Dottoressi (Italian Horror Story)

premi play e poi………….. leggi(mi raccomando deci
bel).

 

 

 

 

Oggi nell’epoca della mercificazione globale famelica borghese
l’università è lo sportello della posta
vai a pagare la retta(via) e ti danno in cambio una(supposta) laurea.
L’universimentificio, frutta un sacco di soldi a provincia, regione
stato ma, non frutta menti, questo è un peccato.
🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Studia ignorante!! dice la madre con la terza media, intellettuale e spirituale
Il babbo non commenta, sta guardando “fritto” la partita su Skyp(fa bene!).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mamy, mi fai l’ovetto alla coque ancora non ho imparato a farlo 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma dopo tutti questi soldi che abbiamo schpeso 8(0) anni
di università figlio mio com’è che sei ancora così cogghiune?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 (sono single!!)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le madri rovinano i figli italiani(mandandoli all’università
invece di mettergli la zappa in mano).
Joint venture italianalitica.
Le menti sono tutte al sud! Ma

al Sud Africa: Pretoria.

 

 

differenza semantica contraddittoria, rispetto gli

adagi degli anni ottanta.

Oggi l’imbecillità in italy non ha regione o ragione

così come la mente che non è in questa nazione

d’allevati pampasscioni. Fate bene!

Farete strada!
magari
sulla pelle della gente, dopo
aver costruito un’autostrada, un ospedale, na scuola,
che crollano al primo turbamento tellurico…
magari dopo un trapianto di fegato dove
al posto del fegato il paziente si ritrova
un rotolo di garza(però sterile quel ch’è giusto è giusto)
una pinza emostatica, il bollettino postale, il verbale
di una multa di 800 euro che hai cercato di occultare…
hai scelto il posto giusto… nessuno lo andrà a cercare…

Ambecille vai a zappà, co tutte le 27 lauree che
t’ha comprato mammà.
e papà che non ne vuole sapere
niente d’essere disturbato mentre
segue, stroncato, la partita
in tv, alla radio
(per tutta la vita
anche perchè tu non sei suo
figlio ma del tabaccaio e
lui lo sa ma! va bene così…
Ottimo per mamy adesso va a
comprare l’MesSe ed incinta ne esce
poi se nasce(hai anche i tuoi 57 anni!!)
lo manda
all’università dei mongoloidi
oppure lo lega alla catena
nella terrazza, stesso portato intellettuale,
dell’universimentificio,
con un piccolo sacrificio
per mantenere la faccia della Prof. col vicinato
conservare il sangue del barbiere
anzi del tabaccaro, chi cazzo era
non se lo ricorda neanche lei…
domani farà una figlia col postino thailadese
l’accoppierà Giuseppa Mengele con le
catene della sua coscienza…
E fai bene!!!
l’estinzione del caucasico
è endemica, na società de froci
nfami, papponi, ci metti del tuo
ce lo imponi, l’accetto…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Mamy mi fai l’ovetto?.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma ancora dopo 80 anni di catena
non hai capito che sei una bestia
e devi mangiar la crocchetta?

Mamma io ho un’anima.

Ahahahahahah!

Mamma per me sei una donna
eccezionale, anche dal punto sessuale…

perchè mi neghi la tua grazia?

 

 

Ma!!!!!!!! figlio mio io…
che cosa poetica che hai detto
in effetti mi conservo bene
tu mi stai facendo sognare
sei il dono di dio.

 

 

 

Mamma e

perchè non mi
stacchi la catena vorrei…
darti un
bacio,

 

Oddio figlio mio

mi fai felice
non aspettavo altro ora ti libero
parleremo di musica, poesia;
non corteggiarmi però così!
oddio sarò bella ma sono
una donna matura… mi lusinghi.

