papà

 
papa1_0002

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

a politici, giornalisti, padri inesistenti, le madri che si riproducono per assecondare il brutale orgasmo della gravidanza: vi siete dimenticati Pasolini, dimenticato i figli?

ognuno piccolo autore alla ricerca di un’identità

salvadanaio, senza la minima forma di pudore verso

le generazioni figlie che dovevano ancora venire e a quelle

che verranno, quale sarà la vostra eredità quando un altro

Pasolini nascerà e la passerà allo scandaglio della propria morale

della scienza, cosa resterà di voi, dell’abisso in cui avete gettato

voi stessi ed il gregge, per comprarvi un’amante, una barca,

come figurerete, figurerete? nei testi di storia? ci sarà

nevvero ogni vostro nome e cognome come nelle lastre

di marmo delle stragi, degli omicidi, delle leggi e della

promisquità di un potere che non ha alcun interesse

per l’altro, ove la politica è un mestiere come la guardia, l’idraulico,

il medico, il banchiere è vero che non avete anima

e dunque dopo sarete solo un brulico di vermi ma

com’è che non v’accorgete d’essere vermi già ora?

Storia dell’isteria

http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_dell%27isteria

 

 

aggiungerei che oggi molti psichiatri, psicoanalisti e terapeuti controcultura asseriscono che l’isteria, non sia assolutamente scomparsa ma si è traslata sull’intera società, sia maschile che femminile a causa degli sconvolgimenti storici transepocali, come la rivoluzione sessuale(ahahah…), la teoria della relatività di Einstein, l’avvento dei media elettreonici(TV) ed il facile, aggressivo, imposto, accesso agli stessi da parte di almeno un terzo dell’umanità, quella occidentale, (assolutamente non preparata o colta per accogliere il rimodellamento della civiltà che il media avrebbe comportato, vedi La galassia Gutenberg di M. McLhuan)considerando che permane un terzo mondo dove la cultura non ha accesso se non in minima parte per volere di poteri forti, clero, multinazionali, governi, mafia che hanno l’interesse di mantenere una sacca sociale ampia in uno stato d’indigenza e di eterna colonizzazione, la fame e la malattia nel terzo mondo è fame anche di cultura ed è un volere politico, una risorsa per chi deve speculare con sembianze da benefattore, licantropo, occidentale sulla sorte di quelle popolazioni che, paradossalmente, hanno dato origine all’Homo Sapiens.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
io non “faccio” cultura,
io
superman.gif
la sono.

a volte ce li ho verdi

 

solo quando

sto per

 

 

21631-505291-7

 

MUTARE.
non farmi aspettare
 
cicoria!
 

 

 

 

 

 

 

 

mi ritrovo

nudo

in mutande
sporcate

di

sangue.
(le mestruazioni)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

perchè la carne(mi), fa male…

 

giuro non volevo
diventare un
cane.

colpa tua
che mi trascuri
zingara.
coi tuoi occhi
scuri da

ZINGARA!!!

cani alcolisti(anonimi)

 

 

 

 

ci vuole coraggio per voler bene ad un cane…
alcolizzato.
oltre alla crocca;
la CACCA gli devi
“accattà” pure la birra…
una piaga sociale.
così non si va avanti, no,
oltre al coraggio però
devi avere…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

il

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cane!!!!!!!!!!!!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 oltre al coraggio; devi avere

 

 

il caneeeeeeeeeeeeeeee!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(sulla birra possiamo trascendere: salute!, ma

ti prego, il castrato isterico degli animalisti anonimi
vet-erani

non lo prendere(meglio un topolino, na
soccola,
fallita
comm’a te),
un predatore carnivoro

senza testa[sterone]
è come una donna

senza figa…
magari sarà bella, si…
carina? al massimo…
‘na pupazza.

ma… inutile.
Salva il mondo;

adotta un

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

suicidioooooooooooo!!.

