scrivere un blog equivale a cagare fuori dalla tazza; difficilmente qualcuno troverà piacevole raccogliere merda e buttarla nell’apposito contenitore(fingono!). Il quale non esiste.

Annunci

adole-scienza(perpetuam)

i musicisti(fatte salve alcune eccezioni: Mozart, Beethoven, ed altre riesumazioni transepocali) e chi li segue occupano quella fetta di specie col minore apporto quantitativo di Q.I. non arricchiranno mai il guano evolutivo dell’uomo scimmia con salti alieni alla atterrita media, sono la maggioranza tribale che segue il pope senza alcuna catarsi critica, segnano la decadenza congrua ad un’epoca che produce “oggetti” e non “soggetti”.

la vita è fatta d’incontri

se per tutta la vita hai la fortuna d’incontrare inebetiti
può darsi penserai che la vita sia sfiga
al contrario gli “inerti” che t’hanno incontrato sperimenteranno
l’alternativa e si arricchiranno, inconsapevoli, sonnecchiando.
Tutte le diete e le purghe anche le più appropriate nulla possono contro
il diktat dell’inconscio “che ha GIà deliberato”,

il (povero braccato)gorilla(nostro equivalente selvatico preso di mira dalla scienza come modello da seguire) non ha humus sotterranei contrapposti alla “ragione”; alla verità di ciò che vede,
non ha gabbie, religioni e l’enorme responsabilità e sfiga del pensiero;
di “essere”
(umano.)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i gorilla ingabbiati si ammalano di tumore nonostante le banane(altro mito da sfatare perchè in natura nessun gorilla si nutre di banane, ed in africa le mangiano cotte, le banane fanno male),

lo zoo è la loro malattia,

la vita:

la mia.

convenzioni

approcciarsi a questa società significa vestirsi invalido

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

non è una mascherata ma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

allineamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

solitudine?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

è solo chi sta

a coppa o cielo.

 

superman.gif

la cura è peggio della malattia

star male offre l’opportunità
di ricordare d’esser stati
peggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

chiedere aiuto in una condizione di disagio è facile, sembra naturale…

ma la disperazione è cattiva consigliera e

ci si rivolge sempre,

inevitabilmente

alle persone sbagliate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

sono tutte sbagliate quelle preposte per professione ad AIUTARE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

non è

di questo

mondo

chi

salva

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

la prima volta che verrai salvato
entrerai nel territorio della malattia,
dal quale mai uscirai, se non attraverso
la metamorfosi.
Sin quando cercherai di tornare com’eri (prima)
resterai nella malattia, molti
ci restano tutta la vita e
anche dopo.

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

Chi non muore “non” si rivede.

scie(me)nze

 

 

psicologia, psicanalisi, il parere del nonno
del tabaccaio, del meccanico, del prof
sono la medesima cosa.

Bisogna esser bravi a trovarsi la suggestione su misura e GRATIS

 

 

 

 

dal momento in cui subentra la professione, l’arte liberale, entra la speculazione, la fiction e l’eterna malattia/convalescenza(funzionale alla cassa); non esiste una riscrittura di se stessi, esiste una scrittura ex novo, quotidiana.

 

 

Oggi(e sempre) essere malati è una scelta.

 

 

Apri gli occhi. Butta via tutti i farmaci ed i dottori e

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MUORI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DOPO; “FORSE” RINASCERAI,

POTRAI, MA L’ORA E’ TARDA,

E’ FINITA. QUESTA VITA.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
nel 2012 viene ancora impiegato il “litio carbonato” rimedio del ciarlatano 700entesco(stesso livello della boccia di veleno di serpente anzi, estremamente inferiore data l’enormità dell’omeopatia) che conosceva molti proseliti ai tempi di G. lord Gordon Byron, e già allora non “funzionava” se non in ristretti casi di suggestione o autosuggestione(cervelli stretti); Byron soffriva “l’arte” ed il narcisismo(volgari definizioni mediche) perchè aveva un piede equino. E’ difforme accettare la deformità, è da questa condizione “abituale” che nasce il virtuale, figlio del nerd deforme gates e seguaci… questa civiltà non esiste, da qui la crisi dell’essere, che non è mai stato e ,che ora s’atteggia.
 

 

 

 

 

 

 

 
sto compiute’ c’ha fatto sognà ma
siamo rimasti bloccati alla psicanalisi: 1896.

la medicina tecnologica è bloccata “pure prima”.
nonostante l’algoritmo, crepano.

le statistiche, l’aspettativa di vita è fiction algoritmica, informatica, come quell’economia che negli anni 90 cavalcava il codice binario ed oggi cavalca sta minchia.

(quanto pesa la cultura)

ridimensioni

se a casa del matto fai il sano

risulti quello strano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se fai il pazzo, risulti antipatico.

Scatta la gelosia da competizione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A casa del matto(a) bisogna avere tatto(a).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La nostra società è la casa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del matto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mattatoio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

preferisco assentarmi,

da sempre;

esco

a fare un giro

col cane e

non torno, e se torno

prendo l’altro e

vado denuo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(se per strada incontro il matto me ne sbatto)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

per scrivere ste cose devo mangiare peperonata con cipolle e paprica.

(kummel!)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
ma se per strada incontro il gatto…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
conny.jpg

sono cazzi suoi.

 

 
chienmdrbg31.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
(a casa del matto puoi fare il gatto.)
 

 conigliastro.gif 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 a meno che tu non sia

 

 

 
lei.jpg
 lei…

ma quando vi stancherete d’essere servi?

siccome c’è stato il rigurgito della terra me devo accattà una pezza di pus dop che non se lo magnano manco li vermi(se lo mangia l’acaro, lo stesso al quale sei allergico!! chissa come!!), quanti vitelli hai sterminato, quanti animali torturati, fatti “vivere” in condizioni di malattia perenne per fare sta crosta col pus dentro che puzza di morte che io mi devo comprare magari con un leasing, poi secondo il “dottore” farlo mangiare al mio bambino e quando gli viene un tumore all’intestino incolperà la mia genetica fallace, e la brava “industria” medica-farmaceutica farà i dindi a palate sul corpo del mio bimbo che morirà comunque perchè oltre all’ingiuria del cibo spazzatura lo ingozzeranno di farmaci, radiazioni e… ma non è che niente niente c’è qualcuno che vede e provvede?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

p.s.
da quando ritrovo accomiati aneliti femminili(graditi!) al post v’avverto:
il mio bambino è frutto della mente…

un kiwi.

.

 

“non sono schiavo del facchinaggio della copula”

C. Bene

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 ma era schiavo dei dindi, dell’alcol, della medicina, dell’arte(ahhhh!)…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0

 

 

 

 

 

 

 

 

 
il facchino è tale(un oggetto),
in tutte le “location”
della propria comparsata.
 

 

 

 

 

 

 

 

 
TFREF93.gif