Cassine; origine della consapevolezza.

 

 

 

l’origine è

il fulcro

sul quale piroetta

la fine.

inevitabilmente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Dottoressi (Italian Horror Story)

premi play e poi………….. leggi(mi raccomando deci
bel).

 

 

 

 

Oggi nell’epoca della mercificazione globale famelica borghese
l’università è lo sportello della posta
vai a pagare la retta(via) e ti danno in cambio una(supposta) laurea.
L’universimentificio, frutta un sacco di soldi a provincia, regione
stato ma, non frutta menti, questo è un peccato.
🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Studia ignorante!! dice la madre con la terza media, intellettuale e spirituale
Il babbo non commenta, sta guardando “fritto” la partita su Skyp(fa bene!).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mamy, mi fai l’ovetto alla coque ancora non ho imparato a farlo 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma dopo tutti questi soldi che abbiamo schpeso 8(0) anni
di università figlio mio com’è che sei ancora così cogghiune?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 (sono single!!)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le madri rovinano i figli italiani(mandandoli all’università
invece di mettergli la zappa in mano).
Joint venture italianalitica.
Le menti sono tutte al sud! Ma

al Sud Africa: Pretoria.

 

 

differenza semantica contraddittoria, rispetto gli

adagi degli anni ottanta.

Oggi l’imbecillità in italy non ha regione o ragione

così come la mente che non è in questa nazione

d’allevati pampasscioni. Fate bene!

Farete strada!
magari
sulla pelle della gente, dopo
aver costruito un’autostrada, un ospedale, na scuola,
che crollano al primo turbamento tellurico…
magari dopo un trapianto di fegato dove
al posto del fegato il paziente si ritrova
un rotolo di garza(però sterile quel ch’è giusto è giusto)
una pinza emostatica, il bollettino postale, il verbale
di una multa di 800 euro che hai cercato di occultare…
hai scelto il posto giusto… nessuno lo andrà a cercare…

Ambecille vai a zappà, co tutte le 27 lauree che
t’ha comprato mammà.
e papà che non ne vuole sapere
niente d’essere disturbato mentre
segue, stroncato, la partita
in tv, alla radio
(per tutta la vita
anche perchè tu non sei suo
figlio ma del tabaccaio e
lui lo sa ma! va bene così…
Ottimo per mamy adesso va a
comprare l’MesSe ed incinta ne esce
poi se nasce(hai anche i tuoi 57 anni!!)
lo manda
all’università dei mongoloidi
oppure lo lega alla catena
nella terrazza, stesso portato intellettuale,
dell’universimentificio,
con un piccolo sacrificio
per mantenere la faccia della Prof. col vicinato
conservare il sangue del barbiere
anzi del tabaccaro, chi cazzo era
non se lo ricorda neanche lei…
domani farà una figlia col postino thailadese
l’accoppierà Giuseppa Mengele con le
catene della sua coscienza…
E fai bene!!!
l’estinzione del caucasico
è endemica, na società de froci
nfami, papponi, ci metti del tuo
ce lo imponi, l’accetto…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Mamy mi fai l’ovetto?.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ma ancora dopo 80 anni di catena
non hai capito che sei una bestia
e devi mangiar la crocchetta?

Mamma io ho un’anima.

Ahahahahahah!

Mamma per me sei una donna
eccezionale, anche dal punto sessuale…

perchè mi neghi la tua grazia?

 

 

Ma!!!!!!!! figlio mio io…
che cosa poetica che hai detto
in effetti mi conservo bene
tu mi stai facendo sognare
sei il dono di dio.

 

 

 

Mamma e

perchè non mi
stacchi la catena vorrei…
darti un
bacio,

 

Oddio figlio mio

mi fai felice
non aspettavo altro ora ti libero
parleremo di musica, poesia;
non corteggiarmi però così!
oddio sarò bella ma sono
una donna matura… mi lusinghi.