 

 

 

 

 

 

 

 

(ci mancherai,
ahahahahahahahah…

quanto.)
bananabip2.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
perchè mai dovrei eseguire
un “upgrade”
alla versione “pro” poi!!!
ahahahahahah!
mi mancherei
gia or ora sento
bramare
nella sciemenza
della sera
la tua assenza
e ciò mi
dispera
mi faccio una
pera
OH!.. non l’ho fatto
apposta
è solo la risposta
al malessere sociale
alla iper 70enne
che fa su e giù
24 su 24
per le scale
è una moda,una posa,
un ditale,
un bicchiere di vino,
un piacere
piccolino,
chiudi la porta quando
esci e vuota
il posacenere
per
favore e

 

per cultura
personale.

che io non possa
di te
pensar male!
 

t8pv5z.gif

 

(scimmia!)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(satira ermeneutica)
 
superman.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

anzi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
ermeneuticaaaaaaa!!!

 
prima del
coraggio devi

avere

 

 

 

 

l’ermeneu

 

ticaaaaaa

 

aaaa!!!!!!

 

fiffi minchia new.gif

la cura è peggio della malattia

star male offre l’opportunità
di ricordare d’esser stati
peggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

chiedere aiuto in una condizione di disagio è facile, sembra naturale…

ma la disperazione è cattiva consigliera e

ci si rivolge sempre,

inevitabilmente

alle persone sbagliate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

sono tutte sbagliate quelle preposte per professione ad AIUTARE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

non è

di questo

mondo

chi

salva

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

la prima volta che verrai salvato
entrerai nel territorio della malattia,
dal quale mai uscirai, se non attraverso
la metamorfosi.
Sin quando cercherai di tornare com’eri (prima)
resterai nella malattia, molti
ci restano tutta la vita e
anche dopo.

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

Chi non muore “non” si rivede.

la purga di Gaia

questo blog non ha interessi per il sociale, giacchè tutti coloro(medici, allopati, omeopati, naturopati, fallopati, psicopati, psicanalisti, politicanti, filosofi, apolitici apocrifi, agonisti agonizzanti, isti asti e bonasera) che si professano filantropi, strepitosi, umoristi detentori di una occulta od occultata oppur evidente ed evoluta, devoluta, convenzionale verità hanno come fine ultimo non troppo c(g)elato la bontà caritatevole d’accedere al portafoglio degli adepti, utenti, pazienti, votanti, dementi, sottoforma di liquidi bancari e/o seminali ecumenici, certamente vi è una strada giusta ed una sbagliata(quella lastricata di buone intenzioni appunt) e nessuno fa niente per niente(astrapunt) ma che quella strada porti verso l’abisso o la redenzione io

ME NE STRAFOTTO, non sono filantropo, non ho velleità messianiche, trovo il genere umano volgare, stucchevole, orripilante ed gravissimo orrore evoluzionistico della sottospecie antropoidae(è l’unica scimmia carnivora, cannibale genocida, fratricida che si rifugia in una coscienza teologica compassionevole fittizia, dopo aver fatto una strage e si auto assolve), ed un gravoso onere per questo pianeta; si dovrebbe quanto prima estinguere, magari con una glaciazione, magari con un’onda anomala, magari con l’ascesa di meteoriti, uno sciame sismico globale, l’ascesa del signore(uno dei tanti delirati), gli alieni, belzebù, chivuoitù, non v’è pietà per voi scimmie ne per l’infinita stupidità, creatività illusorie di un gregge di maiali(spaziali), primordiali, ingozzati.

 

 

 

 

 

 

 

 
io…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 superman.gif

guarire

la guarigione è un concetto illusorio

proprio della medicina meccanicistica,

pseudoscientifica, cervellotica, universitaria.

non si guarisce, si cambia, si muore, si rinasce

sotto diversa forma, come la saggezza

popolare del sud insegna, in fenomeni apotropaici quali

il tarantismo, una virtù etnica tanto evoluta quanto

la civiltà.

La medicina non è sinonimo di civiltà

ma di portafoglio, come la mortadella.

Buon Appetito.

