Dottoressi (Italian Horror Story)

premi play e poi………….. leggi(mi raccomando deci
bel).

 

 

 

 

Oggi nell’epoca della mercificazione globale famelica borghese
l’università è lo sportello della posta
vai a pagare la retta(via) e ti danno in cambio una(supposta) laurea.
L’universimentificio, frutta un sacco di soldi a provincia, regione
stato ma, non frutta menti, questo è un peccato.
🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Studia ignorante!! dice la madre con la terza media, intellettuale e spirituale
Il babbo non commenta, sta guardando “fritto” la partita su Skyp(fa bene!).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mamy, mi fai l’ovetto alla coque ancora non ho imparato a farlo 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma dopo tutti questi soldi che abbiamo schpeso 8(0) anni
di università figlio mio com’è che sei ancora così cogghiune?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 (sono single!!)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le madri rovinano i figli italiani(mandandoli all’università
invece di mettergli la zappa in mano).
Joint venture italianalitica.
Le menti sono tutte al sud! Ma

al Sud Africa: Pretoria.

 

 

differenza semantica contraddittoria, rispetto gli

adagi degli anni ottanta.

Oggi l’imbecillità in italy non ha regione o ragione

così come la mente che non è in questa nazione

d’allevati pampasscioni. Fate bene!

Farete strada!
magari
sulla pelle della gente, dopo
aver costruito un’autostrada, un ospedale, na scuola,
che crollano al primo turbamento tellurico…
magari dopo un trapianto di fegato dove
al posto del fegato il paziente si ritrova
un rotolo di garza(però sterile quel ch’è giusto è giusto)
una pinza emostatica, il bollettino postale, il verbale
di una multa di 800 euro che hai cercato di occultare…
hai scelto il posto giusto… nessuno lo andrà a cercare…

Ambecille vai a zappà, co tutte le 27 lauree che
t’ha comprato mammà.
e papà che non ne vuole sapere
niente d’essere disturbato mentre
segue, stroncato, la partita
in tv, alla radio
(per tutta la vita
anche perchè tu non sei suo
figlio ma del tabaccaio e
lui lo sa ma! va bene così…
Ottimo per mamy adesso va a
comprare l’MesSe ed incinta ne esce
poi se nasce(hai anche i tuoi 57 anni!!)
lo manda
all’università dei mongoloidi
oppure lo lega alla catena
nella terrazza, stesso portato intellettuale,
dell’universimentificio,
con un piccolo sacrificio
per mantenere la faccia della Prof. col vicinato
conservare il sangue del barbiere
anzi del tabaccaro, chi cazzo era
non se lo ricorda neanche lei…
domani farà una figlia col postino thailadese
l’accoppierà Giuseppa Mengele con le
catene della sua coscienza…
E fai bene!!!
l’estinzione del caucasico
è endemica, na società de froci
nfami, papponi, ci metti del tuo
ce lo imponi, l’accetto…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Mamy mi fai l’ovetto?.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma ancora dopo 80 anni di catena
non hai capito che sei una bestia
e devi mangiar la crocchetta?

Mamma io ho un’anima.

Ahahahahahah!

Mamma per me sei una donna
eccezionale, anche dal punto sessuale…

perchè mi neghi la tua grazia?

 

 

Ma!!!!!!!! figlio mio io…
che cosa poetica che hai detto
in effetti mi conservo bene
tu mi stai facendo sognare
sei il dono di dio.

 

 

 

Mamma e

perchè non mi
stacchi la catena vorrei…
darti un
bacio,

 

Oddio figlio mio

mi fai felice
non aspettavo altro ora ti libero
parleremo di musica, poesia;
non corteggiarmi però così!
oddio sarò bella ma sono
una donna matura… mi lusinghi.

 

 

stracchete(gira la chiave del lucchetto al collo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ghoul

 

 

 

 

 

e di mami resta un
uovo strapazzato,
Quello alla coque
non m’è mai piaciuto
veramente; era un alibi…
Mamy,
(…)
mamiiii!!
(…)
haò!
(…)
mamy! 😀
vabbè…
vado al piano
di sotto a trovare quel fritto di papy
che guarda la partita…
ci divertiremo insieme.
Ketchup & Pop Korn!!
🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

If I bite traces remain,
but you will be (in!) my kingdom.
Baby.

