sentirsi

mamy:

si anche tuo fratello si sente(al telefono) con una “donna”(ahhhhh!) di roma…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ma… anche presupporrebbe una dietrologia del “si so bene che tu”, “già so”, “sappiamo tutto!” “so che quando ti telefono ed è occupato stai parlando con “quella””…

ma quella cos’è? una “donna” (ahhhhhhh!)

ciò implica un impegno mentale a perdere, svincolato dalla corporeità, che è più affine al teatro, la radio, al gioco di prestigio, l’onirico onanismo, che non al “sentirsi” con qualcosa o qualcuno, è come parlare, scrivere a dio, la madonna, non importa che ti rispondano è una questione di fede o transistors scoppiati.
Ma, tutto quest’affanno dietro ad uno scranno seduti per fare aggratis il centralinista, con una “donna” (ahhhhhhh!) scriversi, magari con chat, skype, msn… il marito cornuto(è cornuto per costituzione il marito)(la moglie è uguale, contesti, ruoli intercambiabili) scopre l’inganno virtuale ed attua un realtà legale, soldi, cose, case, bambini, cani(“oggetti” ormai sovrapponibili) alimenti, perchè… si! Stanno, ‘sti qua, a mangiare da mane a sera, è un lavoro quello del consumatore, anzi Il lavoro. Il posto di lavoro è necessario per poter adempiere all’impiego principale di consumatore, ingozzato, obeso, compratore di cose, che “scoprita” la puttanaccia al pc(o dietro, di fianco, sopra), causa conscia di tutti i suoi mali mentali, senza neanche guardare se dall’altra parte ci fosse anima viva, un folletto, la madonna; deve, si sente infermamente, gravato dall’onere ed onore di fare il cornuto e o marito e dunque mettere in moto un’altra macchina per fare(devolverli schizofrenico shoppinghista sciovinista) soldi, comprare cose, spostare oggetti(figli, cani, televisore al plasma) da un appartamento ad un altro, poi si ricomincia con un altra bambol(o)a gonfiabile che, nella simulazione, è colpevole a volte di apparire un po’ reale, acquisire vita propria; il cornuto dunque, consumatore(magari va, risentito, dal rivenditore o dal dottore) rimette in moto la macchina oggettivante e vende il presente al miglior pretendente(avvocato, altro cornuto reale o virtuale, l’idraulico, l’elettricista, lo shampista centralinista, il dottore).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

se mi devo sentire parlo col cane

al massimo vado

dallo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
shampista
il meccanico,
il commercialista,
dal patronato
dallo
psicanalista…
 

 
l’importante è
che sia uno che quando (gli) parli…
taccia
(e quando vai via te ne dice di tutti i colori).

 

 

 

 

 

 

 

 
diota3gl0.gif

Annunci

9 pensieri su “sentirsi

  1. e poi chi avesse paura d’esporsi è perchè s’aspetta il rifiuto e… in effetti a casa mia non se la passerebbe di lusso un “gatto”… figuriamoci il micio col trucco, subito in bocca ad uno dei 2 mostri 😉
    (ed è periodo di fame nera… statt’accoooooorta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...