coppia moderna

 

solo la donna che s’innamora d’un perdente

val la pena d’esser vissuta

 

 

 

 

 

 

 

 

da

un altro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

quando lui vuole troppo(riqualificazione ad est)

ciao
ciao
maaaa non dovevi partire in Romania?
Si! Sto partendo!
ah…e qua che cazzo ci fai scusa, se sono diretto?
Non mi hai chiesto neanche cosa andavo a fare?
scusssami amore ma… cosa vai affare in bulgaria?
Romania!
romania, scusa, si infatti mi suonava un po strano
Non te ne fotte un cazzo di me!
nooooooooo ma perchè sei così drastica ddai io ti v..vv.v
Che hai detto?
Ancora nniente, ma mi ricordo quando eravamo felici insieme
l’amore che mi trasmettevi tra’a ggente, il brivido del tuo corpo
mi dava vita, ricordo i peli ritti ma a quanto pare mo è f..
F? cosa?
stai annà!? scus sto perdendo mile punti..
Sei una merda! Io parto per la Romania per fare un aggiornamento professionale
non ci vedremo per mesi e tu sei li che giochi…

no scusa aspetta 
poooooooff… mi hai fatto perdere 7500 punti
Ti odio! è l’unica parola che mi viene in mente Ti odio…
SI ma gira la chiave quando esci per favore(dopo monto a serratura nova).
Slamp, trc trc.
…finalmentene ce famo sto giro di DOOM.

stunt girl


premi play e poi vattene*.

 

 

Ieri notte.

Abbiamo fatto l’amore

io; TE

mi annusi le ascelle scusa
ma…

si ti prego fammi entrare più dentro, col naso

non sai quel che fai

si, posso rimanere col muso qui

fin quando non nasce il sole?

…no, tra, “non so quanto”, devo andare.

e dove devi andare?

‘na parte.

ma… ci possiamo rivedere?

e non lo so sai… No.
Mai.

io voglio solo annusarti le ascelle per sempre

ma… tu,
(non),
sei pazza.

Non è mai successo, c’è

un’odore… tu…

Si,
Io non posso.

perchè?

S(u)ono.

Che strumento?

Silenzio.

possiamo farlo insieme?!!

no;
non mi piego.

Non sono stabile

neanche io!!!

ma…

Ciao, vado.

No! voglio venire; devo restare
con te

ahahah… il tempo cambia e
quanto
faranno perchè
mi lasci…

Lavorerò io, farò questo farò quello pur

di star con te purdistàaaaaaaaaaar!!

Hai solo 28 anni, non capisci;

non c’è modo, se l’amore è per sempre; annulliamo
sto destino falso che

finisca subito.
Questo; è il nostro.

ma ti fai tante paranoie io; domani come

farò senza le tue ascelle?

no, che piangi; non ho colpa

il mondo vuole così

domani morirò

non ho
neanche 40 anni.

vattene!
ma! ti vuoi staccare dal braccio?

NnO!

ma ti devo dare un colpo di Karate a 18 carati??

si, ma

 

uccidmi ti prego.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
non ucciderò nessuno
oltre me stesso
non ne avrei
facoltà.
tu non sei
una facoltà ma
un capriccio facoltoso.
Il quale non posso
permettermi “femmina”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
*quando si fa jazz in italia(che controsenso!!)
pare d’essere all’arena imperiale ma
non si comprende bene se
all’entrata dei gladiatori;
bestie selvagge, o sulla punta del pollice di Cesare:
la stessa nobiltà triviale ahahahahahahahahahahahahahahahah…
il vostro essere provincia mi fa ridere da
sempre, se foste stati una “legione” autoritaria
non avreste lasciato morire vostro fratello
padre, Luigi Tenco,
se foste stati…
giacchè il passato non esiste ed
il futuro è una chimera il condizionale
è il verbo per descrivervi.
Guitti, pagliacci!!

barzelleta

Uno va dal da dottore e dice:

-Dottore sono depresso; la vita..
mi sembra dura e crudele mi sento solo
in un mondo terrificante.


-Haha! si tiri su. La cura è semplce: il grande Clown Remeron
è in città, vada a vederlo la tirerà su!