Annunci

tu

 

 

dormi;
dormi quanto vuoi
sarò sveglio io
sempre
ad accudire
la tranquillità bambina
che il mondo ti
nega.

 

 

 

 

a volte ce li ho verdi

 

solo quando

sto per

 

 

21631-505291-7

 

MUTARE.
non farmi aspettare
 
cicoria!
 

 

 

 

 

 

 

 

mi ritrovo

nudo

in mutande
sporcate

di

sangue.
(le mestruazioni)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

perchè la carne(mi), fa male…

 

giuro non volevo
diventare un
cane.

colpa tua
che mi trascuri
zingara.
coi tuoi occhi
scuri da

ZINGARA!!!

dio è:

 

‘a sora lella(benedetta!!!)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

quel tuo senso(vietato)

 

Un giorno ti svegli

che sei bell’e che morto!

 

Amore mio;
rosa…

non sei andata

all’aeroporto,

a prendermi

bambola premurosa?

 

stazza della frescaccia,

preliminare sinuosa
come così la camera in fondo;

ove sofistica campagnola
detenendo la minaccia
non potevamo
incamminarci in tondo… ci

dobbiamo,

lasciare!

 

No! Non voglio deficiente, immondo

senza me tu! non sei niente…

 

 

Sarà! è vero io, non posso

stare senza;

un culo prosperoso.
Anche quando sei

tra lenzuola…

che non si possa
popolare..

per veto

 

prestigiosa causa fatale

con te cosa

ci dovrei fare?

(Aurora sei na sola!)

 

 

L’amore!(o no?) asino

inchiappettatore.

fuffi2.jpg

 

 

ossignore mio,

grandioso!

cosa piacevo io…
(di!!!) fare?
essenza, anche se
divieto
nella (tua)
presenza…

servirà solo
a camminare
per poterti
spostare
l’ora è giusta

via; all’orizzonte
da me ominidonte
se non son niente
che non un grulo
che vuol entrare
nel tuo culo…
(sei sicura d’aver
la serratura credo tu
non sia (m)natura, che
se l’aprissi poi magari
potrei restarci[tramortito]
per sempre)
sei pronta ala coda?
non credo che tu
e neanch’io
un secolo è passato.
Il tuo fiore è appassito:
l’Heliamphora.
sono Io invece sempre meglio
imbalsamato
di Canfora.
Da notte a risveglio
STUPENDO E SARO’
SEMPRE meglio
UN’AMORE, SPIRITUALE.

 

nell’immaginario
FEMMINILE.

 

 

 

 

27ANNI.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
08ff183bbe23985f51d7c9233210dfa4.gif

 

piaccio!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
morii a 33 anni di tisi
perchè la medicina non volle
curarmi; la mia donna
nella tomba era pronta

già a tumularmi
ma io se non si
beve non si trombra
non dormo

bene
e mi svegliai
ma lei la megera

da zombie più mi voleva

le sopravvissi per
vederla accasciare
come una capra
sull’altare(di Dioniso!)
sono risorto!
come non morto
e tutto il tempo
passato lo vissi
nosferato, ancora
oggi a pensarci
ho paura del mio
remoto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

passatoooooooooooo!!!!!

 

 

 

me medesimo quadro small.jpg

cosa sono?
ddddddiooo

cosa mi hai
fat(t)oooo!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

madgifgw0.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
saludos1if8.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 


la mia donna è morta…

 

 

 

 

 

 

 

..che era solo
una bambina.

 

 

 

 

 

 

 

viene a trovarmi sovente
in sogno per ridere
dei suoi sgraziati modi
d’adolescente,
di noi
della… gente.

wop* (handmaid rhetoric)

 

 

 

 

 

 

 

Is not Italian style just
an homosexual fashion piece,
it’s the West origin,
rush through your veins ,

 

Roman

 
Empire blood.

particolare uno small.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
not We are merely

TV’s feminized politics…

 

 

we are(& can be)

 

 

 

 

 

 

 Studio-per-centrale-elettrica_1914_-_SantElia.jpg

 

 

 

 

 

 
michelangelo
 

 

 

 

 

 
anatomia_leonardo_da_vinci.jpg

 

 

 

 

 

 

 21631-4423365-7.jpg

 

 

 

 

 

 
77106-ferrari-ferrari-1web.jpg

 

 

 

 
ITALIAN.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
*From Wikipedia, the free encyclopedia
http://en.wikipedia.org/wiki/Wop

Wop is a pejorative racial slur used primarily, but not exclusively, to refer to people from Italy. It is also used to slur Italian-Americans, and it is similar to the word ‘Wog’, used in Australia.