 

 

stracchete(gira la chiave del lucchetto al collo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ghoul

 

 

 

 

 

e di mami resta un
uovo strapazzato,
Quello alla coque
non m’è mai piaciuto
veramente; era un alibi…
Mamy,
(…)
mamiiii!!
(…)
haò!
(…)
mamy! 😀
vabbè…
vado al piano
di sotto a trovare quel fritto di papy
che guarda la partita…
ci divertiremo insieme.
Ketchup & Pop Korn!!
🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

If I bite traces remain,
but you will be (in!) my kingdom.
Baby.

a politici, giornalisti, padri inesistenti, le madri che si riproducono per assecondare il brutale orgasmo della gravidanza: vi siete dimenticati Pasolini, dimenticato i figli?

ognuno piccolo autore alla ricerca di un’identità

salvadanaio, senza la minima forma di pudore verso

le generazioni figlie che dovevano ancora venire e a quelle

che verranno, quale sarà la vostra eredità quando un altro

Pasolini nascerà e la passerà allo scandaglio della propria morale

della scienza, cosa resterà di voi, dell’abisso in cui avete gettato

voi stessi ed il gregge, per comprarvi un’amante, una barca,

come figurerete, figurerete? nei testi di storia? ci sarà

nevvero ogni vostro nome e cognome come nelle lastre

di marmo delle stragi, degli omicidi, delle leggi e della

promisquità di un potere che non ha alcun interesse

per l’altro, ove la politica è un mestiere come la guardia, l’idraulico,

il medico, il banchiere è vero che non avete anima

e dunque dopo sarete solo un brulico di vermi ma

com’è che non v’accorgete d’essere vermi già ora?

Decline: The Maya Perspective.

 

the old ones are

the young and

the young are old,

from

completely Jurassic

illiterate despite

hyper-technological

media with which

they will

communicate

their hysterical
old age.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 smiley_emoticons_mttao_matrix.gif
 

era
ending sign.

io sono comunista, io fascista.

peccato che la massa non ha occhi, e per trovare uno sguardo si debba sgranare molto s’un soggetto indefinibile, oggetto della massa, questo ragazzo dice delle “cose” sul suo tempo, perchè ha colto l’opportunità di leggere quello che altri(altre civiltà millenarie) hanno detto prima, senza discriminare con l’handicappato occhio scientifico contemporaneo(la scienza moderna non ha neanche 200 anni), perchè è nel passato che è vissuto l’uomo, e più si va indietro più lo s’incontra unito a dio… Uno.

 

 

 

Arte

l’oggetto artistico è privo di significati:
è in quanto tale(significante),
autonomo nell’inesorabile sublime inutilità,
un po come la matematica pura, o Mozart.

“Ciro Severino”
Aforismi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la retorica ve la regalo.

 

 

 

 

 

 

 
A natale.

 

 

 

 08ff183bbe23985f51d7c9233210dfa4.gif

morta l’ispirazione l’arte è un vibratore.

Uno dei più grossi limiti od errori dell'era contemporanea è il voler monetizzare, oggettivizzare le competenze.

(Remeron)*

*per coloro che s'avventurassero in questi lidi per la prima volta(ma cosa fate, misericordia, via, via!!), aforismi, tesi, antitesi, ipotesi, assiomi e dogmi riportati in questo blog sono frutto di una profonda riflessione, che accompagna l'autore, me medesimo, sin dalla tenera età, come direbbe Sartre:
L'infanzia di un Capo.

bitume

"essere o non essere"
è tutta in questa propositiva proposizione l’essenza moderna della società aperta
nella dinamica del soliloquio, dell’assurda preghiera, del leggere un qualcosa che non c’è;
nelle vesti di qualcos’altro che dovrebbe esserci: una pippa, una persona, la paranoia.
Ma non è stato sempre così, e così non tornerà, e a quanto pare non è…
anche se un fiorire di carta stampata e di "professionisti competenti e/o committenti d/nel nulla"
ve ne sono a bizzeffe.
"Quando avevo 7 anni mio padre mi ha menato"
sindrome da borderline..
"quando avevo 8 anni ho assistito all’amplesso tra mia madre ed il lattaio"
disturbo narcisistico della personalità.
"Quando avevo 4 anni mia madre mi metteva i sandaletti al contrario"
disturbo da visione dell’ultimo film di Von Trier.
"Quando…


te ne vai affanculo?