-dottore, è scoppia in lacrime, quel pagliaccio; Remeron sono io.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

non ti reggo, non ce la faccio, portami a casa.


ti direi
premi play
prima di leggere ma
ti consiglio di premere
‘na cosa qualsiasi
prima d’andare a dormire
(tipo arresta il sistema)

 

 

 

 

 

Non posso dormire troppo perchè, un po’ triste
non posso vegliare, uguale, perchè il “troppo” esiste
non mi posso affidare perchè non ho amici
felici
e quando gli dico le cose
mi guardano strano non capiscono
non mi danno neanche la mano… spariscono.

 

 

E poi ce n’è uno che il giorno dopo(non so cosa) viene a dirmi:
Remeron ho guardato la realtà con i tuoi occhi mi sono accorto
che sono un topo…
(…)
che tutto quello che ho costruito non ha senso
è solo il buonsenso di mio padre che non aveva co-scienza!
(ambè)
che dici?
(no niente)
io; io
grazie a te ho acquisito la conocienza,
Ora vedo mia moglie quando si muove
anche all’ospedale, a cercare il partito migliore
di me!!!
(Ma scusa come cazzo fai a vederla…)
Gli ho messo la microcamera nell’occhiale antiriflesso,
non sono più fesso
di quel che tu mi scorgi!!
[ti sbagli!]
(Ma Alessandro non so cosa dire!! Cos’hai scoperto su sta bira da 4 lire?)
Se te lo dico mi viene il vomito anzi ho vomitato,
doveva compilare la cartella clinica per un malato “particolare”;

il vecchio primario che sta in coma da un anno, che gli aveva promesso…

Ha visto prima il figlio dottore; terzo al reparto all’ospedale si è fatta venire in…
non te lo voglio dire,
poi il primario in seconda e posso capire…
(ma scusa…
sto bevendo il caffè!)
per cortesia lassssciami parlare!
è arrivato l’infermiere personale del nuovo primario, il caposala!!; quello che gli passa i ferriiiiii!!
anche li s’è messa in ginocchio e..
(spero sia finita perchè devo andare)

 

no aspetta, ti stai agitando!

 

(a suicidarmi
ma per cazzi miei una questione sospesa…
comunque ti manca la sintesi cinemica)

Noooooooooooo, rimani!!!

L’ho beccata con l’avvocato di famiglia!
(ambè?)
stava firmando le carte per un divorzio!!!
(no scusa adesso mi devi pagare perchè mi hai fatto vomitare)
bevi la birra troppo veloce!!
(si ma anche le stronzate che dici…)
questa è la mia vita
firmava le carte per il divorzio…
ma sai con chi si va a mettere?
(col figlio del primario!)
no!
(col primario salma!)
No!
(coll’infermiere personale!)
Coll’avvocato!!!!!!!
(ma senti vattene affanculo!!)
(hai firmato?)
si ma dopo me l’ha detto l’avvocato!!!
(quanto ci rimetti?)
100mila
(vabbè l’hai pagata dai prendi n’altra birra!)
(quanto siete stati sposati?)
4 anni
(ti è andata bene festeggiamo prendi lo smumante treviggiano!)
si ma poi partiamo
(io so gia partito)
si vabbè ma prendiamo una casa, c’ho un giro di
amiche andiamo in costa smeralda, a ibiza, faccimm nu spaccimme: festa!!!
Ma che fai e vomiti così?
(suspense, no è il dialetto che usi.. brrroowlll)
dai riprenditi che andiamo a ballare stasera sono libero!!!
(ci credo; no, portami a casa)
ma come faccio da solo dai Remeron!!
(portami a casa davvero)
s’è per quella volta che t’ho lasciato
senza gasolio alle 3 di notte e non c’erano distributori aperti
e neanche mi sono degnato di venire con te per cercarne uno
e sei poi rimasto per strada guarda che l’ho neutralizzata vai tranquillo!!
(no è stasera ch’è luna piena, e ben sai che sono metereopatico)
ahahahahahahahaahhahahahahahh!
ste puttanate non c’ho mai fatto caso…

(davvero PierLuigi portami a casa)

si andiamo…

 

 

(ma dove stai andando questa non è la strada)

non te preoccupà tutte le strade…

(…)

Remeron guarda che villa che macchime!!

(…)

Remero ripjate!!

REmeroooooooooooooooooooooooooon!!!

