suicidio

Annunci

individuo

internet

tv

media

la vita!

 

 

 

 

ti manovrano  dacchè sei nato

 

 

 

 

 

 

 

ma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

l’inganno più grande

è la tua mente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

è quello di credere

 

 

 

 

 

d’essere

TE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la zia, mort(a)e [commedia cittadina]


premi play e leggi.(soundtrack)

 

 

Non ho capito
che cazzo voglio
o non voglio,
che lingua
parlo o non
parlo,
leggo ma mi
fraintendo.
Oggi sono in sciopero
che qualcuno mi lanci
‘na scialuppa!
che qualcuno…
Che cos’ho?
sto soffrendo
cosa non ho,
molto.
Delirium tremens.
Quando son solo ti voglio
quando ci sei vorrei esser
solo un po meno
schizo
frenico…
dell’aria pulita! qui
c’è puzza(di socialisti!).
Garofani
quell’odore di stantio
che subisci al cimitero
ho sempre pensato fosse
degli ultramorti putrefUtti invece…
erano i fiori;
il profumo di
quelli freschi si mescola
ai decomposti, crea la
balbuzie sinestetica…
senza etica sensoriale.
Come l’odore, la scia! che
lascia la vecchiona(bisbeticoeretica) di qui
di casa mia! che
non si lavò mai
di coprire poi, cercò
riscoprire l’a(e)ssenza
del buon odore
con un profumo forte
da 3 lire
amalgama al corpo compianto.
La morte!!!
quando passa
oltre la scia lascia
un borbottio incomprensibile
fatto di
 
-“si, no, quante shcale devo f,
shta per piov, shcusa, prego, avanti, la schpesa pesa
chi sono? lo scoiattolo! anzi l’ho
scordato(lo), shalgo schiendo?”

Se ti blocca per le scale
resti pazzo;
paralizzato per ore
stordito dall’odor,
del fu fiore(del male)
più che altro dalle parole,
l’impianto scenico
apparentemente casuale senile
demenziale, bevo per
dimenticare.
Non ce la posso fare, per favore
devo andare,
-scusi signora
di 120 anni, le scale le fanno male?
salga in groppa a cavalluccio
la prendo in braccio, sto
vomitando
la porto io al
5°(elemento)piano
ascensore umano
-per carità però
stia zitta, che perdo la
forza la rincorsa,
della slitta sono
in apnea sto per collassare,
ad un passo dalla
fine, l’enfisema polmonare.

“Grassie giovane… buongiorno e arrivederZi caro.”

 

 

 

Onnoooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooo!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
he!no; la replica non ci sarà…
(…)
ahò befana…
(…)
ehi!!!

fazzio le scale sino al 5° piano le gambe mi fan male
devo portare la scpesa sono sola, sono sempre stata sola
confinata al 5° piano ho 121(mila) anni e dunque vado piano
all’epoca mia z’erano signori, uomini, ora mi sbattono
la porta in fazzia perchè scion veccia, brutta, ma vivo.

 

 

porcoddeaz nonna non puoi sequestrarmi con la tua poetica
divento un animale, m’imbizzarrisco come il cavallo mi
nasce naturale l’istinto
di protezione, salta in groppa anche se dopo
dovrò farmi la disinfestazione!!
chi son costoro che ti sbattono la porta in faccia!!
porcamiseria ladra chiamami telefonami così che io gli faccia, non so che cosa!!!
son tuo figlio, nipote, marito mai sentito,
l’acrobata che ti porta e regge s’un dito
la vecchiezza non è che il raglio, di ieri, della giovinezza
impressione onirica mentale. L’ospedale dove
ricoverati stanno i ricordi malati, però
se il futuro non esiste
cos’è dunque il passato?
un fiore “putrefa(t)to”?
Il rosso garofano
splendente oggi,
domani sarà morente,
puzzolente(come te) nonna
che non t’ho mai avuto,
dunque passato e futuro sono
niente, cosa conta dimmiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!

Sciolo il presciente(amor mio!).

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!
il presenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!
amor miooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!
ho sempre

 

 

sbagliato

 

 

tutto nonna!.