homo sapiens

ci si evolve ogni 15000 anni,
lo dicono gli evoluzionisti…
(il resto son fuochi d’artificio)

è triste morire senza figli…

avere coscienza nel limitare le nascite

è certo
un sacrificio troppo grande
da chiedere alla donna
emancipata
evoluta
dilaniata da una realtà maschilista
esotericamente veramente poco strega
molto "troppo" poco "vacca"(porntube, cuckUld, ed oltremodo amorali "prostituzioni" televisive, carrieristiche e/o [geo]politiche al soldo del potere a parte)
libera di decidere sulla gravidanza
e/o sulla propria carriera eppure..
proprio oggi, come nel dopoguerra;
in un momento di crisi
quando cioè certi valori dovrebbero
reggere almeno le apparenze
la "femmina" umana si lascia andare
a(ll’istinto) quel maschilismo, storico e storiografico,
(che lei e noi abbiamo condannato nelle crociate 68ine, 77ine etc etc)
che la vuole "vacca", "fattrice", catena di montaggio
cacatrice di fasci da fasciare, da mandare al fronte(quale?) a zappare(dove?)
d’un’ ottica medievale nella quale si ricade
ahinoi, nonostante, la teoria della relatività,
ogni qualvolta ci sia una recessione(dicono i giornali) economica.
Si ritorna alla brutalità.
Tutto(i) va, appunto, a puttane.
E…
perché invece

prima?

morsi

mi mandò via l’alcologa;
quando di soppiatto
tra una terapia ed un pettegolezzo mitragliò a bruciapelo:
perchè bevi Remeron?!!

"Questo mondo non è fatto per me", la(conica) risposta
determinante l’attimo,
ciò che si definisce solitamente
istinto
con l’overclockato "senno di poi".

poi


comprai una birra ed
un cane.

che mi ascoltasse, senza,

ribattere.

senza…

thcoffeescreen5183915gn9.gif

buffoni!!

cani e figli non sono suppellettili

sono "venito" dal profonto sut a stutiare a Bofogna, però per timostrare che no ssono un bi-tri-quadrifolco e pe racco jere un po di fica mi sono accattato aszi, mio patre mi ha rrecalato unnu cane chi è unn mastino napolitano bionto(franciese), per camparlo spento ogni mese como alli tasse ti l’università ogni ano, poi tra 2 o 3 mesi scomparice e nisciuno, manco io, sappio che è finuto investito ta una machina sulla tostrada è acca usato 3 morti, lo ticevo io chi era ‘nfame! picchè io sonio antato a Birlino a petto nudo como i punkabbestia alla strata per fare il bello colla racazza mia di Bolsano e sur treno nonci facevino assalire tutti e ddui allo ra o me o lui, il cano bionto(anche sello pagato 2500 euri)! mio patre imprentitore che rubba soldi a queli di colore pi raccogliere li pomodore, come foi bulognasi bottegai, (ogni 3 metri n ci è un necro co necozio di quarche cossa, salsiccia, anello, acchiali, animali, pizza, scarpe de ginnasteca) quinti, poi a Birlino colla mi ‘a racazza pazza ci ano caricati di mazzate li nazziskinni(pekkè simo comunisti!!!) e nci hano rispediti accasa topo l’ospetale, esulla strata de’ ritorno asiccomo nci facevano saliri sulla ferrovia ca simbrfamo du zingari mbriachi avimmo nfittato una mbachina(sempre colli sorti de li nigeriani che rincoiono pomidori) e aviamo priso l’autostrata a mità nun sappio buono cossa ì soccisso ma ho scontrato una mucca, unnu cavallo, unno dinosauro no!! era illlo mio cano pacato 3500 ero deli nigeriani, e siamo diventati tri fanta(s)mi(pecchè prima infece..), ti l’afefo detto che portava sfica il mastino bionto…
l’afefo puro chiamato techila come ar firme…
piccato chi nun c’ì l’assicurazione
all’infierno…cry.gif
sinò purtafo ir testimone falzo! nigeriano pomidoro dell babbo!!!
ma so mmmorto cona ti centro o giù di lì. so nmorto per un cagnino
passato sullo stradino e atesso sono nel vento ma prima….
stafo a Birlinoooooo!!…