 

 

 

ghoul

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e di “non so come cazzo si

chiamava” resta un ovetto strapazzato

(TE L’HAVEVO RIDETTO: PORTAMI A CASA)

mo a cappuccetto dove cazzo lo vado

a trovare?

 

 

(Scusi, benzinaio che c’è un bosco qua vicino?)

si guardi sulla Flaminia arrivi vicino al barre

e s’accosta accando, ma!! si tenga lontano
dalla brughera!.

 

(Ah; Grassie)

 

(scusi se esagero
ma non avrà mica della
carne fresca?)

 

si t’ho già visto a te
veni a reto che te facemo
magnà mica s’er primo.

 

(aaaaha…llora giro)
si fatte ‘r giro largo
e ntravieni.

 

 

(mmmm bona che… che cos’era?)
no na sciocchezza mi moje
me cacava’r cazzo de nna vita…
(si ok ma potevate almeno tenerla viva prima,
che orrore!!)
ma pensa ‘lli cazzi tua!
(si mo ce penso nonnnnnnno!)

 

 
ghoul.gif

 

e nnò!nno,NNO!! fremo che io so idraulico!!
(chessei?)
idracula-o!
(ambè no,no damme na’rtra, entrata
na stassione, via d’uscita..
mo c’assorbito tu moye me vene
naturale r volgare nun ce vole poi tanto cor primordiale)
‘nfatti mo ll’ha capito?
vai drito de lla poi gira ma
stai carmo! sei ‘no stronzo! se
tte fai vedè co tutti li peli…
(a ragione nonno me te magnerei
se non fossi gia stramorto!!)
be!
allora affanculo!!!
(no dimme nun conosco a strada)
cazzi tua.
cià
(cià)

 

 

 

 

 

(piiiii! piiiiii!!!!!)
Aho! ma llora sei cojone
(si non ‘mparo mai)
Nun te poi fa vede a dde novo qui ce fai scoprì
già n’avemo scannati qua
(nonno io sono alla frutta
tu quant’anni ch’ai?)
dducento!!
(ahahahahahah!!!)
(portem rispetto io
3000
so fjo de tu trisnonno!)
di chi se fjo?
te ne devi d’a anna!!!
nun me poi creà sto promiscuo
(nonno, tra colleghi; se un lupo se magna
‘na carogna che succede?)
Ecche jie deve succedar lupo
se po magnà pur’a mmerda!!
(nonno le tue indicazioni
erano sbagliate)
(me so’ ritrovato
ar centro sociale co
tanti bambini… nun l’ho toccati)
EH! li che t’ho mannato
(avevo fiutato)
ogni tanto annamo ‘ffa riserva; carne
fresca vergine ahahah!!!!
ma che tte pensavi che tte mannavo
al mercato coperto? r’macellaro?

(nonno che c’hai qua sur gobbo?)

ma dove?

ghoul

 

 

 

 

 

 

 

aaaaahhh!desso morerrai te sei magn- bowls- sput sput cci tua, r’sangue de n’omo morto
(nonno mejo morì ch’esse nu nfamone, io
ch’ho na religggione, pure se so’n mostro!)
ghhlowlsew- arirastansenve!!!
(machesstaiddì)
strazzeche!
e del corpo del benzinaio vampiro
rimane un uovo strapazzato
(alli bambini rastamanni m’aveva mannato
sto fascio stramorto
sarò pure lupo ma nun so
storto nonno!,
affanculacchit’è’mmorto)

 

 

 

 

Indotto per la figa – Since I’ve been loving you(led zeppelin)

ti propongo il testo letterale
della canzone, dunque puoi anche
leggerlo prima, poi premere play.
(oppure leggerlo e ascoltare
contemporaneamente; dipende dalla
tua predisposizione
alla settimana enigmistica)

 

 

 
Da quando t’amo- Since I’ve been loving you(indotto per la figa)

Lavorare dalle sette alle undici tutte le notti
rende la vita un inferno, non credo sia giusto
Sono stato per te il più bravo degli stronzi; il migliore?
Ho fatto del mio meglio…
Perchè t’amo bambina, quanto t’ho amato, quanto.
Come! ti amo bambina, mia piccola
Ma.. da quando t’amo amore
Ho perso la mia arte.