 

 

stracchete(gira la chiave del lucchetto al collo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ghoul

 

 

 

 

 

e di mami resta un
uovo strapazzato,
Quello alla coque
non m’è mai piaciuto
veramente; era un alibi…
Mamy,
(…)
mamiiii!!
(…)
haò!
(…)
mamy! 😀
vabbè…
vado al piano
di sotto a trovare quel fritto di papy
che guarda la partita…
ci divertiremo insieme.
Ketchup & Pop Korn!!
🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

If I bite traces remain,
but you will be (in!) my kingdom.
Baby.

la zia, mort(a)e [commedia cittadina]


premi play e leggi.(soundtrack)

 

 

Non ho capito
che cazzo voglio
o non voglio,
che lingua
parlo o non
parlo,
leggo ma mi
fraintendo.
Oggi sono in sciopero
che qualcuno mi lanci
‘na scialuppa!
che qualcuno…
Che cos’ho?
sto soffrendo
cosa non ho,
molto.
Delirium tremens.
Quando son solo ti voglio
quando ci sei vorrei esser
solo un po meno
schizo
frenico…
dell’aria pulita! qui
c’è puzza(di socialisti!).
Garofani
quell’odore di stantio
che subisci al cimitero
ho sempre pensato fosse
degli ultramorti putrefUtti invece…
erano i fiori;
il profumo di
quelli freschi si mescola
ai decomposti, crea la
balbuzie sinestetica…
senza etica sensoriale.
Come l’odore, la scia! che
lascia la vecchiona(bisbeticoeretica) di qui
di casa mia! che
non si lavò mai
di coprire poi, cercò
riscoprire l’a(e)ssenza
del buon odore
con un profumo forte
da 3 lire
amalgama al corpo compianto.
La morte!!!
quando passa
oltre la scia lascia
un borbottio incomprensibile
fatto di
 
-“si, no, quante shcale devo f,
shta per piov, shcusa, prego, avanti, la schpesa pesa
chi sono? lo scoiattolo! anzi l’ho
scordato(lo), shalgo schiendo?”

Se ti blocca per le scale
resti pazzo;
paralizzato per ore
stordito dall’odor,
del fu fiore(del male)
più che altro dalle parole,
l’impianto scenico
apparentemente casuale senile
demenziale, bevo per
dimenticare.
Non ce la posso fare, per favore
devo andare,
-scusi signora
di 120 anni, le scale le fanno male?
salga in groppa a cavalluccio
la prendo in braccio, sto
vomitando
la porto io al
5°(elemento)piano
ascensore umano
-per carità però
stia zitta, che perdo la
forza la rincorsa,
della slitta sono
in apnea sto per collassare,
ad un passo dalla
fine, l’enfisema polmonare.

“Grassie giovane… buongiorno e arrivederZi caro.”

 

 

 

Onnoooooooooooooooooo
ooooooooooooooooooooo!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
he!no; la replica non ci sarà…
(…)
ahò befana…
(…)
ehi!!!

fazzio le scale sino al 5° piano le gambe mi fan male
devo portare la scpesa sono sola, sono sempre stata sola
confinata al 5° piano ho 121(mila) anni e dunque vado piano
all’epoca mia z’erano signori, uomini, ora mi sbattono
la porta in fazzia perchè scion veccia, brutta, ma vivo.

 

 

porcoddeaz nonna non puoi sequestrarmi con la tua poetica
divento un animale, m’imbizzarrisco come il cavallo mi
nasce naturale l’istinto
di protezione, salta in groppa anche se dopo
dovrò farmi la disinfestazione!!
chi son costoro che ti sbattono la porta in faccia!!
porcamiseria ladra chiamami telefonami così che io gli faccia, non so che cosa!!!
son tuo figlio, nipote, marito mai sentito,
l’acrobata che ti porta e regge s’un dito
la vecchiezza non è che il raglio, di ieri, della giovinezza
impressione onirica mentale. L’ospedale dove
ricoverati stanno i ricordi malati, però
se il futuro non esiste
cos’è dunque il passato?
un fiore “putrefa(t)to”?
Il rosso garofano
splendente oggi,
domani sarà morente,
puzzolente(come te) nonna
che non t’ho mai avuto,
dunque passato e futuro sono
niente, cosa conta dimmiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!

Sciolo il presciente(amor mio!).

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!
il presenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!
amor miooooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!
ho sempre

 

 

sbagliato

 

 

tutto nonna!.

 

 

 

 

-M che belgli occhi grandi
che z’ai! shembrano turtelen…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
ghoul

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

te l’avevo detto nonna
di star zitta
ora mi tocca
mettermi il tuo soprabito
reggiseno, e collaaaaaant
che schifo!.. solo per fare il
lupo frocio della favoletta
di Charles Perrault..
ma
io non sono frocio;
neanche lupo

 