It originated between 1910 and 1915 in the United States. One theory is that it stands for “without papers” (abbreviated WOP).[citation needed] According to Merriam-Webster its first known use was in 1908. The commonly accepted etymology is that it originates from a southern Italian dialect term “guappo”, meaning swagger, derived from the Spanish term guapo, via dialectical French, meaning ruffian or pimp. This also has roots in the Latin vappa, meaning wine gone flat. This theory holds that the term was brought to the U.S. by early Southern Italian immigrants from the region of Campania, who named those suspected to belonging to the Guapparia “Guappi“, in a similar fashion Sicilian people used the term “Mafiosi”.[citation needed] Widely used in Chicago where most immigrants from Campania settled,[citation needed] it was confused by non-Italian people to indicate Southern Italians in general, like the word “paesano”.

Although the history of the word wop is not entirely certain, it can be found in various forms throughout pop culture. One memorable example is the bar fight scene in the film From Here to Eternity.http://en.wikipedia.org/wiki/From_Here_to_Eternity
 

 

 

 

 

 300bearvt7.gif
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Leonardo, Michelangelo, Dante, Bernini, Gacometti, Caravaggio, The Magnificent Lawrence,
Modigliani, Caesar, Marinetti, Pasolini, Sergio Leone, Carmelo Bene, Boccioni etc etc…
American cowboys they were … of course,
their shooting bullshit in American style, a bit ‘as the self shelling of the twin towers… ahahahahahahahahahahahahahahahahahahah (american style)

ye believe it!
 
 

 diota3gl0.gif 

 

 
this man is your excuse to your planetary historic tortrure obama.png

 

never forget

 

 

 

 

 

 

(Saxonian satire)

brame di femmina(speculum)

guardarsi allo specchio e…

aspettarsi che risponda.

 

 

 

 

 

 

 

il web sconosciuto è lo specchio

tradotto in ogni rapporto

come messaggio pecoreccio

ricevuto in autobus

(m’ami? non so,come ti chiami? mbo siiii t’amo!)

sull’ipod, facebuc, blogging etc e corrisposto

in eguale caratura l’immagine speculare

della propria vaquità confermata

dall’insipienza dei media, tv, web cartellonistica stradale

alla ricerca totale di contenuti; d’autore… lei se lo aspetta

con lo stesso palinsesto e fragore dal padre, fidanzato, marito

figlio, così che muiono in poche settimane,

fidanzati

mariti,

figli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i padri

non ci sono mai

(evidentemente)

stati.

al nord poi; il padre

latita da secoli.

 

il Solo

odioso mi è il seguire e anche il condurre.

Obbedire? no! Ma neppure governare!

Chi non fa paura a se stesso, non fa paura a nessuno:

e solo chi fa paura può guidare gli altri.

A me è odioso già il guidare me stesso!

Io amo, come gli animali del bosco e del mare,

smarrirmi per un bel po’,

accovacciarmi almanaccando in un soave garbuglio

e infine, da lontano, adescarmi a casa mia,

essere il seduttore di me stesso.

 

 

Friedrich Nietzsche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

quante volte sono

gia stato

detto?

 

 08ff183bbe23985f51d7c9233210dfa4.gif

guarire

la guarigione è un concetto illusorio

proprio della medicina meccanicistica,

pseudoscientifica, cervellotica, universitaria.

non si guarisce, si cambia, si muore, si rinasce

sotto diversa forma, come la saggezza

popolare del sud insegna, in fenomeni apotropaici quali

il tarantismo, una virtù etnica tanto evoluta quanto

la civiltà.

La medicina non è sinonimo di civiltà

ma di portafoglio, come la mortadella.

Buon Appetito.

morta l’ispirazione l’arte è un vibratore.