Dormo

e quando dormo non sogno, mai… salvo svegliarmi alle 4 cullato dalle inquete mani di Tellus, ma..
non conta perchè reali, il letto a dondolo, a castello, uomo a dondolo mi dicevo una volta.
i sogni sono tutti in arresto, bloccati dalle medicine, me l’ha detto l’analista che lui invece…
sta risvegliando il mio subconscio, sogno dunque ad occhi aperti…

e c’era bisogno dell’analista?

(si)

(in un oceano di psicoterapeuti, l’analisi
è un sogno)

spleender

ho letto tra i blogs… laconica perla(una delle tante) lanciata nel firmamento dell'etere(etilico!):
"l'assenza presuppone presenza" che in "volgare" vorrebbe, pare, esprimere una dietrologia intelletualistica inaspettata, ordita dall'autore(trice!) in anni passati, nello sforzo escretorio a 45°, in toilette, nell'intento fisiologico-filosofico di produrre una di quelle, veramente grosse, tracce da un'intuizione sulla vita terrena e, perchè no, ultra-terrena, con fare aristotelico peripatetico(dal cesso alla tastiera sgocciolante), sempre nella medesima posa defecatoria a 45, consona ai più come culla d'ottime letture, nella fattispecie, invece gravida d'avvistamenti lucidi sul modus vivendi e agendi che svelano all'inerme e naufrago net-surfer la retta via:

Aho!
Se n'annato…

saludos1if8.gif
(ma prima c'era)
('hovvisto io!!)

homo sapiens

ci si evolve ogni 15000 anni,
lo dicono gli evoluzionisti…
(il resto son fuochi d’artificio)

è triste morire senza figli…

avere coscienza nel limitare le nascite

è certo
un sacrificio troppo grande
da chiedere alla donna
emancipata
evoluta
dilaniata da una realtà maschilista
esotericamente veramente poco strega
molto "troppo" poco "vacca"(porntube, cuckUld, ed oltremodo amorali "prostituzioni" televisive, carrieristiche e/o [geo]politiche al soldo del potere a parte)
libera di decidere sulla gravidanza
e/o sulla propria carriera eppure..
proprio oggi, come nel dopoguerra;
in un momento di crisi
quando cioè certi valori dovrebbero
reggere almeno le apparenze
la "femmina" umana si lascia andare
a(ll’istinto) quel maschilismo, storico e storiografico,
(che lei e noi abbiamo condannato nelle crociate 68ine, 77ine etc etc)
che la vuole "vacca", "fattrice", catena di montaggio
cacatrice di fasci da fasciare, da mandare al fronte(quale?) a zappare(dove?)
d’un’ ottica medievale nella quale si ricade
ahinoi, nonostante, la teoria della relatività,
ogni qualvolta ci sia una recessione(dicono i giornali) economica.
Si ritorna alla brutalità.
Tutto(i) va, appunto, a puttane.
E…
perché invece

prima?

quando l’azione pressa(one time)

l’ennesima(cazzata)

ci sono attimi; fugaci, giorni; enormi,
uno; crede di poter dire o fare ogni cosa,
fosse come governato da un’occulta forza che
da coraggio, volontà, temperamento, ecco;
è in quei momenti che urge lo star zitti, immobili
mettersi a letto chiudere la porta ed ingoiarne la chiave,
spegnere tutti i telefoni, luci, stelle, stalle, il sole.
Picchiare con la fronte spigoli, farsi male.
Sanguinare.
E’
ora
di morire
per-enne
ore.

(12 – 24 – 48 – 4568)

Remeron

ATTENZIONE: Per l’uso leggere
attentamente l’istruzione interna.
Da vendersi dietro
presentazione di
ricetta medica.