 

sono

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

una favola.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cappuccetto.jpg

 

 
cappuccetto?
mi sa
aspettare…
grauuurrrr!
185cl.gif

l’uomo di titanio

quando avevo 23 anni anagrafici, studente a Bologna assistetti ad un incidente mortale

in via Berti Pichat nei pressi di porta Mascarella, una yamaha 600 doppio carburatore

si avvicinò al bar denominato “delle puttane” e caricò un ragazzo,  partì in prima pennando, di 2, 3 cm

da terra, per millesimi di secondo poi, continuò la sua corsa biciclica,
alla prima curva cercò di coricare ma la moto si rimise in piedi come telcomandata

si schiantò s’uno degli alberi secolari che fanno da spartitraffico, vidi  in diretta l’incidente,

la moto a 80 o 100 all’ora si piantò sull’albero, inchiodando con i freni della ruota anteriore e con l’impatto,

la foza motrice del retrotreno fece da catapulta ribaltando il mezzo che girò in un fulcro cinetico metafisico 3 o 4 volte su se stessa sospesa nel vuoto.

Il passeggero nel sedile posteriore fu sbalzato in aria all’altezza di un quinto piano,

sballonzolato dall’energia immutata anarchica che l’impatto aveva restituito alla circostanza,
tra un albero e l’altro,

precipitando poi tra rami compassionevoli si destò di schiena sul ciglio del marciapiede dello spartitraffico,

il motociclista

balzò nell’altra corsia ed alzandosi in piedi per vededer cosa fosse rimasto del passeggero sfondò lo stinco

muscolare e la pelle con uno dei capi della frattura che s’era procurato a tibia e perone ricadde al suolo svenuto,

5 ambulanze arrivarono in 5 minuti il passeggero fu portato per periziare il danno in varie strutture in quanto

all’epoca solo alcuni ospedali del bolognese avevano la tac, ed i tecnici per usarla… che magari contemporaneamente

stavano, svolgendo il proprio lavoro, nel traumatologico di un’altra struttura, dopo la tac gli furono

diagnosticate 17 fratture in tutto il corpo, varie in punti vitali, tra gamba destra, bacino,
osso sacro, acetabolo sinistro, omero sinistro, esplosione di una vertebra dorsale,
trauma cranico minore,

perforamento dela pleura da parte di una delle costole fratturate, e relativo drenaggio

necessario a svuotare i polmoni dal sangue, lesione del nervo sciatico popliteo ossia dal ginocchio in giù d’una gamba, emiparesi

prognosi riservata dopo
12 ore di camera operatoria,

il 90% delle possibilità di recupero nella carrozzella a vita,
nell’impotenza sessuale e motoria e dolori spastici

dati dalla lesione spinale, ad libitum.
Era forte tanto che non perse mai conoscenza
se non previa flebo anestetica durante il lavoro
meccanico di brugola, trapano, martello, scalpello
un cuore fortemente attaccato alla vita, una “pompa”
atomica come la definirono i ghirurgi,
-signora non sappiamo se suo figlio camminerà ancora ma
ci siamo spinti oltre per ricostruirlo, perchè il cuore
non ha mai dato segni di cedimento, anche in condizioni
stressanti che non vorrei raccontarle, suo figlio nel futuro
non morirà sicuramente d’infarto, suo figlio è una macchina
abbiamo imparato tante cose sull’essere umano, ed abbiamo
improvvisato(dissero al fratello), visto che la macchina reggeva
a quasliasi insulto, d’altronde signora quando ci è arrivato aveva 2 costole
che gli avevano perforato la pleura, la sacca stagna che contiene i polmoni
e non vomitava sangue, nonostante ne fosse intriso completamente,
i polmoni respiravano ossigeno dal sangue non sappiamo come

non sia morto nello stato di apnea in cui ha vissuto per vari minuti,
quando gli abbiamo messo il catere è uscito quasi un litro tra sangue e catarro dai polmoni… suo figlio faceva pesistica?
-si, fitness credo.
la palestra, signora l’ha salvato, un atleta affronta i nostri ferri molto diversamente rispetto ad un sedentario, abbiamo operato decine di persone i calciatori ed i bobybuilders son sempre stati quelli che hanno risposto meglio e si sono ripresi velocemente, scalatori freestyle, powerlifters…

 

 non capisco bene di cosa sta parlando, [pianto] ma
è vivo?