Uno dei più grossi limiti od errori dell'era contemporanea è il voler monetizzare, oggettivizzare le competenze.

(Remeron)*

*per coloro che s'avventurassero in questi lidi per la prima volta(ma cosa fate, misericordia, via, via!!), aforismi, tesi, antitesi, ipotesi, assiomi e dogmi riportati in questo blog sono frutto di una profonda riflessione, che accompagna l'autore, me medesimo, sin dalla tenera età, come direbbe Sartre:
L'infanzia di un Capo.

bitume

"essere o non essere"
è tutta in questa propositiva proposizione l’essenza moderna della società aperta
nella dinamica del soliloquio, dell’assurda preghiera, del leggere un qualcosa che non c’è;
nelle vesti di qualcos’altro che dovrebbe esserci: una pippa, una persona, la paranoia.
Ma non è stato sempre così, e così non tornerà, e a quanto pare non è…
anche se un fiorire di carta stampata e di "professionisti competenti e/o committenti d/nel nulla"
ve ne sono a bizzeffe.
"Quando avevo 7 anni mio padre mi ha menato"
sindrome da borderline..
"quando avevo 8 anni ho assistito all’amplesso tra mia madre ed il lattaio"
disturbo narcisistico della personalità.
"Quando avevo 4 anni mia madre mi metteva i sandaletti al contrario"
disturbo da visione dell’ultimo film di Von Trier.
"Quando…


te ne vai affanculo?

e poi non è vero

che il tempo… v(ì)ola

mangiammo una pizza, poi
fuori a sedere
sul sagrato della chiesa
e tu

guardando con labbra rosso cardinale gesasdfx6
 dicesti:
"quanto sei bello C…"
che..

dove
son finite quelle 2

mani che stringevano fredde il dicembre?

ed io!!?

cosa stringevo?

minuti d’occasioni banali ,
che ora… non saprei
così binari
un treno che parte via
l’apparente innocenza di un natale
galeotto; freddo criminale.

eri bella

i’m lost little boy

bum bum (giravolte)

per avere dell’amore
ho riverniciato il cuore
s’una vita alcolizzata
solo batte all’impazzata

per avere del dolore anche
solo un po’ d’odore
ho venduto la mia dote
quella mente su due ruote…

se nella disperazione annego
questo mondo non lo vedo
e se tutto gira intorno
non è notte non è giorno

che un domani non ce l’ho
e del tempo spenderò
sarà solo nell’ acrobazia
del considerarti mia…

vita! seviziata, contorta
smarrita, carnefice, indifesa
un compagno anelo
che mi segua nell’impresa.

Lo scudiero a me fedele
che mi vesta cavaliere.

(preferibilmente "scudiera")

preferibilmente con della materia grigia che…
non sia il DAS tanto meno
la diavolina accendifuoco…
occhio alla prossima stronzata
che cercherai di pensare;
proseguire adagio onde evitare autocombustioni.

che poi è così poetico (dice Dalla) star zitti se non si ha niente da dire…
che cazzo dici?! taci. il tuo silenzio è poesia; se sei una bella figa;
altrimenti taci e girati dall’altra parte, il tuo silenzio e la giravolta
sono opere di bene…

gesasdfx6


p.s.
ci sono tonne o balenottere che mi cont(r)attano per dirmi che non vogliono avere niente a che fare con me…
che non sembro una persona affidabile, che non dimostro attaccamento che… tutta un’altra serie di fesserie da orticaria… cos’è che ti spinge a farlo? il desiderio irrefrenabile mai pago di comprare scarpe, di fare shopping in centro di bere spritz e farfugliare enormità da autobus con le "mie" amiche?.. è la stessa inerzia uterocentrica che ti muove, ormonale, manifestandoti a me, che non considero la tua esistenza e tanto meno lo farò dopo la grassa risata nel leggerti così effimera, istinto burattinata, mentre s-paventi, arzigogoli una inverosimile personalità filatelica, incollata ad uopo con la sputazza
TFR2D4.gif.. tutta sta pippona alzheimeriana per "confidarci" che non ti senti alla mia altezza? be non c’è bisogno di confermarlo, sai… io
sono super partes,
in ogni "partes"
do you understanding
    TFR2D4.gif
(sono aldilà del DNA)
(papparapà!)
(tu invece sei un’anatra
da cortile)

fonzienw8.gif

 

oca.gif= tu

oca.gifoca.gifoca.gifoca.gifoca.gif= tu e le tue amiche

superman.gif

bisogno?

perché dicesti
quel che mi
dicesti, quand’è
che lo dicesti.

