauci an culu e te mintu nna zappa a manu(quiddra è la fatia tua) e ddrai an cignare cu zucchi seriu sinò te rrianu autri cuerpi, fino a quandu nun de cacciu nnu cristianu te ddru ciucciu fessa ca sinti”.
    Fai il bravo, che
    non scherzo.
    (cuerpi)
    (furmini)
    (e sajette)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...