 

 Signora non sappiamo se potrà ancora camminare,
certamente non potrà fare il salto in lungo, per dire… ma
suo figlio ha avuto vari attimi di coscienza che non ricorderà(valium endovena docet)
tra un’anestesia e l’altra s’è fatto consegnare orologi, distintivi,(quelli che gli piacevano) di 3 infermieri ed una infermiara(punkabbestia piena di piercing come lui) gli ha dichiarato amore eterno(ovviamente abbiamo dovuto sopprimerla subito con una trapanata, non si fa! non si fa!!! altrimenti fanculo alla professionalità, già se lo voleva portare a casa per la convalescenza non ne parliamo, fidanzata con un attore frocio partenopeo, una dimensione inaccettabile rispetto alla SCIENZA)…
e non facciamo solitamente questo tipo di cose al traumatologico, ma è d’obbligo assecondare il paziente quando si veglia dopo 12 ore di anestesia,
suo figlio al risveglio ci ha dato ordini precisi, parlava inglese, poi un infermiere ha colto e l’ha assecondato, stava “facendo” il capitano Kirk di Star Trek, tutti lo abbiamo amato, con quella creatività nata dal nulla dopo 12 ore di trivelle ci stava intrattenendo, le luci della sala operatoria gli avranno fatto ricordare il telefilm, oppure non lo so signora, ha improvvisato, sta il fatto che tutta l’equipe ha eseguito i suoi ordini diretti poi l’abbiamo riaddormentato per finire il lavoro che non è ancora finito; purtroppo ci sono altre urgenze e suo figlio resterà col bacino fratturato per minimo una settimana, si faccia coraggio signora.

 

 

 

 

 

 

E, dopo quattro mesi di letto ricominciai a camminare con le mie gambe,

a ridere, incazzarmi, fumare e tirare pugni,
la volontà mi ha voluto forte,

 

 

 

migliore,

 

 

 

 

 

 

tumblr_mfz1qgHJJR1ryqizyo1_400

 

 

 indistruttibile.

a volte ce li ho verdi

 

solo quando

sto per

 

 

21631-505291-7

 

MUTARE.
non farmi aspettare
 
cicoria!
 

 

 

 

 

 

 

 

mi ritrovo

nudo

in mutande
sporcate

di

sangue.
(le mestruazioni)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

perchè la carne(mi), fa male…

 

giuro non volevo
diventare un
cane.

colpa tua
che mi trascuri
zingara.
coi tuoi occhi
scuri da

ZINGARA!!!

italian factory

 

 

bersani-grillo-120521210519_big.jpg

 

 

berlusconi_fini01.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 PAPA.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

08ff183bbe23985f51d7c9233210dfa4.gif

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
avete bisogno di guinzaglio e museruola
topocani analfabeti italiani, altrimenti
continuerete a realizzare enormi cazzate come questa.
Il Raìs è
il vostro

Dōjō.

 

 

 

 siete un’etnia senza patria, una razza

senza gloria.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
you do need to leash and a muzzle
illiterate italians ratdogs,
continue otherwise

make huge bullshit like this.
Rais is
your

Dojo.

you are an ethnic group without a country,

a race

without glory.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(satira peninsulare)

piatteza on piano

non – sono ancora iscritto in questa piatta forma proletaria di enigmistica letteraria…rodari

…parente handy del settimanale, più letto, fatto finta di, nella strategia dell’ultima spiaggia(in treno, ombrellone, ambulatorio, prima di mollare il boyfriend)…
Che qualcuno scriva un post che poi a casa con calma unendo i puntini mi esce fuori un concetto ahahah… giornalai compresi.
Ho già ricevuto 1,5 minacce di querela preventiva per stalking (quanti danni che fanno le pubblicità regresso) da una poveretta grafomane che crede io la voglia sottomettere:

slave fai fare il master a tuo marito, ma

in psicanalisi così ti cura, e poi te molla, guarire è troppo equivocabile x voi.

sono stato bannato da 1 blog di satira giornalistica(per carità un controsenso in termini).
ed una (in generale le donne che fanno qualcosa di, non frivolo[etimologia please?], attinente al pragmatismo dell’ossessivo maschio sono… isteriche) mi ha detto che sono un brutto, gay, represso…
…tutti(ed io non sono tale) i gay son repressi(tranne forse qualche trans bellissimo) altrimenti sarebbero normali(e non farebbero alta moda)… ne capisci di psicanalisi?(e non psicoterapia per carità bbastaaa!) e allora che parli a fffà!?