 

 

 

 

-M che belgli occhi grandi
che z’ai! shembrano turtelen…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
ghoul

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

te l’avevo detto nonna
di star zitta
ora mi tocca
mettermi il tuo soprabito
reggiseno, e collaaaaaant
che schifo!.. solo per fare il
lupo frocio della favoletta
di Charles Perrault..
ma
io non sono frocio;
neanche lupo

 

 

sono

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

una favola.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cappuccetto.jpg

 

 
cappuccetto?
mi sa
aspettare…
grauuurrrr!
185cl.gif

a politici, giornalisti, padri inesistenti, le madri che si riproducono per assecondare il brutale orgasmo della gravidanza: vi siete dimenticati Pasolini, dimenticato i figli?

ognuno piccolo autore alla ricerca di un’identità

salvadanaio, senza la minima forma di pudore verso

le generazioni figlie che dovevano ancora venire e a quelle

che verranno, quale sarà la vostra eredità quando un altro

Pasolini nascerà e la passerà allo scandaglio della propria morale

della scienza, cosa resterà di voi, dell’abisso in cui avete gettato

voi stessi ed il gregge, per comprarvi un’amante, una barca,

come figurerete, figurerete? nei testi di storia? ci sarà

nevvero ogni vostro nome e cognome come nelle lastre

di marmo delle stragi, degli omicidi, delle leggi e della

promisquità di un potere che non ha alcun interesse

per l’altro, ove la politica è un mestiere come la guardia, l’idraulico,

il medico, il banchiere è vero che non avete anima

e dunque dopo sarete solo un brulico di vermi ma

com’è che non v’accorgete d’essere vermi già ora?

piatteza on piano

non – sono ancora iscritto in questa piatta forma proletaria di enigmistica letteraria…rodari

…parente handy del settimanale, più letto, fatto finta di, nella strategia dell’ultima spiaggia(in treno, ombrellone, ambulatorio, prima di mollare il boyfriend)…
Che qualcuno scriva un post che poi a casa con calma unendo i puntini mi esce fuori un concetto ahahah… giornalai compresi.
Ho già ricevuto 1,5 minacce di querela preventiva per stalking (quanti danni che fanno le pubblicità regresso) da una poveretta grafomane che crede io la voglia sottomettere:

slave fai fare il master a tuo marito, ma

in psicanalisi così ti cura, e poi te molla, guarire è troppo equivocabile x voi.

sono stato bannato da 1 blog di satira giornalistica(per carità un controsenso in termini).
ed una (in generale le donne che fanno qualcosa di, non frivolo[etimologia please?], attinente al pragmatismo dell’ossessivo maschio sono… isteriche) mi ha detto che sono un brutto, gay, represso…
…tutti(ed io non sono tale) i gay son repressi(tranne forse qualche trans bellissimo) altrimenti sarebbero normali(e non farebbero alta moda)… ne capisci di psicanalisi?(e non psicoterapia per carità bbastaaa!) e allora che parli a fffà!?

Volkspress… sei una grossa delusione d’altrone… ho sempre sostenuto che i possessori “piloti”(ahahah) della macchi(n)a del popolo tedesco fossero degli “audisti” falliti(non parliamo delle “audiste” meglio buttarsi direttamnete sotto un tram[guidato da un gatto!])… come se poi un giorno magicamente quando da pecora dall’anale predisposto, ti ritrovassi colmo di danari i quali tramutassero nel cazzuto lupo(poco ci vuole, l’argent fait la guerre!) che ti fa il culo frangibile quotidie(a te a tua moglie e a quella del gatto)..
l’approdare ad una delle macchine del Wolf anziche volgare volks, la tua genia cromosomica, sperante(dal concetto di pietas cattocomunista), devierebbe verso la specie superiore cappottandosi o confrontandoti direttamente col platano, cocainimistico SUV, schiacciato inerme dalla forza di gravità che non conosce portafogli, camion ed ammortizzatori.. crisi maniacali(o il contrario depressivo) busta paga dipendenti…eeeee cromosomi.

VolfWaghen sono uno strumento di selezione di massa, così come il Volkspress ed il bourbon.

vi leggo!   😉
(ho notato tra l’altro che c’è un “poster” cioè

addetto a mettere in evidenza… etc etc
senza considerare orario, day etc;
lo pagate.

 

 

 

mi troverò bene!

 

 

 

 

 

 

morta l’ispirazione l’arte è un vibratore.

Uno dei più grossi limiti od errori dell'era contemporanea è il voler monetizzare, oggettivizzare le competenze.