graurrrr

Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Durante il trattamento con la maggior parte degli antidepressivi, è stata segnalata depressione midollare, che si manifesta, di solito, sotto forma di granulocitopenia o agranulocitosi; essa compare per lo più dopo 4-6 settimane di terapia ed è in genere reversibile una volta sospeso il trattamento.Agranulocitosi reversibile è stata segnalata, raramente, anche nel corso degli studi clinici con Remeron.
Il medico deve prestare particolare attenzione a sintomi quali febbre, mal di gola, stomatite od altri segni di infezione; quando questi si presentano, il trattamento deve essere interrotto e deve essere eseguito un esame emocromocitometrico completo.E’ necessario dosare accuratamente il farmaco e porre sotto stretto controllo i pazienti con:epilessia e sindrome cerebrale organica; l’esperienza clinica evidenzia che raramente si verificano attacchi nei pazienti trattati con Remeron;insufficienza epatica o renale;malattie cardiache quali difetti della conduzione, angina pectoris, infarto del miocardio recente; in questi casi debbono essere prese le normali precauzioni e la terapia concomitante deve essere attuata con accortezza;ipotensione.Come con altri antidepressivi, vanno seguiti con attenzione pazienti con:disturbi della minzione da ipertrofia prostatica (sebbene non si prevedano problemi con Remeron, poiché esso possiede un’attività anticolinergica molto debole);glaucoma acuto ad angolo chiuso ed ipertensione oculare (anche in questi casi la possibilità che si evidenzino problemi con Remeron è scarsa, poiché esso è dotato di un’attività anticolinergica molto debole);diabete mellito.Il trattamento deve essere interrotto se compare ittero.Inoltre, come con altri antidepressivi, si deve tenere conto che:quando gli antidepressivi sono somministrati a pazienti con schizofrenia o altri disturbi psicotici, si può verificare un peggioramento dei sintomi psicotici; l’ideazione paranoide si può intensificare;quando viene trattata la fase depressiva di una psicosi maniaco-depressiva, essa si può trasformare in fase maniacale;per quanto riguarda la possibilità di suicidio, specie all’inizio del trattamento, è bene fornire al paziente solo un ridotto numero di compresse di Remeron;sebbene gli antidepressivi non provochino dipendenza, la brusca sospensione della somministrazione, dopo un lungo periodo di trattamento, può provocare nausea, mal di testa, malessere;i pazienti anziani sono spesso più sensibili, soprattutto nei confronti degli effetti indesiderati degli antidepressivi.
Durante gli studi clinici condotti con Remeron non sono stati segnalati effetti indesiderati più frequenti negli anziani rispetto ai pazienti appartenenti alle altre classi di età; tuttavia, l’esperienza finora acquisita è limitata.

p.s. giovedì 5 marzo
questa foto è di circa tre mesi fa; nel frattempo ho smesso di fare palestra, ho iniziato, e continuo, a bere molto vino, mi è venuta su una discreta panza sulla quale potete solo rimbarzare, non sono in forma, continuerò a bere e a devastarmi, per scopare andrò a mignotte.

(fermo biologico)

vendo ricci di mare pescati con le bombe
(atomiche)

ho perso l’anima nella metropolitana
seduto affianco a un pellerossa
affianco a un pellerossa

mi muovo perpetuo
nella polaroid scolorita

ricordi del vuoto (rapsodia alla finestra)

Un uomo aspetta, seduto, sul davanzale sazio di piante affettuose grasse afose, verdi da me piantate, trapiantate tormentate, violentate resuscitate come fossero mani, bimbi, cani, come propaggini pentite del mio ego schernito, del membro scordato, della mia moltitudine schizzinosa, solipsistica, spinosa come tutte le rose ma senza fiore e senza frutto se non quello splendente colore, clorofilla soffiata dal sole. Momenti d’amore estasiato in nubi d’acqua preziosa stillate da mano ‘morosa che spezza e carezza, imbocca, ritocca…

io stesso son cactus, cresco mimando l’alto, m’espando nelle direzioni, volto verso la stella le foglie spinate, le mani son fate dormienti chiuse, adagiate in un coccio rosso.. tu, non farle seccare, io…

 tartarughella-nowreginellamamypatatine1

non posso.

tutto cominciò il 20/7/97

il gentile padre nel letto a fianco al mio mi ha offerto una surfata in cambio di una reinstallazione della scheda di connessione wireless… il genio paga ah ah ah ah ah!!

a tutte coloro che volessero saper ma non possono rimarrete nel vostro limbo(!)