Volkspress… sei una grossa delusione d’altrone… ho sempre sostenuto che i possessori “piloti”(ahahah) della macchi(n)a del popolo tedesco fossero degli “audisti” falliti(non parliamo delle “audiste” meglio buttarsi direttamnete sotto un tram[guidato da un gatto!])… come se poi un giorno magicamente quando da pecora dall’anale predisposto, ti ritrovassi colmo di danari i quali tramutassero nel cazzuto lupo(poco ci vuole, l’argent fait la guerre!) che ti fa il culo frangibile quotidie(a te a tua moglie e a quella del gatto)..
l’approdare ad una delle macchine del Wolf anziche volgare volks, la tua genia cromosomica, sperante(dal concetto di pietas cattocomunista), devierebbe verso la specie superiore cappottandosi o confrontandoti direttamente col platano, cocainimistico SUV, schiacciato inerme dalla forza di gravità che non conosce portafogli, camion ed ammortizzatori.. crisi maniacali(o il contrario depressivo) busta paga dipendenti…eeeee cromosomi.

VolfWaghen sono uno strumento di selezione di massa, così come il Volkspress ed il bourbon.

vi leggo!   😉
(ho notato tra l’altro che c’è un “poster” cioè

addetto a mettere in evidenza… etc etc
senza considerare orario, day etc;
lo pagate.

 

 

 

mi troverò bene!

 

 

 

 

 

 

t’amo

 

 

corpo;

di fatto

menti…

 
tra le gambe un cosmo…

penzola in-sondabile psyché

gocciolante inconsapevolezze che

non meriti

 

ed io..!!?

 

non posso più,

permettermi.

 

 

 

oggi in clinica…
Le persone normali fanno tante cose, forse anche sbagliate ma le fanno…
…i fissati psiconevrotici fanno una cosa sola forse sbagliata ma la fanno fino alle conseguenze estreme, qual’è la differenza?
Gli psiconevrotici, han realizzato il David di Michelangelo, la Cappella Sistina, il Manfred, il Don Giovanni, L’Amleto, hanno scoperto le americhe, hanno conquistato il mondo, hanno violentato il mondo, hanno scaraventato l’uomo di Neanderthal nel ventesimo secolo con la teoria della relatività, dal medioevo alla modernità in una scossa elettromagnetica a basso voltaggio viaggiante nell’etere da MIlano a New York, hanno sterminato milioni di uomini in nome di un principio, di una casata, di un dio, della virtù, dell’onore… d’uno, o di tutti questi simboli all’unisono strumentali alla follia, ma… lo psiconevrotico in determinati casi  della storia umana è stato solo, appunto, uno strumento del quale l’ometto normale ha usato il carisma, le compulsioni, il temperamento pagandoli a caro prezzo…
Oggi che gli psiconevrotici vengono curati, VanGhog non si taglierà l’orecchio ma, ahimè, non eseguirà quel capolavoro struggente l’anima, che è il ritratto del Dottor Gachet;  l’amico degli impressionisti e di tutti i pittori del momento in quel de Paris del 1900… peccato che l’amico adorato, il pittore maledetto per il quale il medico aveva posato e richiesto diverse copie del ritratto si fosse innamorato della figlia Marguerite, fu così che fatalmente l’amato Dottor Gachet, che aveva aiutato, il pazzo Vincent nelle sue nevrosi consigliandogli di dedicarsi esclusivamente all’arte, latitò, proprio nel momento, il giorno che il genio olandese si sparò in petto*, magari chissà mentre pensava, ossessivo, proprio al valore dell’amicizia e dell’amore e di quanto siano incompatibili una con l’altra…

pelle

*in seguito
 lo medicò ma il pittore
morì ugualmente 2 giorni dopo

Chi beve fanta è un pagliaccio!

è, oltremodo e sfacciatamente vero però esistano fazioni, intere legioni di clown che pur di non esser considerati dei "coglioni" bevono segretamente ettolitri di simil-cola, la cocacola originale è sostanza vietata per i saltimbanchi (art.10 comma 27 costituzione circense bis ex Beniamini) in quanto può dar luogo, in quelle etnie, ad eruttazioni vulcaniche del quinto grado della scala Mercalli… spesso le famiglie dei clown sono coinvolte, col benestare dei colleghi funamboli, nel mercato illegale delle cole nere… nel 1972 Simon Dieselthal, famigerato cacciatore, a scoppio ritardato, di clown colomani riuscì a scovare un’intera congrega parentale di pagliacci nordislandesi di origine polacca, i PepsiKolowitz, trafficanti di cola mistificata del Borneo dediti ad uno smodato e sacrilego consumo di cola, tutta la famiglia compreso il pappagallo impagliato ed il pupo col biberon, furono condannati a morte dalla corte marziana, ai PepsiKolowitz venne chiesto negli imminenti attimi prima d’esser giustiziati se aveTTero avuto un ultimo desiderio prima di spirare, erano già pronte le sigarette, ma Fritz PepsiKolowitz, il pater familias,  inorridì tutti chiedendo sfacciatamente ed inoculatamente una pinta di cocacola per tutti(da bere, fritzzanti, in allegria); la pena fu commutata in iper-morte così dopo la prima esecuzione a colpi di kalashnikov, i trapassati PepsiKolowitz vennero resuscitati con un rito voodoo marzescente e trucidati una seconda volta a colpi di bottiglie di cocacola vuote, una stra-morte lentissima e dolorosissima, ma innanzitutto ridicola, la fine più degna dunque per un clown, così senza volerlo il giustizialismo della corte marziana e del lento ma inesorabile Dieselthal creò i primi martiri del cocaclownismo, una piaga che ancora oggi devasta intere generazioni, ettari, di pagliacci che pur di non esser considerati coglioni(specialmente dai colleghi trapezisti) preferiscono ereticamente rinunciare alla genuina natura clownesca ripudiando la Fanta, e ricorrendo(rischiando grosso!) a tutti i surrogati possibili della cocacola…