(Remeron)*

*per coloro che s'avventurassero in questi lidi per la prima volta(ma cosa fate, misericordia, via, via!!), aforismi, tesi, antitesi, ipotesi, assiomi e dogmi riportati in questo blog sono frutto di una profonda riflessione, che accompagna l'autore, me medesimo, sin dalla tenera età, come direbbe Sartre:
L'infanzia di un Capo.

è state

o del mio cuor a pezzi(?)

2 estati.
o 4..
l'agosto è sempre una costante.
dopo il luglio,
e poi..
settembre o quell'altro; ottombre, novubre,
uno vale l'altro, davanti all'immanente immensità del mio trascendere,

toc toc, chi è? io..
prego, avanti! ricominciamo.

bambina (mal) progredita
come nessuno rechi in te 'l marchio,
origine, le tue vestigia tribali, brutali
tra le gambe, il ricordo, rifugio, che ci riparò
arcaico da fulmini di dei molesti.
La caverna.

unta e bisunta.

nuda non ti sporger
nello scorgerti del porger
lesta l'altra chiappa,
quella bella;
sicchè favella non ci dica
della tua muta fica
lo strombazzar d'intenti tra le dita
io! che non ti sento; non vedo
che lo struggere del tempo
che della giovinezza tua
così preziosa fa
granelli per il vento
e ciò ch'è per lo specchio ora
tra un minuto secondino
violentato addiverrà,
scardinato via dal…
silenzio momento,
non mento!
 

omo ridenz

ordine predestituito

non aggiungetemi come amico, io vi disprezzo, fatelo invece come nemico; non è possibile: allora disinteressatevi; indifferenza, la miglior arma. Io sono autonomo, ho escogitato ormai il modo di giocare a calciobalilla da solo; tentacoli! fiffi nero ah ah ha!
omuncolo sei superato, mi muovo nello spazio tempo, dimensioni astrali, unità di misura variabili, opinioni inesistenti, 3/4 di litro ribollenti.. sull’attenti!!!
riposo, riposo.. tirati sù… è sabato… vai a schiantarti sul platano col BMW
anche se a casa non ha il CW per cacare.
note solitarie….
(quando arriva la cambiale)
(lo so lo so; sono compenetrato
nello scorticato domestico del
medio homo sapiens italicus)
(non posso dunque
fare a meno di vomitare
sulle vostre, agre, vite amare)

omo ridenz

Duo suggestion

l'unica importanza nella, presunta, presenza dell'altro sta nella distrazione-distanza-diserzione da se,
nell'aprir una finestra per guardare fuori ma è una meschina illusione una media algebrica di illusioni,
sinossi di sperimentazioni millenarie empiriche e scientifiche, sceniche… da qui i tradimenti di per se ipoteticamente infiniti se valutati con la chiave prestige delle intenzioni, innocenti, galeotti, grotteschi se considerati con l'altra quella del sentimento che tutto e niente ha a che fare con la noia; secolare maledizione del focolare; ma con la carne (alla brace del tempo); invece, quando Copernico spostò il centralismo umano, tolemaico, lo degradò a quello supposto, illusorio di miliardi di altre anonime galassie, Narciso morì e con lui la coppia, il binomio distrattivo, l'esorbitante e pietosa caritas alla presenza del dio minore vis(ita)to nell'altro, lo specchio, distorsivo l'immagine di se stessi, già manovrata di per se dal filtro dell'inconscio da qui l'Idra di Lerna:  Freud e tutti i suoi figli, le sue teste, divorate e moltiplicate dalla filosofia, in metafisica, psicanalisi, psicologia, psichiatria, sessuologia e 21esimo secolo, il nostro tempo è la summa di tutto quel che abbiamo vissuto, quello che siamo stati prima e quel che ancora dobbiamo.

in tante mi contattano appena rotti gl'indugi dell'iscrizione allo splinder channel molte rimangono deluse quando apprendono, topografiche, che sono alto circa un metro e 70, come se un uomo come il sottoscritto si potesse misurare col cm, dopo l'eventuale mia crisi convulsiva cercano di risalire la china ma ormai è troppo tardi, perchè sono ferite o disilluse e perchè hanno capito che mi stanno girando a mille, sono un intellettuale, non scrivo per accattare la tua attenzione donnina, mi basta camminare per strada, nonostante i centimetri, per catturare sguardi che poi conservo nel conservatorio, sono un dandy, le sarte vanno col cm, è il loro lavoro, le sarte
non m'interessano.

