t’amo

 

 

corpo;

di fatto

menti…

 
tra le gambe un cosmo…

penzola in-sondabile psyché

gocciolante inconsapevolezze che

non meriti

 

ed io..!!?

 

non posso più,

permettermi.

 

 

 

Annunci

che orà è?

più ermetica è la prosa
più silente il dolore
più si scalda la mano
più..


a si?
vado a coricarni
bafanculo..

(scus'mi mangano 60anda euro pe ffarmi una pera m li presti?)
(si tieni )
(posso pungerti se t fa sendire bbiù prodetto, motivato!)
(eppungimi va)
(non ho la pungia)
(mi prest 650.000euro? s'i tieni..)
(ma qust e dutto un sogno?O)
(no è la verità)
(siamo nei cessi della stazione di Milano e mi hai trovato anche quà)
(ghe bello)
(e caccia sti suord muovt!!!)
(si, un att.)
(e chista ccosa cuss'è?)
(una mitraglietta Antò)
(lo sai, mi scappano le lacrime, il ricordino che mammà ci fece in punto di morte)
(ma avevi detto ch'era tuttu reale?)
(perchè Antò, stu gingillo falsa ti pare?)
(ma e tutti li suordi che mi dovevi dare per farmi una pera?)
(mo prima ti do le fiches, come al casinò, cu sta slot machine Antò! ah ah ah ah ah!
ah ah ah ah ah ah ah ah ah!)
(nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo!)

(incubi all'ingontrario
non si sa mango chi li ha fatti)

Antò
eh…
fa caldo…
ma vattinne va!

m'ha fattu male cu chilla mitragliett…
Andò
eh!!!

E cerca 'e me capì'
è tanto tempo che non ti vedevo
eppure so' cuntento
'o ssaje m'hanno fottuto 'e viaggi e
l'autostrada
tutto chello c'aggio passato e mo' nun
credo cchiù
nun credo cchiù.
E torno a casa stanco muorto e nun
voglio fà' niente
sto cu ll'uocchie apierte e sento 'e
sunà'.
E pruove a vedè' cu dint'a ll'uocchie
'o sole
e c'o cazone rutto a parlà' 'e
Rivoluzione
e cride ancora cride ancora
e pruove a vedè' chi t'ha attaccato 'e
'mmane
e nun te può girà' pecchè te fanno male
e cride ancora cride ancora…
E cerca e me capì'
vorrei strappare mille occasioni
e poi fuggir lontano
me so' scucciato 'e parlà' e dire ogni
volta
quel che ho dentro e poi star male e
poi suonare
Ma torno a casa stanco muorto e nun
voglio fà' niente
sto cu ll'uocchie apierte e sento 'e
cantà'
E pruove a vedè' cu dint'a
ll'uocchie 'o
sole
e c'o cazone rutto a parlà e Rivoluzione
e cride ancora cride ancora
e pruove a vedè' chi t'ha attaccato 'e
'mmane
e nun te può girà' pecchè te fanno male
e sona ancora sona ancora.

(Pino Daniele)

cry sfondo nero.gif
(melanconia a sfumare tridimensionale)
non si vede se non hai gli occhiali
de(i)l Camerun.
Miopia Etnica stereoscopica
su Remeron Channel

quando l’azione pressa(one time)

l’ennesima(cazzata)

ci sono attimi; fugaci, giorni; enormi,
uno; crede di poter dire o fare ogni cosa,
fosse come governato da un’occulta forza che
da coraggio, volontà, temperamento, ecco;
è in quei momenti che urge lo star zitti, immobili
mettersi a letto chiudere la porta ed ingoiarne la chiave,
spegnere tutti i telefoni, luci, stelle, stalle, il sole.
Picchiare con la fronte spigoli, farsi male.
Sanguinare.
E’
ora
di morire
per-enne
ore.