dopo anni d’esperienza, la vita m’ha portato, con lucido raziocinio, ad avere più certezze rispetto all’esistenza di Skeletor, dominatore dell’Universo, che non a quella di dio…
qua "parla parla", ma,
nessuno l’ha mai visto, sto Mr.dio…

…e comunque, chiaramente, Skeletor molto più dell’antagonista biondino…
in effetti; He-Man è poco credibile come personaggio, fatuo, vaquo, quasi quanto dio.

Ho sempre avuto un’idiosincrasia molto pronunciata(ed implicita) nei confronti dei biondini(e delle biondine, of course), sarà per via di quegli occhi di ghiaccio così difficili da evitare, eppure nel lontano 1972 Zimon Dieselthal, scoprì un’intera compagine parentelare di biondini dagli occhi di ghiaccio così difficili da evitare, che in realtà indossava, subdolamente, lenti a contatto colorate, la tonalità cromatica originale dei loro occhi era di un banalissimo marroncino scuro, che diciamoci la verità, col biondino non ci sta a fare proprio un cazzo(volgarità funzionale per rinforzare il concetto pregno), si perde tutto l’afflato nordico, antartico, glaciale che solo uno sguardo biondo/blando sa dare. Per via della mistificazione, perpetrata ai danni dell’opinione pubblica voyeristica, la famiglia dei biondi ContaKtolowitz(origini polacche) fu condannata a corte da una morte marziana o pressappoco, nell’attimo esatto prima di spirare fu chiesto a Fritz ContaKtolowitz se avesse voluto una sigaretta, già per altro approntate nelle mani del boia, Fritz Witz inorridì tutti chiedendo, stoicamente, di poter indossare un paio di lenti a contatto fucsia, così da poter guardare la corte e la giuria con uno sguardo un po più cool rispetto ai suoi banalissimi occhi marroncini così facili da evitare, la corte spietata e giustizialista condannò la famiglia Scassakazzowitz alla iper-morte apparente semi-condizionata, dopo una prima scarica di kalashnikov, in una struggente scena corale di pre-morte famigliare, gli Ciavetescassatolaminchiawitz furono riportati in vita con una spruzzata di nafta che Dieselthal aveva prodotto sedutastante con una scatarrata animistica(zzi), la seconda morte, quella condizionata fu indotta con la visione forzata allo specchio digitale per 30 anni(a partire da oggi) con lenti a contatto blu Chroma key, uno smacco, per un biondino, non poter distinguere, il proprio o improprio blu oculare, anzi vederlo completamente trasparente equivalente cioè ad un nulla inducente la morte per malinconia asfitticoculare… una pena orribile che conduce ad uno spegnersi veramente lento(30 ed oltre anni di agonia speculare) e agonizzante che solo una corte giustizialista ed incredibilmente motivata poteva adottare… il caso non mancò di destare scandalo nel mondo dei contattologi, in erba al periodo (1972),  tra una cannetta e l’altra ridacchiavano e schizofrenici piangevano la morte dei loro beniamini, Frankensteinz oculati/oculari post litteram, giustiziati da un opinione pubblica anticlericale anti-oculare e principalmente anti-patica… ma questo orrendo episodio gettò le basi per la creazione di un associazionismo estremista massonico-religioso dei contattologi cannabinoidi(Kombctatology), tanto che nel lontano 1972, il veterano dell’accalappio inveterato Szimon Dieselthal scoprì un’intera nazione di contattologi consanguinei incestuosi dediti al consumo di hashish ed LSD micronizzato a rilascio graduale iniettato nel liquido sinoviale di lenti a contatto bluastre che indossate post ipnosi-icastica creavano un effetto tridimensionale molto caruccio… ma questa è un’altra storia….