e strumpellafo pure la chitara; chissà!..cry.gif

particolare uno.jpeg

“La civiltà di un popolo si valuta anche da come tratta gli animali”.
Gandhi

teorie negli amanti

ed altre frigide speculazioni

preziosa, venerabile; deprecabile condizione per l’altro nel, laterale, latere; eppure…
nell’assenza ritroverai, barcollante, la tua
astratta,
solipsistica,
artica,
peculiarità:
falsata adiacenza (nazione!)
con la verità
immaginata; agognata.
Individuo non è ragione
della negazione/vocazione(/navigazione)
al rapporto sociale,
ma della sua in-dipendenza; astrazione..
Nelle strategie, anzi:
tattiche amorose,
al più, valgono le dinamiche per menti dozzinali;
orizzontali; brutali, banali, al massimo adolescenti…
così com’è la struttura mentale del cacciatore…
è

quella;
della
preda.

cambia il ruolo
non la sostanza;
il codice
non il contenuto.

il suolo non la
radice.

il "movere" ma
non la costanza.

costanza, vita; esistenza è (nel caos)
la ridondanza, pedissequa del millenario ripetersi
che alimenta il "movere"
l’universo,
che tu sia preda,
predatore
pietra o
l’inverso
.

fzzz
oltre
c’è
il nulla.

oggi in clinica…
Le persone normali fanno tante cose, forse anche sbagliate ma le fanno…
…i fissati psiconevrotici fanno una cosa sola forse sbagliata ma la fanno fino alle conseguenze estreme, qual’è la differenza?
Gli psiconevrotici, han realizzato il David di Michelangelo, la Cappella Sistina, il Manfred, il Don Giovanni, L’Amleto, hanno scoperto le americhe, hanno conquistato il mondo, hanno violentato il mondo, hanno scaraventato l’uomo di Neanderthal nel ventesimo secolo con la teoria della relatività, dal medioevo alla modernità in una scossa elettromagnetica a basso voltaggio viaggiante nell’etere da MIlano a New York, hanno sterminato milioni di uomini in nome di un principio, di una casata, di un dio, della virtù, dell’onore… d’uno, o di tutti questi simboli all’unisono strumentali alla follia, ma… lo psiconevrotico in determinati casi  della storia umana è stato solo, appunto, uno strumento del quale l’ometto normale ha usato il carisma, le compulsioni, il temperamento pagandoli a caro prezzo…
Oggi che gli psiconevrotici vengono curati, VanGhog non si taglierà l’orecchio ma, ahimè, non eseguirà quel capolavoro struggente l’anima, che è il ritratto del Dottor Gachet;  l’amico degli impressionisti e di tutti i pittori del momento in quel de Paris del 1900… peccato che l’amico adorato, il pittore maledetto per il quale il medico aveva posato e richiesto diverse copie del ritratto si fosse innamorato della figlia Marguerite, fu così che fatalmente l’amato Dottor Gachet, che aveva aiutato, il pazzo Vincent nelle sue nevrosi consigliandogli di dedicarsi esclusivamente all’arte, latitò, proprio nel momento, il giorno che il genio olandese si sparò in petto*, magari chissà mentre pensava, ossessivo, proprio al valore dell’amicizia e dell’amore e di quanto siano incompatibili una con l’altra…

pelle

*in seguito
 lo medicò ma il pittore
morì ugualmente 2 giorni dopo

l’aradio

tombola!