(12 – 24 – 48 – 4568)

cyberpunk(after shave)

chi fuma è coglione
(quasi quanto un rasta*)

non è una paturnia salutista,
il gesto del fumare è stupido in se
senza necessità alcuna d’aggiungere
significati e giustificazioni
reconditi.

la maggior parte della gente della mia età fuma,
io stesso fumo ogni tanto(raramente).
la maggior parte della gente è cogliona
io stesso sono coglione ogni tanto(raramente).
è umano essere coglioni ogni tanto
ma è coglione essere umani sempre.
Il vizio,
per quanto cervellotico, automatico, automatizzato,
artificiale e,
 più assimilabile ad una macchina
è umano.
l’essere umano dedito al vizio esegue quotidianamente automatismi
gestuali e biochimici ripetitivi, inconsci, alienanti per se e per gli altri
agisce dunque come una macchina, è un automa.
Ricapitolando; il "vizioso" è l’unico organismo organico
che si comporta come un organismo cibernetico.
La macchina è il simulacro orribile dell’uomo creato dallo stesso simulando un essere mitologico superiore, perfetto ed irraggiungibile (dio).
L’uomo vizioso è il simulacro orribile di una macchina.

siete degli stucchevoli
 "aspirapolvere"
umani(coglioni)!
(al massimo "registratori di cassa")

io che non ho vizi
non agisco per automatismi
non sono una "macchina umana"
cioè il simulacro di un simulacro.
Ergo

sono dio.

(veneratemi)

 

sempre diffidare dei blog e blogger che non usano le tag o ne usano poche, sono delle macchine!!
attenta!! tu che cercavi un pisello, dietro la tastiera, ti ritrovi con un "transistor" nella fisarmonica…

L’importante è che sia un "transistor" bello grosso!!

ah be…

non ci sono più gli strumenti a fiato di una volta, ora mettono transistors dappertutto…

Transistors nella fisarmonica
prossimamente su Remeron Channel..


ed ora scusate, vado a fumare una sigaretta

*

stare a Gallipoli senza andare al mare non ha senso, d’altronde io ch’ho provato, ci sono andato!! ma non c’era posto, è colpa dei popolani se soffro di deficit d’attenzione ed iperattivita?
il popolano di cosa soffre quando a ferragosto si attacca sul culo del suo prossimo?
 non hai stile volgo!!
sto male ora uscirò a
comprare delle sigarette
ma io non fumo,
è ferragosto, tutto chiuso! il vizio
degli altri,
poi se sparisco
non ho neanche l’alibi delle
bionde
, è andato a comprare le sigarette e l’hanno rapito gli zulù ora la sua testa dondola con un mazzo di chiavi attaccate alle braghe di un punkabbestia, vedo il mio futuro, traballante.
(con occhi blu di perline colorate)
(Gallipoli non esiste)

scancellatemi tuttiiiiiiiiiiiiiii, ska ska ska!!! sto ascoltando il cd raccolta di Battisti, triste eredità della mia ex, per scoprire dove il sole va a dormire, domandarsi perché quando cade la tristezza in fondo al cuore come la neve non fa rumore… e guidare come un pazzo a fari spenti nella notte per vedere se poi è così difficile morire… capire tu non puoi…

come ho fatto, a…
parlar del più e del meno con un pescatore per ore ed ore?

mamma!!

ombelico
mi pareva utile, alla luce dell’interesse destato dal mio addome prominente nel post "Stagioni", comunicarvi che: il mio ombelico è un organismo geneticamente modificato, assume, tra l’altro, funzioni di seconda bocca, cioè mentre parlo al telefono posso contemporaneamente bere orzobimbo dal cordone ombelicale bluetooth (opzionale), posso anche intrattenere conversazioni simultanee multilingue, non che ridere mentre piango(cantare mentre vomito!) e non per ultimo farmi implacentare ed inserire nell’utero di una donatrice disposta a comperarmi dopo 9 mesi, già fornito di una cultura avanzata, concetti molto belli,  maturità sessuale, fissazioni, pantaloni e stivaletti in pelle D&G.
Ci sono volontarie?