cosa non si fa per i dindini(slpeender genocida)


quando si spera che l ‘orrore sia finito inizia il b movie
c’è sempre qualcuno o qualcosa che ridà vita e vigore al sensazionale,
il trash business, la notiziola prezzolata giornalistica da baraccone che specula
non conosce morale e pudore, spleender se ne accaparra, contenti tutti, la sua fetta
io non ci sto con questa speculazione di mmerda, splinder vattela
a pigliare nel culo,
è morta una persona. una
come fossero 5 miliardi.

merda


vergognatevi.



io ho una dignità,
ritrovate la vostra.
magari fuori dalle
logiche di marketing…
fatevi pagare dunque
dagli scrittorucoli ai quali
date il deretano, senza arte
ne parte, come il bel paese
v’insegna.
anzichè becchinare cadaveri
come i peggiori avvoltoi che
vi fanno mangiare gli avanzi
delle iene… puking


(e stai calmo, perchè
io sono clemente
ma EasyCapture
non ha pietà,
tesorodipapà^^)

gesasdfx6

la mia casa è di nuovo una discarica… la mamma…

chi viene a cambiarmi il pannolino?

pago in natura…
(non so se rendo…)

(devo trovare una sguattera a tutti i costi)

sguatteraaaaaaaa!!!!!!!!!!
(non c’è!)

(ho un naso così fino, un olfatto così sottile che riesco a sentire tutti gli odori, tutte le puzze, è incredibile è incredibile!!!)

ho messo il monitor (del desktop!) alla risoluzione massima che ci entrano dentro tranquillamente due A4 e le lettere, così piccole da leggere, sembrano il bugiardino delle medicine (o il pinocchiello) ogni volta che devo scrivere abbasso la risoluzione a 1024 x 768 con caratteri cubitali, poi posto e prima di rileggere mi prendo una pasticchetta viola, alzo al massimo la risoluzione e cerco di leggere con lenti a contatto ed occhiali insieme, poi ho un orgasmo.

poi diventa tutto blu

(bruno lauzi è un incubo!)

straquenzi

quando torno qui sono avvolto da una nube di fantasmi variopinti che saltellanti fanno il girotondo attorno alla mia testa ed io come "nu ciucciu a mienzu alli soni*" sono stordito dalle avances che i miei avi azzardano sulla mia già logora e volubile stabilità mentale, Uccio nacque tre o quattro giorni dopo la morte della mia unica nonna circa 10 anni fa, ovviamente gli è toccata la sfiga di trasmigrare in un boxer, però, sarebbe magari volata via chissà dove ed invece è stata ancora con i suoi amori e ci starà ancora per molti anni, Uccio è a capo della faida spiritica che mi sta plagiando e stordendo prolungando in maniera indefinibile il mio soggiorno in Salento, tra "lu mare", "lu mieru" e "lu ientu" sono rapito da ricordi, odori e nostalgie, che con le coccole di mamma fanno l’en plein e mi ricondizionano un po alla pax mediterranea, che rispetta i tempi della natura, una natura che n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

*un asino in discoteca

amo rileggermi e riscoprirmi sempre nuovo e fresco,
stupirmi della mia intelligenza vivace
e della velata malinconia esistenzialista
così fuori moda… così..
sto per morire lo sento!

scancellatemi tuttiiiiiiiiiiiiiii, ska ska ska!!! sto ascoltando il cd raccolta di Battisti, triste eredità della mia ex, per scoprire dove il sole va a dormire, domandarsi perché quando cade la tristezza in fondo al cuore come la neve non fa rumore… e guidare come un pazzo a fari spenti nella notte per vedere se poi è così difficile morire… capire tu non puoi…

come ho fatto, a…
parlar del più e del meno con un pescatore per ore ed ore?

                                                         

                                                                        sono un uomo!!!

                                                         

                                                                        sono un uomo!!!