dopo i trenta chi c’è chi è? dopo trenta chi sei chi hai? dopo trenta ndo stai? dopo trentanni ad aspettare che arrivassero trenta ora…
ero alla finestra una donna malata d’alzhaimer m’ha detto "abbassi la radio che non ha più ventanni!!" non è la radio signora, "abbassi lo stesso!"
abbasso… l’abisso
in macchina, la strada, la rotonda, l’autoarticolato stringe, guida e telefona lo scarafone, suoni gesti urla, bestemmie, "abbassa la radio!!" esclama mio padre seduto affianco mentre impasta una caccola, e si lamenta… non è la radio papà!! "abbassa lo stesso!"
l’ospedale… "è il suo turno, se ha quelle cose ficcate nel cervello come fa a sentire quando la chiamiamo? abbassi il volume della radio almeno!!" non è il volume… ‘ffa; non ho cervello in queste cose… "queste cose cosa?" (indico lei come "oggetto" della mancata mente..) e non è la radio!! sei isterica infermiera… io guardo arrivare il mio numero; il "30" sul monitor di 42 pollici appeso sul muro di fronte a me, sono trentanni che lavori qui dentro, ancora non l’hai notato? "questo è il reparto di psichiatria non urli! il monitor è rotto" me rimbarzi "e che significa!?"

che non sono io…
è la radio,

anche s’è il monitor ma,
è solo per esser coerenti…

(l’onda d’urto)

 gesasdfx6

(spleender è un fake)

a(na)tomico

09062009

voglio spro-fondare nel-la malattia.
il patologico è la (mia) dimensione.
non confonderla con una maschera identitaria.
Io non sono,
neanche quel sasso, uguale a mille altri,
lanciato a filo di lago che taglia, "rimbarzando", i due elementi
aria, acqua,
idrogeno e ossigeno.
Sono l’idea biochim(er)ica
di quel
compiersi/scindere/dissolversi.

quando morirò, sarò già
talmente inesistente che
non succederà nniente,
ossia:
l’ennesimo
smile rimbarz nero.gif
espediente.

remeronfuck

Uccio è morto(sono mesi)

16 Dab

si parte da 16 lattine in offerta a 0,76€
si riempie il cestino, ma non il carrello, benedetto istinto di sopravvivenza.
Si torna a casa, si frigorifera la beeeeeer, si finge una spinta di bilanciere su panca piana, no!.. oggi non è giornata, ma non posso rompere il ciclo! si ma… per una volta… lei intanto si fa bella nel freeeez… oggi non mi alleno. E’ pronta, apro la prima… la dab è l’unica beeeeer non pastorizzata(cruda) che vendono al supemmakket sotto casa, è una droga sincretica, non sintetica, unisce il gusto della beeeer cruda alla spina… che ne so belga? a quello della lattinaccia da supemmakket; muore la prima, la seconda, la terza e così via, si fa avanti predominante un pensiero unico, fervido, forbito, imbottito: uscire!
Uscio da casa già su di giri e di salto in banco, giri in, giro un po’ di localetti con le ragazzette(trentenni) che mme mangiano con gl’occhi:
ma che non ha magnato stammatina? e poi come fai a magnà co l’occhi significa che poi mi digerisci cor naso brrrrr che schifo. Una
birra grazie… doppio malto con l’aggiuntina di gin, una, due,
tre, booom
,
sono ancora tra i tavolini del pub all’aperto ma!! steso per terra… si
qualcuno forse cerca di tirarmi su, bestemmio in dialetto calabrese, desistono, mi prendono a calci.
Poi mi rialzo, miracolosamente cosa faccio; vado a casa? no
passiamo da quell’altro localino, oooooh ma quanta bella gente ma com’è è solo giovedì? mercoledì? venerdì? bo e cchevvordì?
qui si perde il conto, ma resta una certezza, la beeeeeeeeeeeeeeer corretta, scorretta e discola come il suo contenitore(me medesimo).