Molti hanno cercato di dirmelo che
tu non sei nulla di buono, per me
ED io c’ho provato, Dio!! lasciami dire
che ho fatto il meglio che potevo
Ho lavorato per il nostro amore dalle 7 alle 23
ciò ha reso la mia vita inferno tutte le notti
non è giusto per dio
da quando t’amo
sto perdendo la poesia

T’ho detto che piango!!
Le mie lacrime cadono come pioggia
Non le senti, non le senti!!
Non le senti cadere!!??

Ricordi madre, quando bussai alla tua porta?
Ti chiesi se avevessi il coraggio di dirmi che non mi volevi più! si!
Aprii la porta e me la sbattesti in faccia.
Ora hai bisogno di un nuovo uomo a cui sbattere la porta sui denti.
(io non ne ho più denti)

 

 

 

 

 

traduzione molto poco interpretata, dal testo originale.
Gli Zeppelin scrivevano anche testi… già, caso unico e raro
per questo la sassonia si rivoltò e inventò il punk…
La poesia, acor più se con impronta proletaria
era troppo per la regina, per la
mamma dei britannici.

Dottoressi (Italian Horror Story)

premi play e poi………….. leggi(mi raccomando deci
bel).

 

 

 

 

Oggi nell’epoca della mercificazione globale famelica borghese
l’università è lo sportello della posta
vai a pagare la retta(via) e ti danno in cambio una(supposta) laurea.
L’universimentificio, frutta un sacco di soldi a provincia, regione
stato ma, non frutta menti, questo è un peccato.
🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Studia ignorante!! dice la madre con la terza media, intellettuale e spirituale
Il babbo non commenta, sta guardando “fritto” la partita su Skyp(fa bene!).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mamy, mi fai l’ovetto alla coque ancora non ho imparato a farlo 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma dopo tutti questi soldi che abbiamo schpeso 8(0) anni
di università figlio mio com’è che sei ancora così cogghiune?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 (sono single!!)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le madri rovinano i figli italiani(mandandoli all’università
invece di mettergli la zappa in mano).
Joint venture italianalitica.
Le menti sono tutte al sud! Ma

al Sud Africa: Pretoria.

 

 

differenza semantica contraddittoria, rispetto gli

adagi degli anni ottanta.

Oggi l’imbecillità in italy non ha regione o ragione

così come la mente che non è in questa nazione

d’allevati pampasscioni. Fate bene!

Farete strada!
magari
sulla pelle della gente, dopo
aver costruito un’autostrada, un ospedale, na scuola,
che crollano al primo turbamento tellurico…
magari dopo un trapianto di fegato dove
al posto del fegato il paziente si ritrova
un rotolo di garza(però sterile quel ch’è giusto è giusto)
una pinza emostatica, il bollettino postale, il verbale
di una multa di 800 euro che hai cercato di occultare…
hai scelto il posto giusto… nessuno lo andrà a cercare…

Ambecille vai a zappà, co tutte le 27 lauree che
t’ha comprato mammà.
e papà che non ne vuole sapere
niente d’essere disturbato mentre
segue, stroncato, la partita
in tv, alla radio
(per tutta la vita
anche perchè tu non sei suo
figlio ma del tabaccaio e
lui lo sa ma! va bene così…
Ottimo per mamy adesso va a
comprare l’MesSe ed incinta ne esce
poi se nasce(hai anche i tuoi 57 anni!!)
lo manda
all’università dei mongoloidi
oppure lo lega alla catena
nella terrazza, stesso portato intellettuale,
dell’universimentificio,
con un piccolo sacrificio
per mantenere la faccia della Prof. col vicinato
conservare il sangue del barbiere
anzi del tabaccaro, chi cazzo era
non se lo ricorda neanche lei…
domani farà una figlia col postino thailadese
l’accoppierà Giuseppa Mengele con le
catene della sua coscienza…
E fai bene!!!
l’estinzione del caucasico
è endemica, na società de froci
nfami, papponi, ci metti del tuo
ce lo imponi, l’accetto…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Mamy mi fai l’ovetto?.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma ancora dopo 80 anni di catena
non hai capito che sei una bestia
e devi mangiar la crocchetta?

Mamma io ho un’anima.

Ahahahahahah!