sto cercando di maturare il coraggio necessario per prendere la porta e andare in palestra, ma è dura, l’inerthia oggi mi sovrasta oggi oggi … nel frattempo mangio noccioline americane, tonnellate, tonnellate!!! e ascolto un Plant piangente in Since i’ve been loving you, sperando che mi smuova una qualche sensazione, ma niente, una volta piangevo ascoltando questo pezzo… e ricordo con nostalgia quando avevo un cuore, quando soffrivo per amore, quando!! un giorno amai… Periodi, circostaze, ci fu un tempo in cui chiamavo amore qualcuno, e ddio!! qualcuno mi chiamava amoreeee!!! (aaahhhh!!!!!) ed Ora… credevo non mi sarebbe accaduto… da 1 anno sono un uomo… e questo è il destino dei padri che si compie.(?)(che cazzo sono diventato? cosa??? sono duro come il legno… io sono un mostro)(forse mi hanno ibernato? si spiegherebbe la mia freddezza, eppure i quattro scomposti versi dell’ultimo post lasciano trasparire una mal celata anima sensibile, ho più controllo ecco, ho più controllo)(mi manovro come un pupazzo nelle mani del burattinaio…) (me lo dicevano ch’ero un manovratore, ma non pensavo che la mia arma mi avrebbe ingoiato, iglobato, ichioppato, inchiappettato, incaprettato! sono un agnello che urla all’ingresso del macello!!! Ed il macellaio sono sempre io… IO! quanto piansi quella volta, quando le dichiarai il mio amore… e quanto la odiavo per questo!! per la sua sufficienza, la sua leggerezza… Io sono diventato un uomo grazie ad una donna… pensare che umiliazione ah ah ah! lei che mi cerca che brama ora la mia vista!! Lei!!!! che folle come solo una donna può essere mi tradì… ed io io non accettai il frutto del suo ventre io! sarò dannato… io non sto proprio male male, mi posso salvere ancora, io VIVO)

Fenomeni

Ho cancellato il mio profilo, non serve a nulla, se non a dare alibi a poverette/i mediocri arrampicatori speculari, ah ah ah ah ah! vorrebbero dar lezioni su come ci si presenta ah ah ah ah ah ah! tu puoi essere descritta/o dalle quattro effimere righe vomitate dalla tua povera, comune mano. Per descrivere me non basterebbe il talento di Wilde, Sartre, Flaiano, Montanelli, Manzoni.

 

(quest’uomo va fucilato)

chi sono questi uomini, cosa vogliono da me? perchè non posso postare audio? Pesa? c’è un modo per creare un collegamento ipertestuale? E che cazzo è? Sto ricominciando a stare male, ho capito, ho capito. non ho capito, non ho capito un cazzo. ho una lesione distrattiva di 2° grado al legamento crociato anteriore, ed una di 1° al legamento mediale laterale e pippe varie, che cazzo è? perchè? che cazzo sono io? che so, un golem? un totem? na cazzo di chimera? bo? e tutti questi bipedi cosa vogliono da me? prima mi rompono poi mi aggiustano, poi… che gioco è? è un gioco? stare male è più nobile? stare immobile è male?è tutto normale? è tutto sbagliato? c’è una ragione? che cos’è che mi sfugge? che cos’è che mi mangia dentro e vuole uscire? qual’è quella voce che mi parla e a cui non dò retta? e perchè? perchè continua? forse ha ragione, e forse fino a quando non l’ascolterò continuerà, e se continuasse per tutta la vita? e se fosse davvero l’unica chanche che ho? e se una parte di me avesse già capito tutto? è il momento di agire? sto male perchè sono fermo? e non c’è pillola che tenga? perchè ho le antenne e non le uso? perchè io? Perchè? E tutte queste domande? E gl’interrogativi? E le invisibili risposte? E tu?

cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate

Ho deciso di non usare mai il lemma "cazzate" in questo blog, vi prego di fare lo stesso, altrimenti i vostri commenti per quando pregni di significato e di ottima fattura verranno cestinati. A buon intenditor…

cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate cazzate

Asterischi

Più buio? meno buio..c’è buio qui? Apri le finestre che entra la luce! Hai paura pure della luce, vabbè allora spegni il comodino sennò si raffredda. Apri il cassetto e mettiti li che io mi alletto. E’ buiio, buio, salta il disco, cambia cd, vai con la cassetta che ti da due mandarini, salta la cassetta sennò cadi, ecco stoppala ora siedi. Accendo la stufa, appicco un pò di fuoco quà e la, mi sembra strano fa freddo, ci stiamo carbonizzando come due briuste, ora è più buio lo, lo, lo, prendilo che cade, meno male va che sennò chissà come andava a finire. Ha finito? Bene. Stoppa.