Questo blog fa volentieri a meno del contributo delle sarte.
(se non per misurar(mi) la minchia, attività che avviene però solitamente in un secondo momento, dopo una certa intimità, che non implica(nonostante precisioni nanometriche) l'uso del materiale (radio)attivo in questione… Occhio!!!)

morsi

mi mandò via l’alcologa;
quando di soppiatto
tra una terapia ed un pettegolezzo mitragliò a bruciapelo:
perchè bevi Remeron?!!

"Questo mondo non è fatto per me", la(conica) risposta
determinante l’attimo,
ciò che si definisce solitamente
istinto
con l’overclockato "senno di poi".

poi


comprai una birra ed
un cane.

che mi ascoltasse, senza,

ribattere.

senza…

thcoffeescreen5183915gn9.gif

ai 36 anni di Loretta

stellina tra le stelle

L’orizzonte del nostro amore è tramonto,
mi sento.. male alle volte
che lo vedo calare albeggiando
rosso nell’acque al largo di Santa Maria
Di Leuca, salsedine frizzante, quando
esce distorto dallo specchio verdeblu
da stalla in cielo stella
d’astro a satellite celeste
nel biancore della notte maledetta,
io non ci verrò, lunare!
tutti sanno che son pazzo,
sfuggi
lo sguardo dei miei occhi neri di pece
e nella stretta maledetta ti sogno
le decadenze d’incubi svegliate
col nome tuo sparato nello stomaco
costipato d’erezioni dolorose,
non ho ancora controllato
quella foto;
s’eri tu al bordo, quando piccoli nel bosco
all’asilo mi mostrasti l’odore
della resina
del pino silvestre così lontani dal mare,
dal clamore del male e dalle circostanze,
tutti sanno che sei pazza,
si sfugge
lo sguardo d’occhi tuoi languidi ramemetallo,
corallo al collo cuore nelle orecchie
quando mi parli e quando no,
quel che saresti ora dio lo sa,
non lo farete mai più, non due volte,
avevi sei anni Loretta , siamo morti
tutti a 6 anni
maledetta e
tutti siamo pazzi,
sfuggono!
gli sguardi nostri di metallo verderame fuso
nella pece nera come il fondo ribollente dell’agosto
che non ho visto
cos’è restato di quest’anno e
di quel che se n’ andato?
un sassolino e 4 buchi ai piedi
dei miei sandali lacerati agl’angoli,
al tallone il piede, le ossa,
lacero quel tempo che non ci sarà con te,
laceri gli occhi lucidi nella fossa,
questa notte si balla, si raglia
come asini stretti nella stalla
non ti penserò più
, stella tra le bambine
perchè ora le ore son contate
decantate dalle medicine,
tutti sanno che son pazzo
non me ne frega un cazzo…
dall’aldiquà.

backmedium

quante volte si può morire dimmi tu piccola
se lo sai

i’m lost little boy

bum bum (giravolte)

per avere dell’amore
ho riverniciato il cuore
s’una vita alcolizzata
solo batte all’impazzata

per avere del dolore anche
solo un po’ d’odore
ho venduto la mia dote
quella mente su due ruote…

se nella disperazione annego
questo mondo non lo vedo
e se tutto gira intorno
non è notte non è giorno

che un domani non ce l’ho
e del tempo spenderò
sarà solo nell’ acrobazia
del considerarti mia…

vita! seviziata, contorta
smarrita, carnefice, indifesa
un compagno anelo
che mi segua nell’impresa.

Lo scudiero a me fedele
che mi vesta cavaliere.

(preferibilmente "scudiera")

preferibilmente con della materia grigia che…
non sia il DAS tanto meno
la diavolina accendifuoco…
occhio alla prossima stronzata
che cercherai di pensare;
proseguire adagio onde evitare autocombustioni.