La serata si conclude con uno(sfigato) che parcheggia la macchina, sotto casa, scende dalla stessa e…

il giorno 05/06/2009 un medico chirurgo del pronto soccorso redige una diagnosi:

distorsione caviglia dx, infrazione(ndr frattura)apice malleolo peroneale dx, contusione abrasa ginocchio dx, contusioni al volto.
Prognosi gg. 20
Si rinvia a Asl.

mi hanno rrrrubbato anche il cell. quindi è inutile che…

uccioirratio
mi manchi rovinosamente.
(topo)

approfondiamo (no)

al pub.. una grappa, uno spintone e…

…hai una direzione?
no.
una relazione?

no.
non ci credo che "vivi" solo…
hai una donna?
no.
un’amichetta fissa?
no.
quanti anni hai; 24?
no.
vai a baldracche?
no.
e com’è che stai con me?
no.
tu (non) sei normale!
no-bis.
(sco[p]piamo?.)
no.

mitteleuropeo
bevo birra da quando avevo 3 anni
mio padre è stato emigrante in Germania dai 18 ai 20 anni,
sono ariano germanico di conseguenza.
no.


senti ma te ne vai un po affanculo?

no.
cosa posso dire…
ti amo.
cyberpunk!
(quel che vorremmo fosse
ce lo inventiamo; poi…
si realizza "col tempo" di:
Tiziano, Giorgione o P. K. Dick.)

948-GallerieDellAccademia_Giorgione-LaVecchia.jpg
(1508 – 1510)  Ritratto di Vecchia, attribuito a Tiziano poi a Giorgione.
"rap-presenta" la vanità umana che non tien conto, magnificamente folle o grottesca,
del passare ineluttabile dei lustri.

17-particolare.vecchia.giorgione
Ritratto di Vecchia, particolare.

non c’è necessariamente "un prima" rispetto ad "un dopo"
che non hanno mai visto presente, il contingente
verificarsi delle cose(l’amore per esempio)
non rispetta una sequenza umana, matematica temporale,
spaziale, metafisica (che sia)…
avviene apriori.
lo scorrere
sa scorrere.

village people(morto che mena)

son morto
(non ero un bambino
e non son morto
con altri cento
e tanto meno
son passato per il
camino e adesso
non sono nel vento)

ma

l’ombra

mia

vivacchia.*

ho sognato un village people che mi gonfiava come una zampogna,
calci, pugni nella panza, schiaffi in faccia, eravamo sul treno, destinazione "sticazzi",
lui le ha prese, anche,
l’ho lasciato a terra esangue; 157 tallonate sulle tempie poi
gli ho pisciato addosso prima che arrivasse la polferr,
dopato son scappato col terrore d’averlo ammazzato:
nandrolone, stanozololo, rum; un neanderthal.
Dopo anni onirici ho ripreso quel treno
tutti sapevano,
qualcuno m’ha avvertito che village people m’aspettava
aveva incrementato notevolmente
la sua potenza di fuoco;
è ormai il guru ferroviario sulla tratta "sticazzi":il verbo.
se mi trova mi uccide, mi son svegliato pieno di lividi
la mia caviglia slogata è gonfia e
non posso correre…
non posso correre
da quando avevo 23 anni.
e

ho paura.