Mamma per me sei una donna
eccezionale, anche dal punto sessuale…

perchè mi neghi la tua grazia?

 

 

Ma!!!!!!!! figlio mio io…
che cosa poetica che hai detto
in effetti mi conservo bene
tu mi stai facendo sognare
sei il dono di dio.

 

 

 

Mamma e

perchè non mi
stacchi la catena vorrei…
darti un
bacio,

 

Oddio figlio mio

mi fai felice
non aspettavo altro ora ti libero
parleremo di musica, poesia;
non corteggiarmi però così!
oddio sarò bella ma sono
una donna matura… mi lusinghi.

 

 

stracchete(gira la chiave del lucchetto al collo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ghoul

 

 

 

 

 

e di mami resta un
uovo strapazzato,
Quello alla coque
non m’è mai piaciuto
veramente; era un alibi…
Mamy,
(…)
mamiiii!!
(…)
haò!
(…)
mamy! 😀
vabbè…
vado al piano
di sotto a trovare quel fritto di papy
che guarda la partita…
ci divertiremo insieme.
Ketchup & Pop Korn!!
🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

If I bite traces remain,
but you will be (in!) my kingdom.
Baby.

la zia, mort(a)e [commedia cittadina]


premi play e leggi.(soundtrack)

 

 

Non ho capito
che cazzo voglio
o non voglio,
che lingua
parlo o non
parlo,
leggo ma mi
fraintendo.
Oggi sono in sciopero
che qualcuno mi lanci
‘na scialuppa!
che qualcuno…
Che cos’ho?
sto soffrendo
cosa non ho,
molto.
Delirium tremens.
Quando son solo ti voglio
quando ci sei vorrei esser
solo un po meno
schizo
frenico…
dell’aria pulita! qui
c’è puzza(di socialisti!).
Garofani
quell’odore di stantio
che subisci al cimitero
ho sempre pensato fosse
degli ultramorti putrefUtti invece…
erano i fiori;
il profumo di
quelli freschi si mescola
ai decomposti, crea la
balbuzie sinestetica…
senza etica sensoriale.
Come l’odore, la scia! che
lascia la vecchiona(bisbeticoeretica) di qui
di casa mia! che
non si lavò mai
di coprire poi, cercò
riscoprire l’a(e)ssenza
del buon odore
con un profumo forte
da 3 lire
amalgama al corpo compianto.
La morte!!!
quando passa
oltre la scia lascia
un borbottio incomprensibile
fatto di
 
-“si, no, quante shcale devo f,
shta per piov, shcusa, prego, avanti, la schpesa pesa
chi sono? lo scoiattolo! anzi l’ho
scordato(lo), shalgo schiendo?”

Se ti blocca per le scale
resti pazzo;
paralizzato per ore
stordito dall’odor,
del fu fiore(del male)
più che altro dalle parole,
l’impianto scenico
apparentemente casuale senile
demenziale, bevo per
dimenticare.
Non ce la posso fare, per favore
devo andare,
-scusi signora
di 120 anni, le scale le fanno male?
salga in groppa a cavalluccio
la prendo in braccio, sto
vomitando
la porto io al
5°(elemento)piano
ascensore umano
-per carità però
stia zitta, che perdo la
forza la rincorsa,
della slitta sono
in apnea sto per collassare,
ad un passo dalla
fine, l’enfisema polmonare.

“Grassie giovane… buongiorno e arrivederZi caro.”

 

 

 

Onnoooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooo!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
he!no; la replica non ci sarà…
(…)
ahò befana…
(…)
ehi!!!

fazzio le scale sino al 5° piano le gambe mi fan male
devo portare la scpesa sono sola, sono sempre stata sola
confinata al 5° piano ho 121(mila) anni e dunque vado piano
all’epoca mia z’erano signori, uomini, ora mi sbattono
la porta in fazzia perchè scion veccia, brutta, ma vivo.