che poi è così poetico (dice Dalla) star zitti se non si ha niente da dire…
che cazzo dici?! taci. il tuo silenzio è poesia; se sei una bella figa;
altrimenti taci e girati dall’altra parte, il tuo silenzio e la giravolta
sono opere di bene…

gesasdfx6


p.s.
ci sono tonne o balenottere che mi cont(r)attano per dirmi che non vogliono avere niente a che fare con me…
che non sembro una persona affidabile, che non dimostro attaccamento che… tutta un’altra serie di fesserie da orticaria… cos’è che ti spinge a farlo? il desiderio irrefrenabile mai pago di comprare scarpe, di fare shopping in centro di bere spritz e farfugliare enormità da autobus con le "mie" amiche?.. è la stessa inerzia uterocentrica che ti muove, ormonale, manifestandoti a me, che non considero la tua esistenza e tanto meno lo farò dopo la grassa risata nel leggerti così effimera, istinto burattinata, mentre s-paventi, arzigogoli una inverosimile personalità filatelica, incollata ad uopo con la sputazza
TFR2D4.gif.. tutta sta pippona alzheimeriana per "confidarci" che non ti senti alla mia altezza? be non c’è bisogno di confermarlo, sai… io
sono super partes,
in ogni "partes"
do you understanding
    TFR2D4.gif
(sono aldilà del DNA)
(papparapà!)
(tu invece sei un’anatra
da cortile)

fonzienw8.gif

 

oca.gif= tu

oca.gifoca.gifoca.gifoca.gifoca.gif= tu e le tue amiche

superman.gif

rotto di cazzo?

volgarità non paga
(in tempi di magra e di grassa son’ i bischeri a farlo)

BISCHERI!

spleender è
l’ampio parcheggio all’ingresso di…
un drive in porno(ormai è l’andazzo con buona pace della "redazione a vapore" che censura le mie foto senza alcun motivo e lascia, connivente, primi piani d’inculate servatiche, pompini a go go, cunnilingus, eruttazioni laviche… cosa non si fa per mettere in saccoccia qualche account pro a pagamento…)?
un tette e culi a buon mercato offerto gratuitamente anche ai minorenni?
teatrino pecoreccio di provincia molto off broadway (.)(?)
supermarket(te),
ospedale,
sert,
un Arci Club,
una stalla da monta..
un?

sfugge, evaporato,
il senso del messaggio/massaggio, digitale,
cerebrale a cranio aperto,
diretto, a mente fresca, sulla corteccia:
cervello, cervelletto
lobo A, lobo B
amigdala ed inutili(a quanto pare)
coratelle varie da scatola (cranica)
per prestigiatori in erba…
(piccolo chimico docet,
roba da ragazzi del
73 o 4).
se non appunto l’opulenza del "porno" a buon mercato
ecco, sarà una depandance di youporn o di quelle
piatteforme per scambisti, eppure una volta…
che peccato…

che barba…


     po’ esse’

se nulla sai; nulla vuoi, nulla avrai

quante "cose" belle, concetti pregni, (in)espressi, conclusi in questo blog, diversamente dai vostri inutili, vacanti, vacui, vacillanti, vaneggianti mai esistiti; "do(g)mini" e parlo sopratutto dei "luoghi" che rappresentano la piattaforma di pubblicazioni editoriali fisiche che seguono pedissequamente gli stessi assenti insignificanti presunti assunti, solo perché battezzati da Tizio, Caio, Sempronio, Mevio, Filano e Calpurni, i soliti 4 stronzi baronetti (non di Liverpool) che de-tengono la cultura nazional-popolare che passerà alla storia come ciarpame e che tu adesso assumi, ingurgiti come droga statale,
non c’è, ora,  in Italia; uno scrittore, un uomo di teatro;  un regista cinematografico.
E’ un po come la vacanza di protagonisti nella classe politica; la platea(tu), questo richiede:
nulla.

Uccio è morto(sono mesi)