 

per le restanti 2 cervelute vi racconto succinto quel che mi e’ successo, lunedi (tastiera carente di accenti) intervento chirurgico alla schiena con estrazione chiodo endomidollare gamba dx e ferro ”isol” tianio dalle vertebre dorsali, erniectomia prima vrtebra lombare, durata operazione 10 ore, 6 sacche di sangue intero trasfuse, martedi in terapia intensiva ibernato con un cocktail di morfina mepiridina ed altre bombe varie, oggi domenica cammino con una stampella. sono dio. sono dio.

 

io

sono

 

 

dio

messaggio privato per l anonimo c, se sei catia, io ho ancora il tuo numero ma se tu l hai cancellato non ha senso tutto questo affanno, io sono un sostenitore dell’inutilitá magistrale del ”senno di poi”, cugino del ”credo che forse” e parente stretto della ”steppa che non finisce mai…” mi connettero’ ancora é una promessa

 

 

p.s.

questo post rimarrà grossolano nella sua fattura semi sgrammaticata figlia dell’incombente.

pecore zoppe

ora non è che sia lecito pensare che tutti i malati di mente aprano un blog e sparino cazzate a raffica, è molto più onesto credere che chi spara cazzate a raffica su un blog, debba pagare l’affitto, sono pienamente d’accordo, si ha bisogno di un organo istituzionale che faccia pagare il dazio agli idioti, così, come sempre è stato, gli stolti, potranno avere la facoltà di tacere per sempre all’insegna di una sana purga mediatica e di un ordine eterogeneo anche nel web. Io che compro fior di riviste e quotidiani sperperando fior di quattrini, per arricchire ed aggiornare il mio lessico con sempre nuovi e sfavillanti neologismi e contenuti aristocratici, devo avere la stessa libertà di una pecora zoppa che ha imparato ad usare la tastiera… la democrazia è un male necessario per tutelare le libertà, la censura ne è naturale conseguenza… censuratemiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!

(se vuoi fare la frittata devi rompere qualche uovo
mi pareva bello concludere con una banalità! in perfetto stile splinder)

p.s.

…la follia isterica del web, permette alla pecora zoppa di scrivere le sue abominevoli castronerie anche dalle Bahamas, da Milano Marittima, dalla vacanza in Marocco, dal safari in Africa, dal ritiro spirituale in Israele quando in un impeto mistico estivo è andata a battezzarsi nelle acque del Giordano o a farsi saltare le budella da un kamikaze…
Si potrebbe obbligare questi erbivori, a scrivere esclusivamente solo dalla propria dimora stallatica, onde limitare la mole di cazzate vaganti nell’etere e meglio monitorare tramite l’IP dove scaricare lo strale elettromagnetico a 2000 watt per spegnere ogni impulso velleitario alla "scrittura" ed accendere un fuocherello salvifico, ricavandone un bel cosciotto arrosto da sgranocchiare in santa pace senza l’incubo quotidiano della responsabilità morale del condominio, andare ogni santo giorno a controllare e criticare "costruttivamente" migliaia di blog di pecorelle zoppe, il mio destino messianico costretto nello spazio angusto di una piattaforma informatica, il mio cosmo svilito dall’impellenza di dare forma alla deformità del pensiero pecoreccio ospitato nel mio stesso condominio, ho il dovere intellettuale di difendere la purezza dei miei concetti dall’inquinamento semantico-lessicale-grammaticale che mi circonda,
Schopenhauer avrebbe detto: 
In genere è meglio palesare la propria intelligenza con quello che si tace piuttosto che con quello che si dice. La prima alternativa è la saggezza, la seconda vanità.

meditate pecorelle (zoppe!), meditate!!!!
un giorno verrà il mio giudizioooooo!!!!!!!!!!!

quando morirò, voglio essere seppellito col mio cane (vivo), dopo 9 mesi riesumato per vedere s’è tutto a posto e poi cremato, e sniffato da mio figlio Keith Remeron.