 

 

porcoddeaz nonna non puoi sequestrarmi con la tua poetica
divento un animale, m’imbizzarrisco come il cavallo mi
nasce naturale l’istinto
di protezione, salta in groppa anche se dopo
dovrò farmi la disinfestazione!!
chi son costoro che ti sbattono la porta in faccia!!
porcamiseria ladra chiamami telefonami così che io gli faccia, non so che cosa!!!
son tuo figlio, nipote, marito mai sentito,
l’acrobata che ti porta e regge s’un dito
la vecchiezza non è che il raglio, di ieri, della giovinezza
impressione onirica mentale. L’ospedale dove
ricoverati stanno i ricordi malati, però
se il futuro non esiste
cos’è dunque il passato?
un fiore “putrefa(t)to”?
Il rosso garofano
splendente oggi,
domani sarà morente,
puzzolente(come te) nonna
che non t’ho mai avuto,
dunque passato e futuro sono
niente, cosa conta dimmiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!

Sciolo il presciente(amor mio!).

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!
il presenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!
amor miooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!
ho sempre

 

 

sbagliato

 

 

tutto nonna!.

 

 

 

 

-M che belgli occhi grandi
che z’ai! shembrano turtelen…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
ghoul

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

te l’avevo detto nonna
di star zitta
ora mi tocca
mettermi il tuo soprabito
reggiseno, e collaaaaaant
che schifo!.. solo per fare il
lupo frocio della favoletta
di Charles Perrault..
ma
io non sono frocio;
neanche lupo

 

 

sono

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

una favola.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cappuccetto.jpg

 

 
cappuccetto?
mi sa
aspettare…
grauuurrrr!
185cl.gif

bellicapelli

 

Jimmi Page stava cercadno una voce per il suo gruppo; una sera in un night assistette all’esibizione di Plant che cantava con un gruppetto locale… se ne innamorò, e gli propose il connubio artistico.

Page ha dichiarato più volte, quanto l’odiasse per la sua bellezza e lo stile selvatico, permesso probabilmente anche dalla folta chioma dato che alcuni video dell’epoca, interviste di backstage ce lo mostrano con una dentatura imperfetta(a dir poco), a 25 anni mancavano già i premolari (e non solo, eroina tagliata con acido cloridrico? bo: l’Arte ti succhia) a Plant, ciò non gli impedì d’essere il leone ch’è stato, nonostante la critica musicale del tempo, la dentatura, aveva una voce esiziale, anche se non usava il diaframma come le cantanti liriche o gli attori, riusciva a prendere note altissime di gola, per questo oggi non riesce più a cantare, e chioma restante, sembra mia zia 79enne(che avrà poi anche lui quell’età), molto tristi i remastered ove ricanta oggi(pochi anni fa) le stesse canzoni in cui ruggiva, nella trasposizione del decadimento fisico non improvvisa do di petto, e canta le sue canzoni, castrandole(solo per fare bottega), mi chiedo: non potevi nel frattempo, con tutti i soldi che hai messo su, oltre a rifarti la dentiera prendere lezioni di canto? ma la mia è solo una domanda retorica. Rispetto massimo per il rock  dei led che dal quale sconfinamento sinfonico nacque come rappresaglia il punk-rock (il grunge!!) e tutte le sue derivazioni, travestimenti attuali, le quali hanno ucciso un sacco di persone, star, starlette, fans, & co. Plant e Page sono invece ancora vivi… qualcosa significherà… approposito delle visioni e previsioni della fallimentare/mercantile/raffazzonata/borghese critica d’arte ahahah…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Robert-Plant-and-Jimmy-Page-with-Nikon-F2s-520x369.jpg

 

 

 

 

critica d’arte: un significato a quel nonsenso, statale tributato.

non si può giudicare altri se prima non
s’è giudicato se stessi; ma se l’altro
è un artista e tu sei un giornalaio
dovresti prima trasmigrare divenendo
artista, giudicarti, poi dopo un suicidio degno
di Tenco ritornare nelle tue spoglie borghesi mortali.
Dopo tale passaggio potresti forse intendere il senso
intenso dell’arte e molto probabilmente non scriveresti
più niente, grafomane, la tua è una sottospecie;
di parassiti, che succhiano il sangue dalla poppa
di dio. (senza per altro edificare una propria
verità autarchica). Vi schiaccio come insetti
fastidiosi l’estate, con la paletta con la lampada
al neon colorato(l’arte) che v’attira e fulmina.
Non ci sarà uno scompenso nel peso specifico dell’universo
dopo la vostra esecuzione, anzi, volerà più alto
(l’aerostato Gaia, dopo aver scaricato zavorra).
il concetto d’infinito.