16 Dab

si parte da 16 lattine in offerta a 0,76€
si riempie il cestino, ma non il carrello, benedetto istinto di sopravvivenza.
Si torna a casa, si frigorifera la beeeeeer, si finge una spinta di bilanciere su panca piana, no!.. oggi non è giornata, ma non posso rompere il ciclo! si ma… per una volta… lei intanto si fa bella nel freeeez… oggi non mi alleno. E’ pronta, apro la prima… la dab è l’unica beeeeer non pastorizzata(cruda) che vendono al supemmakket sotto casa, è una droga sincretica, non sintetica, unisce il gusto della beeeer cruda alla spina… che ne so belga? a quello della lattinaccia da supemmakket; muore la prima, la seconda, la terza e così via, si fa avanti predominante un pensiero unico, fervido, forbito, imbottito: uscire!
Uscio da casa già su di giri e di salto in banco, giri in, giro un po’ di localetti con le ragazzette(trentenni) che mme mangiano con gl’occhi:
ma che non ha magnato stammatina? e poi come fai a magnà co l’occhi significa che poi mi digerisci cor naso brrrrr che schifo. Una
birra grazie… doppio malto con l’aggiuntina di gin, una, due,
tre, booom
,
sono ancora tra i tavolini del pub all’aperto ma!! steso per terra… si
qualcuno forse cerca di tirarmi su, bestemmio in dialetto calabrese, desistono, mi prendono a calci.
Poi mi rialzo, miracolosamente cosa faccio; vado a casa? no
passiamo da quell’altro localino, oooooh ma quanta bella gente ma com’è è solo giovedì? mercoledì? venerdì? bo e cchevvordì?
qui si perde il conto, ma resta una certezza, la beeeeeeeeeeeeeeer corretta, scorretta e discola come il suo contenitore(me medesimo).

La serata si conclude con uno(sfigato) che parcheggia la macchina, sotto casa, scende dalla stessa e…

il giorno 05/06/2009 un medico chirurgo del pronto soccorso redige una diagnosi:

distorsione caviglia dx, infrazione(ndr frattura)apice malleolo peroneale dx, contusione abrasa ginocchio dx, contusioni al volto.
Prognosi gg. 20
Si rinvia a Asl.

mi hanno rrrrubbato anche il cell. quindi è inutile che…

uccioirratio
mi manchi rovinosamente.
(topo)

derive capziose

questo blog insegue un’inerzia Psicomagnetica(che non ha nulla a che fare con la Psicomagia del saltimbanco cileno AlejandroLuis García Alfonso Guillermo Pedro Gael FelipeJodorowsky, del quale "il nome" taccio per non sporcar la lingua) verso il vertice sconosciuto di una cima al contrario dunque; precipizio!, strapiombo genitore dei concetti e del nonsense asfittico partorito negli ultimi post… perchè?
io di ritrovar risposte nello umano scrivere o nello umano errare anzichenò e perbacco! ragionare non son buono, pour qua in questo blob si sragiona e la sragione del depensamento è pensata; dis-pensata! ordita, ordinata senza alcun pentimento, ogni tanto un complimento alla fin del compimento..


Jim Morrison ha scassato la minchia

questo post come d’altronde tutti gli altri è suscettibile più degli altri(come d’altronde) d’essere cancellato coattamente la prossima notte di luna calante.

"essì! a volte si deve rischiare; e fidarsi delle persone."
 

Saggezza a Tradimento!

è un servizio ipnoculturale di retorica a sorpresa…
quando meno te l’aspetti, su Remeron Channelgesasdfx6
 

questo post non proprio come tutti gli altri rischia d’esser condannato al capestro senza nessuna "ottima motivazione" se non il capriccio dello scrivente.

non posso bere, non posso fumare, non posso scopare, non posso eeeeee… devo prendere psicofarmaci, devo andare dalla psi, devo fare questo e quello, mi devo alzare presto la mattina altrimenti la sera non dormo, devo fare la dieta perchè sono ingrassato 10 kg, devo leggermi i vangeli apocrifi perchè sennò non ho nulla di cui parlare con l’invasata con cui mi relaziono, devo rivalutare la figura di Giuda, non posso comprarmi una zoccola(Rattus Norvegicus) non posso andare a zoccole, devo pagare l’assicurazione della macchina, basta, qui c’erano tutti i presupposti per un’ottimo party ma con tutti questi obblighi non posso neanche fare vita sociale, presenziare al mio presenzialismo, osservarmi dagli inutili occhi degli altri, e che ne so, mi riduco allo spettacolino sinaptico dell’attico, o pied à terre sensoriale dove non v’è niente di spirituale perchè non ho una fede religiosa, leziosa, non so cosa, sia il mantra, il tantra, la fant(r)a, conosco fin troppo bene la cocacola ed alla fine dovrei ritornare a scuola per ricominciare a studiare Virgilio(quando mai) Campanella(chi è?) Euripide e S.Agostino, preferisco il lavaggio del cervello, o la visione ininterrotta per 4 giorni di Macbeth di W. Shakespeare versione italiana, regia, interp. di Vittorio Gassman aaaaaaaaaahhhhhhh!!!!
per carità diddio..
me ne vado!!