(è un’affermazione, una domanda?
una presa posizione, una condanna?)



(quand’è che lo dicesti?)

il peso della storia… la tradizione! intraducibile, grava,
non sono solo
merda e sangue.
(troppo pulp!)

e se non organico tanto meno macchina ne, dunque, l’uopo che un passato poco previdente (non) aveva visto f(i)unzione d’un attuale assente rimuginante, per un futuro prossimo, l’inevitabile niente, di chi scrive sono solo l’assistente de-pensato agente.
il regista è (ad uopo) un deficiente.

m’innamorai quando affermasti(!), (auto)sufficiente:
il tuo caffè fa schifo.
(poi più niente)

(e parla ora cazzo!!
dì qualcosa…)

minaccia del giorno(reazioni a catena controllate)

(zim[salabim]belle)

mie care "marie", (ammiratrici) fans*,  passate, presenti, trapassate e future:
nonostante un quarto del mio cervello, quello primordiale, equivalga per grazia divina o mutazione genica a 110 cervelli umani normodotati messi in fila dietro la cassa dell’ipercoop o del macellaro in attesa del proprio (fatale)turno, mentre cioè "ci" si spende in aberranti performance o(r)n(i)tologico-starnazzanti, s’incede, semoventi emolumenti, timidi o spavaldi, con certa sicumera passivo-aggressiva, padronanza di linguaggi, occulti o occultanti(magari) vari(pressoché esclusivamente anali), un cm al min(tutti il sabato) verso il mattatoio; si millantano amicizie, famiglie, flirts, professioni, amanti, proprietà, vini! cochecole fatue, flatulente compulsive telefonate gesticolanti all’etereo megafono da baraccone intrauricolare, tacchettanti vertiginosi stivaletti, sandali tip tap, laccati rosso sangue che inguai(n)ano prosciutti affumicati da raggi UV o gamma, in breve quando date sfogo alla vostra volgare, libidinosa, "libertà condizionata" dallo stress post settimanale e pre mattanza del weekend serale(statistiche di cronaca nera stradale cantano), dicevo… non contattatemi, io (non) sto male, vivo fuori dal mondo.
Questo pianeta ha generato un cosmo reattivo al suo intimo(me medesimo)… sono il nocciolo. Le re-azioni di fissione, all’interno, fuori controllo; potenza, temperatura, pressione, suggeriscono l’esplosione come plausibile e non si può introiettare in angusti "veicoli" umani, il flusso; l’energia partorita; è il caos, la forza natia che tutto ha misericordiosamente generato, ancorchè distrutto.
Io sono "un" nulla, produttivo ma, evitabile nucleo; lavoro di fiato per raffreddare il nocciolo ed, atomico, ineluttabile mi svuoto antimaterico. Farei meglio senza voi, produco autogeno i miei neutroni, invisibili, tarati da insignificante peso specifico privi di carica, mi, contaminate osmoticamente, rubacchiando elettricità, rimbalzando asfittici, sull’abisso nucleare, strutturale che mi tiene, golem, in piedi, più stabile di un massiccio montuoso, speculativo Ambaradan di macchinosi contrafforti sinaptici ancestrali, biomeccanici, elettromagnetici: scrigno d’intenti insolubili in gergo umano…


non sono carne; io sono concetto: indistruttibile.