 

l’autore

 

da fastidio…
all’uomo piccolo, grande o medio borghese
a meno che non sia stato decretato tale(e dunque annullato)

attraverso i propri canali;
il filtro mercificante del media, che improvvisano una
paternità grossolana per poter speculare su ciò che
credono li farà balzare alla ribalta, nessuno

fa niente
per l’arte, perchè l’arte

non fa niente

per nessuno.
E’ la sua costituzione;

richiedere all’arte un impegno

è come aspettarsi una tigre

castrata che finge sotto colpi

di frusta d’esser un agnello,

salta in cerchi di fuoco,

si siede a comando ma

alla prima possibilità

divorerà il suo addestraTtore,

ed una fetta di pubblico balzando

inaspettata, dal’arena circense e

guadagnando gli spalti.

Ahahahahah…. prrrrrrr
L’arte come la tigre è selvatica, anarchica e

non è per un pubblico umano seduto compostamente, l’arte è
il significante senza significato:

in quell’abisso ontologico
apparente, verticale, antimaterico, ma vertebrato
si trasla la critica,

s’improvvisa figlia
di nessuno se non
del buco nero.

 

 

 

inevitabilmente anale.

 

 

 

 

così

 

e poi una luce surreale
cancellerà i nostri volti
dall’esserci
stati che
ci vorremmo mai nati
nell’ombra di una bicicletta
il canovaccio del perdente
la scaletta…
racconta un logos
velleità ereditiera
che coglie
tutto e
dispera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Artista: Led Zeppelin
Titolo: Achilles Last Stand
Titolo Tradotto: L’ultimo Viaggio Di Achille

Dissero che dovevamo andare, una mattina d’aprile
E mentre mi giravo verso te, tu mi sorridesti,
come potevamo dire no?

Col pensiero di tutto il clamore che c’attendeva
di poter vivere i nostri sogni di sempre
e cantarne canzoni, quando in fine saremmo tornati.

E mandando un bacio fuggevole a coloro che dicono di sapere.
Il marinaio conosce le rotte del mare,
e navigando sente di non dover temere
nemmeno il diavolo

Salpare le terre sabbiose e negli altri giorni
Sfiorare quel sogno, nascosto dentro che non si vede mai
Sole da Sud a Nord, dove risiede la nostra prima speranza

Le catene dell’impegno in frantumi a terra
Cavalcando il vento, camminavamo in aria sul frastuono
Ridere forte, ballare come se combattessimo contro la folla

Cercare l’uomo la cui mano svela un passo gigante
Egli cammina in avanti guidandoci
in un sentiero contorto solcato nella pietra

Se una campagna dovesse suonare per celebrare il re
alla stessa velocità dovrebbe battere il cuore
a fiera, allo stesso modo la testa e i piedi
pesanti

i giorni volano, io e te
facemmo splendere estati eterne
Lontano e distante il tempo di mutua crescita
Il dolce ritornello consola l’anima e calma il dolore
Albion* resterà qui a dormire per svegliarmi nuovamente

Vago curiosando d’anelli
un luogo per riposare momentaneamente la ricerca
Forti le braccia di Atlas**
sostengono i cieli sopra la terra
Oh, Le forti braccia di Atlas
sostengono i cieli sopra
la terra
Sopra la terra.

Conosco la strada, conosco
la strada..
Le forti braccia di Atlas
sostengono i cieli
sopra la terra.

 

 

 

*”Albion” è il vecchio poetico nome che Shakespeare utilizza
per riferirsi all’Inghilterra, in King Lear.

**Ci sono vari riferimenti ad antichi miti greci: Achilles, Atlas,
e anche la parte “wondering and wandering” di inizio strofa potrebbe
essere una parte dell’Odissea. Ad ogni modo Atlas potrebbe riferirsi
non tanto ad Atlante, quanto ad una altissima montagna del Marocco.

tradotto da Remeron dal testo originale con assist dal sito:
http://www.angolotesti.it/traduzioni/3/traduzione_testo_canzone_tradotto_achilles_last_stand_led_zeppelin_5909.html

Velut aegri somnia

mi hai telefonato s’una linea preferenziale…
che d’andare a badare il cellulare(onirico) non
m’accorda l’universo,
siamo distanti.
sono diverso.