Glucomanni

ho mangiato due mozzarelle da 250 gr, 200 gr di coniglio trifolato, 6 opercoli di Glucomannano, un opercolo di Gymnea sylvestre, una tazza di latte di capra, 40 gr di cereali integrali, due fette di casciotta di Urbino, uno yogurt da bere con fermenti. Questa roba suddivisa in due pasti, ora ho un mal di pancia mostruoso, sarà stato il Glucomannano?? lo sospettavo…

scialba sciatica

il muscoril l’ho preso in compresse non mi fa un cazzo, stesso vale per voltaren,  sto evolvendo in una forma di vita ipernervosa, le mutazioni dolorose del Dott. R. In realtà dovrei starmene bloccato per 2-3 giorni, io invece continuo ad andare in palestra, ad andare dal dottore, e seguirne le strategie, mabbaffanculo, mi andrà in cancrena e mi amputeranno la gamba buona, così zoppo, bionico, continuerò ad avere la sciatica, ma chi cazzo l’ha inventata? Io ho preso solo uno strappo mentre facevo la spaccata, sto per trasformarmi in un grillotalpa.

remeron retorica

il giorno… a cosa serve?

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

a cosa serve

solo così per alzarsi? 

potrei alzarmi tranquillamente alle 11, 12

no invece alle 9

che cavolo di senso ha?

la luce del sole è antidepressiva…

io sto male se mi alzo presto

che cappio ci posso fare?

mi alzerò tardi!

perchè questa stupida necessità di uniformarsi agli orari comuni?

sono una persona comune io?

devo alzarmi per andare a lavorare?

o gli orari del mio lavoro li decido io?

o potrei lavorare anche la notte?

oppure dopo tutte le cure possibili e immaginabili si ritorna sempre alla stessa conclusione?

che devo scappare da questa casa di merda immersa in questo condominio di merda abitato da impiegatucci pensionati inquadrati etc etc etc.

il malessere è una spia, una richiesta di cambiamento, per quanto se ne curino, mascherino i sintomi, quando passa la burrasca, comunque si rimane sempre in alto mare, la cura è approdare, approdare, teraaaaaaaaaaaa! terraaaaaaaa!!!!!!!!!!

 

 

so essere molto metaforico, molto bravo si.

dovevo reinstallare windows su sto notebook morente, non so come fargli fare il boot dal cd-rom per usare i recovery cd… mabbaffanculo, non me ne va mezza.

La Grafomane Seriale

dai se riesci a trovarne un altro lobotomizzato, magari riuscirai a starci un pò di più, può essere che ti tiene e non si accorge subito dell’insicurezza abissale e che hai la zucca vuota vuota, buona la zucca, zucca e cavoli! Magari gli dai il link del tuo blog, oppure ne apri uno strategico (come sai fare tu  ;)…), per comunicargli "amore mi passi l’acqua?" (ci metti anche una serie di pupazzetti che annegano), poi per concetti più pesanti tipo "voglio fare l’amore" o "ma quando arrivi?" apri dei blog dedicati… La Grafomane Seriale (può essere un titolo!).

 

(ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah)

(ho tanto tempo libero)

lacrime oggi

ieri stavo bene ieri,

ed oggi, cos’è?

oggi l’ironia è

un soffione ch’è volato via,

oggi il sorriso 

beffardo non balena sul mio viso

e nel mio armadio stridono rumor di ossa,

non posso aprire chissà chi potrebbe entrare,

potrebbe uscire, 

oggi vorrei fumare,

oggi vorrei star male oggi…

cerco una scusa da deficiente,

un dolore per non far niente, 

un rumore per non dormire

una canzone una melodia

una scatola in cui chiudere

l’anima arida mia…

ahah

mia

da stanotte per una settimana non posterò più nulla, il mio ipotalamo è in sciopero, l’ippocampo propone un tavolo conciliativo, ma il cervelletto non accetta compromessi, sarò in balia di un sequestro emozionale dell’amigdala… a meno che al tavolo dei rappresentanti del me medesimo non si finisca a tarallucci e vino (e frattaglie in umido). Prosit!

cervelloAddio!

sarà triste senza di me…

ma d’altronde io sono solo un’additivo… come la cultura, che con la quale e senza la quale si resta tale e quale… (ma quale?)

da stanotte per una settimana non posterò più nulla, il mio ipotalamo è in sciopero, l’ippocampo propone un tavolo conciliativo, ma il cervelletto non accetta compromessi, sarò in balia di un sequestro emozionale dell’amigdala… a meno che al tavolo dei rappresentanti del me medesimo non si finisca a tarallucci e vino (e frattaglie in umido). Prosit!

cervelloAddio!

sarà triste senza di me…

ma d’altronde io sono solo un’additivo… come la cultura, che con la quale e senza la quale si resta tale e quale… (ma quale?)