Self-service pausa pranzo(Remeron reinterpreta “Il veleno”, di Baudelaire in tre atti).

  1. -Le piace questo pianeta?
    Ha il suo fascino…
    ma tutto ciò non vale il veleno
    che distillano i tuoi occhi,
    i tuoi occhi neri, mari in cui
    la mia anima trema e si vede capovolta,
    i miei sogni accorrono a frotte a dissetarsi
    a quegli amari abissi.
  2. -…!
  3. -Ma tutto Questo non vale il terribile prodigio della tua saliva
    che morde la mia anima e la immerge nell’oblio
    senza rimorsi; e al carro della vertigine la fa rotolare
    sfinita, alle sponde della morte.
Annunci

La qualità (figli di un là minore)

quanti/e si ergono a maestri di qualcosa con cui hanno avuto contatto sin dalla più tenera età, come il flauto, la letteratura, il disegno, il sesso, la cucina, l’arte in genere.
Eppure l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano… accoglie i talenti, chi sa suonare veramente il flauto traverso, il violino, il violoncello…quanti ce ne sono che, ainoi, non hanno ne talento ne genio,(siete il 90%)(un po moltino direi) e….

 

non saranno accolti all’orchestra se non a 60 annni per laurea ad honorem al piffero…(che significa che di piffero non ne capisci un cazzo ma ci hai talmente rotto i coglioni che)

se sei bravo ti accolgono anche a 13 anni…
(per fare un esempio).

Puoi pure organizzare un’orchestra alternativa che dal flauto esce fuori peperoncino di Procida, sul violoncello teste d’aglio napoletane ed a seguire tutta un’orgia di mezze bistecche anche per 10-15-90 anni se non sei dotato puoi fare l’ammucchiata ma… non l’assolooooooooo! tutti insieme fracasso ma uno per uno….

è molto importante

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

farsela

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

con i propri

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

simili.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(c’è addirittura il film, per altro molto drammatico, “Figli di un dio minore”…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

o era in là minore

 

 

vabbè uguale! non sento bene da un orecchio…