*
farmaci anti-infiammatori non steroidei

Ci sono ragazzine di 18!! anni che mi contattano, vorrebbero avere una "relazione" "sentimentale" con me…
(costruire "qualcosa"
; inizia da te stessa che non stai a niente)…  (io non sono il berlusca… teenager)(non ho 70 anni)(non ho bisogno di una groupie) mi sfugge il significato del relazionarsi, mi sfugge il significato dei 18 anni, sono nato ieri ed avevo già 3(000000000000000000000)4 anni, mi sfuggono tante altre cose elementari, basilari, indispensabili per voi:
fica
amore
lavoro
pietas
contesto sociale
ideologie
religione
Italia
la donna come concetto
l’uomo zimbello generato dallo stesso concetto di cui sopra
le barche a vela
il mare
la vita
l’avvicendarsi delle stagioni
abbracciarsi
vivere
il focolare
la famiglia
casa
soldi
radici
riprodursi
ridere
essere corteggiato
corteggiare
uscire
poesia
entrare
viaggiare
vivere
morire
sei bella
emancipazione
il messico
sei brutto
evoluzione
scrivi bene
cuba
scrivi male
dipendenza
carmelo bene
safari
non scrivere più cattiverie
le corna
la cultura
cheguevara
il culo
nazione
indipendenza
l’amante
l’erudizione
i culi
freud
la psicanalisi
le antologie
le ontologie
regione
la filosofia
l’otorinolaringoiatria
dio
li mortacci mia.

ho rotto gli argini(e/o li cojoni).
son scappato da "un" sud del paese dei "pulcinella"(perchè invece "su"…), non ci ritornerò, punto verso la vetta, sempre più a nord, possibilmente fuori dalla penisola, dal continente, dalla Pangea, la Pantalassa, fuori dalla stratosfera, da questa galassia che non mi contiene.
Puoi percepire tu, selvaggia oscura monade, un sole? puoi aver coscienza dell’universo che, ti, scorre innanzi se sei solo casuale materia inerte (neanche catarifrangente!)?
(non rifletti la (mia) luce non hai dunque anima ne consapevolezza come affermava [quell’illuso di] Leibniz!).

ed ora: squilli di tromba!!!!
tromba nero
Talofen!
(promazina)

ancora più trash di Remeron(mirtazapina)...
si poteva?
evidentemente…

(ma chi l’inventa i nomi delle bombe chimiche?)

jesus.gif
maledetto impostore!!

n.b.
mi piace molto fare colazione.

approfondiamo (no)

al pub.. una grappa, uno spintone e…

…hai una direzione?
no.
una relazione?

no.
non ci credo che "vivi" solo…
hai una donna?
no.
un’amichetta fissa?
no.
quanti anni hai; 24?
no.
vai a baldracche?
no.
e com’è che stai con me?
no.
tu (non) sei normale!
no-bis.
(sco[p]piamo?.)
no.

mitteleuropeo
bevo birra da quando avevo 3 anni
mio padre è stato emigrante in Germania dai 18 ai 20 anni,
sono ariano germanico di conseguenza.
no.


senti ma te ne vai un po affanculo?

no.
cosa posso dire…
ti amo.
cyberpunk!
(quel che vorremmo fosse
ce lo inventiamo; poi…
si realizza "col tempo" di:
Tiziano, Giorgione o P. K. Dick.)

948-GallerieDellAccademia_Giorgione-LaVecchia.jpg
(1508 – 1510)  Ritratto di Vecchia, attribuito a Tiziano poi a Giorgione.
"rap-presenta" la vanità umana che non tien conto, magnificamente folle o grottesca,
del passare ineluttabile dei lustri.

17-particolare.vecchia.giorgione
Ritratto di Vecchia, particolare.

non c’è necessariamente "un prima" rispetto ad "un dopo"
che non hanno mai visto presente, il contingente
verificarsi delle cose(l’amore per esempio)
non rispetta una sequenza umana, matematica temporale,
spaziale, metafisica (che sia)…
avviene apriori.
lo scorrere
sa scorrere.

Q.I. vecchie glorie(il solito post generalista)

Il concetto del Quoziente Intellettivo è stato superato da tempo, psicologi e pedagoghi, nonchè illustri emeriti scienziati(americani) studianti la mente umana parlano(da 30 anni) di Intelligenza Emotiva.

L’intelligenza emotiva non è indicizzabile da fattori numerici, algoritmi o qualsivoglia speculativo geroglifico matematico-algebrico(massimo rispetto alla matematica filosofico-speculativa). L’IE è un fattore di forma della struttura delle abilità sociali e comportamentali(e non solo), intuitive e adattative di un individuo.