Presentata al solito in veste di
pietanza… La
tua laurea in giurisprudenza
ormai arruolata dal tirocinio
con squali veri, un
posto di lavoro assicurato in tutt’italia anzi
nell’euro..
Solita, laconica domanda sulla quale
cadi, inequivocabilmente:
Sei fidanzata?

NLS la tua affatto inaspettata risposta,
(ad effetto che ha poco effetto)
cioè ho una relazione con uno…

Lo stesso di quando ci frequentammo quasi
9 anni fa?

no, guarda che io sono
cambiata e, ho avuto altre relazioni

Peggio!… tenendo sempre il santino
nella manica!?

Non è colpa mia se vivo nel sud dipinto di
sud a casa coi miei.

Ok, l’autista autistico
a disposizione
, affabile, aperto,
bendisposto, comprensivo, gentile, sensibile, che
mi descrivesti “insignificante
un poveretto che scalda il letto
è cambiamento.
Indagare la tua
spititualità come l’avresti
definito?..

chi sta da sola da queste parti
dopo i 26-7(mila) o è una zitella frigida
o una puttana.

 

 

 

 

 

 

 

 

nel silenzio si esprime il capo.
e l'(e)orrore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dell'(e)assenza; zitella;
frigida, puttana o
banana…
Banana_delfino.gif3SE0o3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
te la dedico forever and ever, nevermind:

Il complotto d’efebo: l’elite del mediocre.

mamma, donna, figlia ed eventualmente amante…
un uomo(normale) non ce la fa… a stare al passo con
l’avanspettacolo.
La monogamia spacciata dalla teologia cattolica, mai esistita nella realpolitik, dovrebbe essere la sua dimensione(non per niente per Marx la religione è l’oppio dei popoli)…
Per esser corretto con tutte le 4, 5 ,6 o 7000
(date non per merito bensì per un benessere circostanziato,
convenzionato, pensionistico, statale dunque vile, inappropriato, arpionato
in quanto non propriamente accaparrato[allevamento]… un po come l’accesso indiscriminato alla cultura che genera somari alfabetizzati.)
istanze un uomo dovrebbe diventare femmina, ‘na
comare da balcone(ciò che è inequivocabilmente ora), ove
la chiacchera è il simulacro; la sostanza della frustrazione immanente
dell’esserci (catodico) comunque senza
aver possibilità alcuna(d’agire) se non nell’affacciarsi
per venir preso a pomodori, putrefatti, in faccia. L’uomo;
il maschio deve imparare a frequentare il proprio genere
senza trascendere nell’inchiappettamento, isolare
la follia procreatrice, che non crea, in questo tempo,
se non infelici, persone “piccole”, altri schiavi della borghese sventura
perchè questa congiuntura storica non elargisce padri
politici ne affettivi, ne limiti, misura; disciplina; solo
becchime per polli(ove il pollo sei tu marchomen).
Da sempre;(200mila anni) da quando esiste uomo; sono
le privazioni, il martirio; la gerarchia a decretare lo stesso
e non il contrario; falso benessere borghese che appiattisce
qualsivoglia prerogativa, individualità, privacy, e dunque crescita e
evoluzione critica sel soggetto umano non tribale.
La macchina piccolo borghese costruisce automi in catena di montaggio;
sia che si parli di automobili, laptop, cervelli umani.
Non è giusto per un giovane uomo o donna, nascere
in un contesto fordiano ed essere quindi incellofanato, a priori
dall’ignoranza di sua madre, replicante che immagina di far bene,
secondo il dettame che il messaggio subliminale di TV, internet, SSN,
cartellonistica stradale gli hanno stampato nella neocorteccia, chi
l’ha assuefatta e messa in ginocchio come schiava, facendole
credeere al contempo, con un gioco di prestigio molto semplice, anzi:
parodistico, d’essere artefice
di qualcosa,
indipendente
da qualcosa e
madre di qualcosa
e non di

qualcuno.

 

i tartassati(poverini).

non c’è niente di NUOVO sotto
il sole siamo uomini da 200.000 anni
se fossero stati soldi, invece che tempo
qualche paleontologo dal buon costume
avrebbe spostato la data a 400.000
infatti qualche anno fa si parlva di
Homo Sapiens facendolo risalire a 130.000…

🙂