Immacolato

Oggi ho avuto una crisi mistica. Sono apparso ai pastorelli sardi che portavano le pecore per i campi. Appena vistomi si sono inginocchiati piangendo e pregando, io con un cenno della mano ho comunicato loro di proseguire il cammino in pace, poi ho scandito tre parole che i pastorelli custodiranno per tutta la vita, e porteranno tra le genti del paese come nuova novella. Le parole sono: Grundig Est  Videoregistratorius. Su questo concetto verrà edificata una clinica santa "La Santa Remeron" dove verrano curati i malati di Pollonosi, un nuovo male che colpirà la Sardegna e si spargerà poi a macchia d’olio in tutta Italia, poi in Europa e nel Mondo, risparmiando solo una piccola regione della Siria per altro disabitata. Un male che si manifesterà con la crescità di cespugli nelle orecchie, cosiddetti Polloni, i quali invaderanno con le loro radici il sistema limbico e simpatico causando una sorta di morte vivente ridente, gli uomini cammineranno come morti sulla terra ma vivranno questa condizione in allegria, fin quando alcuni di loro non riprenderanno coscienza, ma con umore fortemente depresso, e fonderanno il movimento di resistenza ai Polloni detto paradossalmente "Joker", conosciuto dal popolo  come: "La Spollonatura". Il movimento di resistenza e liberazione dai Polloni porterà alla creazione di una setta detta degli Spollonatori Seri, contrapposta a quella degli Spollonatori Ridenti, due fazioni opposte ma sinergiche, dipendenti da un’unica casa madre la "Joker Incorporation", ovviamente tutto ciò avverrà in U.S.A., e lentamente si diffonderà in tutto il mondo, riunendo piccoli focolai di rivolta, insurrezionalisti, ed altri movimenti di resistenza indipendenti già attivi in altre parti del Globo. Il destino del mondo è in balia di un rimestarsi continuo di influssi cosmici che attribuiscono alla vita un andamento zigzagante alterando i già precari equilibri naturali di un ,aimè, piccolo e provinciale pianeta. (continua)

Io, dio, e mio cugino

sto pagando con la mia vita gli errori dei padri, generazioni di borderline che distruggono tutto ciò che trovano, mostri fagocitatori di uomini, di corpi, di esistenze. Io sono il muro, la cura, sono nato per arrestare la corsa di questi demoni, ed allora il buon padre me ne ha messi di fronte di nuovi, fuori dal mio stesso sangue, che subito però si sono infiltrati fin detro i mitocondri, io sono il martire ma il mio è un martirio non sacrificale, io mi rigenero come fenice, porto il nemico allo sfinimento, fino all’ultima goccia di sangue, mi rialzo ed incasso il successivo colpo, che sarà sempre più debole, il mio organismo sta mutando, e le transizioni sono sempre dolorose, per fagogitare e riconoscere i mostri, un dio me li ha messi davanti fin da subito ero un bimbo che già riconoscevo i miei demoni, ora so da chi mi devo difendere, mi hai fatto riconoscere il nemico col sangue, ora sto crescendo, più in alto, salgo, sui tetti della città, ancora più su nella ionosfera arrivo nello spazio profondo ed apro i polmoni, respiro appieno l’energia dell’universo, il mio dominio, la mia casa, il mio creatore, ed ora posso anche andare a cagare!

Padre, figlio e spirito santo

sono sveglio da troppo tempo, questa notte è stata popolata dai fantasmi, ricordi assordanti ed ingordi che si appropriano del mio sonno. Sono stato svegliato da un mio urlo. Una donna, è sempre colpa di una donna. Il mio nemico è femmina. Ieri sera ho parlato di quell’anima infelice che si aggira per Bologna, non lo sa quanto è pazza,(o lo sa benissimo) quanto male ha fatto e continua a fare, ed ho paura per questo, di incontrarla ancora col suo falso candore da scolaretta che ne ha viste di cotte e di crude, un mostro, una bambina con appetiti irripetibili, una drogata, un’egoista mostruosa, una violenta, una borderline. Che mio magrado ho amato. Ha distrutto finchè ha potuto, come mio padre, l’altro borderline, manca il terzo, di solito si presentano in tre i demoni divoratori, ma c’è. Il terzo sono io.