farsi /male

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

AAA l regia/a questa vita

(sono sempre e per sempre stato)

[un raffinato infiltrato]

overture teatrale, cerco su Bologna, (che non abbia frequentato necessariemente scuole di teatro “locali”) che non mi scambi per matto 2 parole si ed una no(ogni parola o niente), sadico, frocio, eteronomo, eteroisterico, perchè non fumo, Freud, Jung, Lancillotto, Lacan, Gesù, Budda, psicoanalisi, perchè lego il mio cane alla bicicletta(in generale credo che l’uomo dovrebbe frequentare suoi simili e non cani o gatti castrati, i miei cani sono integri e abbaiano affamati, come me!!! son matto sempre, ogni parola io farnetichi(è denaro ho bisogno di un produttore, possibilmente stupido come la massa, per ca[r]pirla), quel che penso è irrilevante, quasi quanto quel che dico, cerco donne e uomini da “utilizzare”; gettare in pasto(c’è aivoi una platea veramente poco erudita e sensibile basta pagare ed esser pagati “ET VOILA'” l’arte… in quel di Bologna… ovunque) io, sono un uomo di teatro sconosciuto(scultore in realtà… una delle tante), leader del quanto tale, mancanza del presupposto, compagnia dello scomposto, non ho soldi, ma ne ho da fare… UUffff…(salentino di natale). Così quale non chiedermi, cosa voglio bere se te ne vuoi andare, ma come non fumi?.. cerco attori; CARNE, e non passanti.

 

 

 

 

 

(non ho una lira!!)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 http://youtu.be/Uvmfl_ouiaQ

le categorie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
me medesimo quadro small.jpg

chi mi cerca nel web, chi tenta di visualizzarmi, raccogliermi, censirmi, giudicarmi:  fallirà.

non è nel WWW la mia dimora, e non è giudicando che troverai la verità, giacchè essa non esiste.

io sono comunista, io fascista.

peccato che la massa non ha occhi, e per trovare uno sguardo si debba sgranare molto s’un soggetto indefinibile, oggetto della massa, questo ragazzo dice delle “cose” sul suo tempo, perchè ha colto l’opportunità di leggere quello che altri(altre civiltà millenarie) hanno detto prima, senza discriminare con l’handicappato occhio scientifico contemporaneo(la scienza moderna non ha neanche 200 anni), perchè è nel passato che è vissuto l’uomo, e più si va indietro più lo s’incontra unito a dio… Uno.

 

 

 

Le vitamine come non le avete mai prese

http://www.laleva.cc/cura/librovitamine.pdf

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

quello che il dottore non sa e non vuole sapere
senza il farmaco della multinazionale sei poco meno di zero.
quasi al di sotto dei tuoi pazienti dormienti.

08ff183bbe23985f51d7c9233210dfa4.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

io non giudico chi “guida” le masse(nel baratro),

perchè hanno bisogno d’essere guidate,

non da un macellaio bensì da un buon pastore,

non giudico la speculazione, ma non accetto il genocidio.

Anche ogni singolo individuo che compone la massa,

può, però, alzare la testa dal coro, prendere coscienza
e compiere il proprio destino(smetterà così di soffrire
ed essere impasticcato),
il suo malessere esiste aldilà della volontà

di qualcunaltro(il quale però ci specula!),
ognuno è artefice dela propria condizione, gli ignavi

Dante li “buttava” all’inferno…
Ma Dante, giudicava; così come può fare l’ultima delle comari…
io invece ti do un’informazione, usala per emanciparti.

ricette

 

 
ricordo il culo di marmo
la voce, accento salentino
l’età, labbrà rosse di cerasa

capezzoli, tette assenti
sensualità, il calore.
D’averti avuta
e persa…l’orrore.

sapore di confusione.

valore del banale; solo.
Al pensarti ogni volta
nei sulla pelle
chiara
sangue che verso

sud;
di quel natale.
che mai
mi ha lasciato
che nacqui.

mai
mi hai lasciato.

69078_106511292747895_100001670744543_44629_3853596_n.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cry sfondo nero.gif

 

 

 

online love story

meet on a blog, continue on chat

(smart)phone, the train, the vacuum

two horrific strangers that

would never wanted to fill

in the trick of
the little magician.

 

 

 

 

some nerds games

are only for

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

nerds.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

we are not all magically become

pimply fourteen year olds who masturbate in

Commodore64.

 

 

crisis is a

binary code joke

 

this is his reality, his dream,

his dimension, his suggestion does not
exist.