*nost-algica

per una navigazione intellettualmente onesta

sad boy tired
Quando metto un cartello stradale che vieta l’accesso al blog a:
donne sposate,
minori di 27 anni,
fumatrici
minorenni di 35(0) anni
che si addentrano nella selva più che altro con intenzioni subconscie, quelle di cui accennava zio Freud, che hanno, dunque, "un po" a che fare con la sessualità(per Freud, quel maniaco! tutto dipende dal sex, quindi finitela di menarmela con la vecchia storia dell’amicizia… birbantelle), dicevo, i divieti sono per voi! non è un monito a me stesso, non il super io che impettito da un sonnambulismo moralistico mi appiccica i simpatici stampini in calce ar Blogghe, e non significa neanche che se mi contatterete vi sbatterò fuori a calci(metaforicamente), io sono democratico, tollerante, sociale, socievole e socialista ma anche filantropo, dunque; vi avviso, scrupoloso, con i cartelli variopinti che:
soffrirete
,
soffrirete

soffrirete
molto
,
(anche)se vuoi;
soffriremo(?)
(già più difficile: narcisista, collezionista, centrometrista*, sparato a vista,
anaffettivo, ca
catonico, fluoxetinico; numeri siete numeri!!
)
Eppure…
ad ogni modo,
ognuno "scelga" ciò di cui vuol morire,
ma "ricordati" che
d’amore

non si muore…


(occhio
ai capri
espiatori)

amo Bowie che ha occhi come un husky e
canta, ma
principalmente perchè
non capisco
quello
che dice.

*atleta specialista nella gara di corsa dei cento metri piani nei vicoli del centro storico
con una o più partners a seguito(in seguito), donne lanciatrici di stoviglie e pallottole "vaganti"…
(fonte Wikipedia)

Nerone docet

Ostentare un gergo forbito è sintomo di erudizione e buona memoria, esprimere a raffica termini "aulici" non è però "evoluzione culturale", è come fare le parole crociate, una questione d’allenamento, di tecnica, rozzo facchinaggio concettuale, "mi nonno" "de cruciverba" era un mostro ma non, per questo, raffinato intellettuale, riassumendo:
il lessico, non è sinonimo di "struttura" mentale, di levatura intellettuale, morale, culturale, tutti i maestri(elementari), professori, docenti sarebbero, altrimenti, intellettuali di rango, invece, il 90% ha la mente (specie le prof. d’italiano) più fossilizzata di una mummia egizia, alienate da millenni sugli stessi geroglifici e/o avemarie, ripetute asfitticamente all’infinito e svuotate nonostante l’impeccabile(eventuale) forma di qualsiasi contenuto e/o concetto.
Non c’è, in breve, differenza alcuna tra un docente ed un bidello; sono entrambi facchini.




Spiritualità, grandezza, genio, non sono di-mostrate dalla "bella collezione" ma

dal 
carbonizzarla;
dal
carbonizzarsi.


carbonizzateviiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!

l’angoscia
http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf
il microfono non regge la voce di
Remeron


(nun se po’ sentì)
(warning!)

si fa quel che si è(formalità in formalina)

http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf

da un testo di John Berryman(‘914 – ’72)
Remeron interpreta.
tanto per dire che gli (post)strutturalisti,
con Carmelo Bene non hanno scoperto nulla
che altri non avessero già sperimentato ed i romantici prim’ancora
solo per sottolineare, mai stanco, lo stantio, la putrefazione
che la nostra "signora" cultura occidentale ottenebra e tristemente
specula (o)stentando.