almeno sapere di cosa si muore(sud il cesso d’Italia)

la camorra, le mafie, il nano che (ci) ripulisce, non ammazzano solo con la volgarità, la spocchia e le pallottole, con la malagestione della cosa(loro) pubblica, mesmerizzandovi con la TV o con il pizzo, ma; anche con le scorie nucleari che han seppellito, tutti d’accordo, sotto il vostro sedere. Tutta quella monnezza "innocua" (extracassonetto) che avevate accumulato(certosini) nelle strade in mesi, anni di "duro lavoro", da bravi cittadini(consumatori), era stata prevista, voluta, pianificata da "qualcuno" perché, poi, nelle, collaterali, "grandi opere" di scavo e repulisti, sarebbe stata il "tappo espiatorio" che ora copre il vaso di Pandora; la "vergogna" radioattiva che da ogni parte del nord(e del mondo "civilizzato") si raccoglie sotto i culi a (pizza &) mandolino del sud Italia.
I vostri bambini, moriranno di tumore.
Voi siete già morti. Salute(pubblica)!!

per la p(u)agn(e)otta di oggi avete svenduto la vita dei vostri figli, peggio dei disperati dello Sri lanka, voi meritereste la pena che avete inflitto, omertosi, a quelle povere creature ed a quelle che verranno dopo. votate, continuate a votare ed a farvi svuotare dentro.

forse per questo i vari Bassolino & co, la sinistra in genere temporeggiavano, per evitare le grosse/grandi manovre coatte dove possono, subdole, serpeggiarne, indisturbate e conniventi, altre mille piccole; i quali "enormi" effetti durano millenni,
forse
perché la monnezza per strada al massimo alimenta le zanzare, i sorci e i cani(che ora pella fame ve se magnano^^), ma non i traffici della camorra e la contaminazione del territorio(a vita), col benestare di chi vi telecomanda con un bel culo da un telefilm della tele(di stato!).
(Cugghiuni)

per dimostrare ancor di più la tua subordinazione (in vista di qualche indulgenza, ‘na ventina di euro una tantum perché l’hai votato, quella stanzetta abusiva che avevi intenzione di costruire nel centro storico, 2 multe per eccesso di atrocità, ‘nu condonuccio fiscale) al padrone, che ieri era il duce, prima il re, poi il boss ora non si sa neanche come definirlo questo "obbrobrio" che viene dal nulla che non ha una storia, fatti installare una centrale nucleare sull’Etna e una s’u Vesuvio, in tema di grandi opere utili, solo per chi le farà, sarebbero 2 fiori all’occhiello dell’italian style dell’ultimo "ventennio"… sempre dopo il ponte sullo stretto;
funzionalità(metafisica) + mafia + clientele – senso del pudore= Italia, quella che tra 100 anni consegnerai a tuo nipote, ecco, è proprio questo l’argomento topico verso cui volevo portarti:
non fatele nascere proprio ‘ste "creature", è il dono migliore
che potete fargli.


si muore.
ma è il come
a far differenza.
così
si vive.

(ho fatto la doccia dopo una settimana)

daily horror

per esempio, ho fame ma non c’è niente da mangiare… perchè?
apro il frigo e ci sono delle fettine di tacchino scongelate ieri(?)… potrei mai cucinarle? evidentemente no.
ma.. e quella scamorza che comprai due mesi fa?
non riesco quasi a vedere, occhiali così sporchi, che ormai sembrano "da sole"…
e…
quella bresaola che avevo "acquistato" una settimana fa?.. potrebbe oculisticamente sostituire le mie lenti…
perchè questa schiavitù quotidiana del divorare qualcosa di commestibile?
una dieta a base di grissini!
regalatimi da mio fratello sol perchè fanno schifo,
potrebbe intercedere in qualche modo nella pulizia degli occhiali?
e se comprassi la bresaola poi, che cosa cambierebbe effettivamente nella totalità dell’economia domestica, nella gestione di un frigorifero (ancestrale edipico)? e perchè il mio stomaco?
e l’acido cloridrico che lentamente divora la mia massa corporea? ed il ribonucleico?
e perchè invece ho le sigarette considerando che non fumo?
e tutte queste bottiglie di prosecco vuote intorno a me?
(qual)cosa sta cambiando(?).

mia madre m’ha detto: tu non ti vuoi bene..