Per questo motivo, il più bravo dalla classe dal punto di vista del QI, mette timbri su bolle bancarie e tiene la contabilità dietro lo sportello di una multinazionale, chi invece era il più somaro, amato da tutti, con una spiccata propensione ai rapporti sociali, eccezionali sensibilità empatiche e senso dell’umorismo, ora è il dirigente della multinazionale: il capo nasce dall’emotività dalla capacità d’esprimere e provocare sensazioni, emozioni, entusiasmi; i numeri sono importanti per fare i conti della spesa, ma: esiste la calcolatrice.
Da qui la plateale se non sconfinata dissimulata idiozia degli ingegneri(o musicisti), che sono delle macchine (quando) perfette se inserite nel loro specifico, degli inetti totali al di fuori dell’habitat nel quale il loro QI non serve ad un’amata minchia, coltivare una donna, un’amicizia, fare una battuta di spirito.
Per questo le istituzioni scolastiche italiane non servono a nulla con i loro obsoleti sistemini meritocratici da pallottoliere di De Amicis, sviliscono la creatività dell’individuo e mettono in cattedra gentaglia, piccolissimi burocrati che dovrebbero invece ramazzare per terra presi a calci nel culo, per questo chi ha soldi va a studiare ad Oxford, ad Harvard e; anche per questo, non solo per la carenza degl’investimenti su ricerca e università, la fuga dei cervelli all’estero.
Numeri, siete numeri,
ed io non so, non voglio
far di conto.

(la solita storia d’amore)

primitivo di Manduria

my-face-09

t’ho guardata
all’uscita della metropolitana…
m’è mancato il fiato
quando te ne sei andata
quando t’ho sbirciata;
sapevo sarebbe stata
l’ultima

ed ho osservato,
i passi stentorei,
il tuo incedere incerto
passeggiato in te stessa
alla ricerca d’una pista,
d’un maratoneta
della stessa lenza,
senza girarti indietro.
Il partner non ero io infatti;
troppo veloce nei miei ritardi;
prevedibile nelle derapate sloganti
a destra
dove manca il nervo
perchè a sinistra?

è vero.

Ti amo ancora
senza le
condizioni,
i compromessi
che hai scelto di(per) vivere
sono diverso
  ti voglio bene;
in questa " tutta mia"
buffa, sofferta
diatriba.


p.s. 23/2/09 ore 0.46
sono stato finalmente cancellato dal "tuo" msn; grazie.
quasi un anno di duro lavorio ha dato i suoi frutti…
e voi altre (s)comparse quando mi cancellerete?
verrò a trovarvi sotto casa, solo per farmi vedere
dai rispettivi cornutoni(che sono tali per costituzione; anche se non con tutte abbiam "consumato";
così si sentiranno vedendomi urlare, tenorile, il vostro nome… le corna sono vocazione, non conseguenza.):

ho tempo da perdere;
posso
anche questo.

 

jesus.gif

sono (un) dio;
perché credete
si usi il vino
nell’eucaristia
come metafora del sangue
di cristo
e non
l’aranciata?
Gesù era uno snob,
sofisticato
decadente,
alcolizzato.
gesasdfx6
prosit!

voglio entrare nel videogame, diventare lo zombie,
quell’essere ripugnante, soprannaturale che
per ucciderlo bisogna fracassargli il cranio, scaricargli addosso
250 pallottole di mitraglia, voglio morire, essendo però già morto.
uno stramorto dunque.
il bello senz’anima di cocciantiana memoria…
si, adesso mi spoglio come so fare io ma…
mi ami?

allora
dimostramelo:
sbudellami!
ma non illuderti, io non ci casco più;
a meno che tu non abbia un fucile a pompa..
allora equipaggiati e…
sparami sta pompa

gesasdfx6
amore.


potrebbe
anche piacermi
che mi finissi, 


così..


La conferma
dell’esistenza di un dio sta nell’umanità stessa:

non può essere l’uomo, il responsabile di un tale enorme fallimento.

stanislavskij

 

rispetto ad una serie di farse e imitazioni,

recuperi, studio, lavoro, trainings, ginnastica e
speranze di proto-agonismo collettivo
io

sono
una mezza figura,
ma;
non è,
la mia, Maschera:

perdo
me stesso
di persona.