 

 

 

this is your

neurosis, Bill.
fucking nerd.

la mia nevrosi

 

 
Ritmato loop
senza, apparente
determinazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

non è

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

forse

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

così

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la vita?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 08ff183bbe23985f51d7c9233210dfa4.gif 

 

 

l’isola del(le) pene

l’Italia, da sempre ,è stata una regione del continente umano

senza memoria storica, ciò ha permesso i voli pindarici

dei pochi(artisti, politici, mafiosi), e lo stato di coma vigile

dei restanti milioni di

poeti, santi e

navigatori…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(si può essere più soli?

quando ci chiamavamo “romani”

abbiamo “invaso” il mondo

della nostra inadeguatezza e

frustrazione,

per sfuggire dall’isola delle pene… a cosa

è servito se non è cambiato

niente d’allora? siamo ancora

come allora, zimbelli

della storia.)

brame di femmina(speculum)

guardarsi allo specchio e…

aspettarsi che risponda.

 

 

 

 

 

 

 

il web sconosciuto è lo specchio

tradotto in ogni rapporto

come messaggio pecoreccio

ricevuto in autobus

(m’ami? non so,come ti chiami? mbo siiii t’amo!)

sull’ipod, facebuc, blogging etc e corrisposto

in eguale caratura l’immagine speculare

della propria vaquità confermata

dall’insipienza dei media, tv, web cartellonistica stradale

alla ricerca totale di contenuti; d’autore… lei se lo aspetta

con lo stesso palinsesto e fragore dal padre, fidanzato, marito

figlio, così che muiono in poche settimane,

fidanzati

mariti,

figli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i padri

non ci sono mai

(evidentemente)

stati.

al nord poi; il padre

latita da secoli.

 

Una mattina mi son svegliato,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
Una mattina mi son svegliato

e ho trovato l’invasor.

O partigiano, portami via,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
O partigiano, portami via,
ché mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E se io muoio da partigiano,
tu mi devi seppellir.

Mi porterai lassù in montagna,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E seppellire lassù in montagna
sotto l’ombra di un bel fior.

Tutte le genti che passeranno
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
E Tutte le genti che passeranno
Ti diranno «Che bel fior!»

È questo il fiore del partigiano,
o bella, ciao! bella, ciao! bella, ciao, ciao, ciao!
È questo il fiore del partigiano
morto per la libertà!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i natali di questo testo popolare si fanno risalire a tradizioni emiliano-romagnole(come qualsiasi cosa, grossolanamente made in italy, vedi il Cane Corso allevato pacchianamente in regione[trasformato in un boxerone] che invece è pugliese, compresa la liberazione da un oppressore nato nello stesso “stato” in quel di Predappio) la realtà è però un’altra, a Cuba cantano questa canzone con la parola guerrillero in veste di partigiano… http://www.sitocomunista.it/canti/bellaciao.html

la manovella

c’è, vicino la mia casa, quasi attaccata, una fucina di oggetti luccicanti non identificati, un’officina meccanica che però non è ne un elettrauto, ne un gommista, ne un meccanico ne… non è… Potrebbero essere delle ottime prospettive, per un opificio letterario(il caffè no, troppo dandy demodè), o che so, uno di quei posti dove entra un furgone biango ed esce tutto colorato di graffiti metropolitani, oppure semplicemente rosa, o fosforescente, giusto per distogliere l’attenzione della polizia che lo inseguiva, il detective!! Ma… non è nulla di tutto ciò, nella borgata, che non accetta la propria dimensione da purgatorio(le case costano come in centro ma non se le compra nessuno..) vi è un’officina con una scritta al neon enorme, che acceca con un concetto non ben definito ma sublime tipo “PIONEER”(però è solo una copertura, ‘na metafora!!)… ogni giorno ad una certa si sente il subwoofer dell’ultimo concerto dei POOH(riesumati) che l’hanno montato in un’automobile, se così si potesse, poi, più definire… in effetti l’idea del “camuffatoio” alla Grand Theft Auto o A-Team, pocanzi azzardata si manifesta in altre lussureggianti forme inaspettate; arrivano dei ragazzetti(18-40 anni), con delle macchine normali, utilitarie si dicono, e ma… quando escono sembrano dei disco volanti del luna park! e tutte immancabilmente hanno montato il woofer dei PooH nel portabagagli, che mamma poi non ci può più fare neanche la spesa, o mettere il topocane, marmitte!! grosse come i tubi dell’acquedotto, led, condutture fluorescenti disinvolti alla SUPERCAR(ma non sono guidate da Maicol Night, menomale dico io) e su tutte queste OPERE D’ARTE immancabilmente c’è appiccicato uno stampino grande quasi quanto la macchina, vanifica dunque completamente il lavoro di led, alettoni, minigonne precedentemente elaborato sulla carrozzeria(ma non trattasi di svista grossolana o baracconata piuttosto di una strategia top secret alla 000000007), sul quale è stampigliata la rivoluzionaria, militante, appassionante dicitura

 

IL TUNING NON E’ REATO!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grand_Theft_Auto_logo_series.svg.png

Il tuning non è reato!