io…
e tu che ti sei accollata la croce vivente di un borderline, un meridionale(meridionalità sottolineata solo per contestualizzare l’ambiente ancora più disperato rispetto al resto del continente) agreste civilizzato, figlio della seconda guerra, di perseguitati politici, orfano di madre, produttore di corna "fordiano"…(da Henry Ford l’inventore della catena di montaggio) e gli hai fatto pure fare 4 figli…
ma v’a cagare va… io vi voglio bene.

sono la vostra coscienza.
Vivente.
Edipico discendente di un riflesso;
un collasso storico.
(amen)


La conferma
dell’esistenza di un dio sta nell’umanità stessa:

non può essere l’uomo, il responsabile di un tale enorme fallimento.

Nerone docet

Ostentare un gergo forbito è sintomo di erudizione e buona memoria, esprimere a raffica termini "aulici" non è però "evoluzione culturale", è come fare le parole crociate, una questione d’allenamento, di tecnica, rozzo facchinaggio concettuale, "mi nonno" "de cruciverba" era un mostro ma non, per questo, raffinato intellettuale, riassumendo:
il lessico, non è sinonimo di "struttura" mentale, di levatura intellettuale, morale, culturale, tutti i maestri(elementari), professori, docenti sarebbero, altrimenti, intellettuali di rango, invece, il 90% ha la mente (specie le prof. d’italiano) più fossilizzata di una mummia egizia, alienate da millenni sugli stessi geroglifici e/o avemarie, ripetute asfitticamente all’infinito e svuotate nonostante l’impeccabile(eventuale) forma di qualsiasi contenuto e/o concetto.
Non c’è, in breve, differenza alcuna tra un docente ed un bidello; sono entrambi facchini.




Spiritualità, grandezza, genio, non sono di-mostrate dalla "bella collezione" ma

dal 
carbonizzarla;
dal
carbonizzarsi.


carbonizzateviiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!

l’angoscia
http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf
il microfono non regge la voce di
Remeron


(nun se po’ sentì)
(warning!)

Love Will Tear Us Apart

When the routine bites hard
and ambitions are low
And the resentment rides high
but emotions won’t grow
And we’re changing our ways,
taking different roads
Then love, love will tear us apart again

Why is the bedroom so cold
Turned away on your side?
Is my timing that flawed,
our respect run so dry?
Yet there’s still this appeal
That we’ve kept through our lives
Love, love will tear us apart again

Do you cry out in your sleep
All my failings exposed
Get a taste in my mouth
As desperation takes hold
Is it something so good
Just can’t function no more?
When love, love will tear us apart again


Ian Kevin Curtis

non ho una moglie
una casa

non una cucina
tanto meno una rastrelliera

alla quale "appendermi"
dopo aver ascoltato
quell’idiota di Iggy Pop…
non ho più 24 anni.
ma la leggenda del genio
adolescente di Caroli*?
i 37 sono all’orizzonte
lontani…
l’anno
è appena iniziato.
testa di cazzo!

il piccolo,
il mediocre
cerca, millanta la grandezza
per confutare l’impressione(corretta)
che ha di se,
l’arrendevole pochezza del proprio io profondo,
anzi sprofond(at)o.

Il grande non cerca,
trova.


intimistica(zzi)

ora,
sono così triste che m’ammazzerei


(m’amma)

prima, sono uscito per comprare il giornale, e l’avevano finito, allora ne ho preso un altro, e già è una mezza fregatura, mentre uscivo sono stato "investito" dal vicino mutante(sempre meno di me) che va in giro con la radio inglobata nell’orecchio(non sarebbe più umano se per natale gli regalaste gli auricolari a sto cristo? te li regalo io nonno, anche se sono in mutande!) mi ha talmente "stupefatto", col suo sguardo ipnoinducente, che ho scordato le chiavi a casa, per rientrare ho dovuto far cose molto discutibili che hanno creato dei precedenti, per via dei quali in futuro potrei ricommettere le stesse infauste azioni, magari di notte nelle vesti di sonnambulo funambolo… poi stanotte non ho dormito, questa concatenazione di circostanze mi ha gettato in uno stato catatonico premorte, sono un vivo apparente.

(che devo fare?)

dott-remeron
"Qui giace Remerin, poeta fosco
| di tutti disse mal, anche di Cristo, | scusandosi col dir:
io lo conosco
!".