da questa ed altre illustri testimonianze, come quella del precedente post, ne deriva che il vostro "passatempo" da fruitori, o intenditori della domenica, ciò che considerate arte non lo è(figuriamoci il romanzetto italo-siculo-marchigiano-emiliano-campan(o)ilista[spariamoli a vista] della feltriSnelli), il 99,9% degli artisti ha bisogno(come gli avi malati "d’arte" presagiscono nelle testimonianze autografe; scevre dal (show)business simultaneo e spicciolamente speculativo della bubblicità inbonitrice da Tivvù) di piegarsi, storpiarsi, mortificarsi per mettere a frutto la propria sensibilità ed in questa società petrolifera e massificante non può farlo soccombendo al divism TV o all’anonimato dell’ NU(nettezza urbana); da qui l’anale,ibernata, (freudiana) "supposta" valenza evergreen delle mummificate avanguardie(siamo rimasti li), da qui lo scadimento artistico degli artefici, dei fruitori e della materia artistica nel "post(er) scriptum" take-away da tangente-autostradale-museale, nella nullificazione di una fruizione critica, lo stesso dicasi per i cosiddetti esperti che dovrebbero supplire alla vostra mente mancata, figli(ainoi) anch’essi di una specializzazione che in quanto tale preclude ogni possibilità d’espansione, dilatazione, ergo ecletticità d’interpretazione personale che non evada dal diktat equatoriale (nel senso della "centralità" dell’allineamento) del velleitario istituzionale, già (pre)scritto, settario, business e senso comune, dunque del banale, del sentito dire, l’arte; come la mozzarella, spaghetto e mandolino… è un bene di tutti, riprendetevela, ancor di più in coscienza che il 100% dei collezionisti sono dei polli ignorantissimi in balia di un gallerista o di un criticorucolo nato dietro casa tua(nel campo di carciofi) che (pur de magnà) scambierebbe un Picasso per un cavoletto di Bruxelless(esterofilia assassina)^^.

poetiche (funambulatorio)(siete vani)


non mi
rappresento
una minchia
un volto,
un’impressione,
un abstract…
ma,
la volgarità mi è
aliena…
hahahahahahahahahahah

hahahaha(!)lle 3.44 è
troppo tardi per comprare
una bottiglia?
(si, a Bologna)
(meditiamo)
il mio vanto e condanna?
rendere felici
persone tristi
ma…

alcy

ciò implica io abbia un ottimo rapporto col mio
super io
inutile lo sforzo
 per dimostrare qualcosa(di bbuono) a me
medesimo
gesasdfx6

(potrei anche farmi Ladoccia ora
ed uscire
oppure
uscire senza farmela…
trovo sempre
fuori
 qualcuna
pre-disposta ad una sveltina)

cuore

a dondolo

tutta
quella vita passata
in breve,
m’ha invecchiato
a pensarti,
senza toccare
neanche,
senza vibrare
sotto le carezze,
sentire l’odore
degli occhi,
saper dell’amore
gl’echi

solo le asprezze
delle parole.

Mancavi
che c’eri
ci sei
tutta
ora
che
mi

manchi.

(s)fiorivi, il sole batteva e io aspettavo

http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf

che cosa hai fattooo!!?
mi hai bloccato, stoppato, dimenticato, riciclatoo?!!

(…)
le "persone" non si scancellano così (stronzo!!
)

(ah no?)

(peccato…)

(e dimmi… come?.. )


(si scancellano?)

185cl.gif

p.s. delle ore 1.41 dedicato alle innamorate sognatrici ignave:
"Si diventa ciò che si pensa. Il pensiero non è mai completo se non trova,
espressione e limite nell’azione. E’ soltanto quando c’è perfetto accordo
tra le due cose che c’è piena vita."
Mahatma Gandhi

ghhttp://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf

Bologna: la festa dell’Unità inizia ad aprile…

radiocronaca nello stand di "Retorica Qualunquistica" 
Conferenza sul medium televisivo.
Il docente Bosforo Remeronni "interpreta"
Armandino Ghezzi(figlio naturale) .
festa dell’unità di Bologna (2014).

http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf

Testi e soggetto:
Bosforo, Remeron (ci sono conflitti intestini)
Attori, effetti speciali, regia, sceneggiatura e montaggio:
Remeron.
special guest:
amicuccio
Uccio
(nella parte dello "spettatore abbaiante")

questo lavoro è stato ispirato dai
commenti ricevuti in questo post
in particolare da quello di Bosforo.