così

 

e poi una luce surreale
cancellerà i nostri volti
dall’esserci
stati che
ci vorremmo mai nati
nell’ombra di una bicicletta
il canovaccio del perdente
la scaletta…
racconta un logos
velleità ereditiera
che coglie
tutto e
dispera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Artista: Led Zeppelin
Titolo: Achilles Last Stand
Titolo Tradotto: L’ultimo Viaggio Di Achille

Dissero che dovevamo andare, una mattina d’aprile
E mentre mi giravo verso te, tu mi sorridesti,
come potevamo dire no?

Col pensiero di tutto il clamore che c’attendeva
di poter vivere i nostri sogni di sempre
e cantarne canzoni, quando in fine saremmo tornati.

E mandando un bacio fuggevole a coloro che dicono di sapere.
Il marinaio conosce le rotte del mare,
e navigando sente di non dover temere
nemmeno il diavolo

Salpare le terre sabbiose e negli altri giorni
Sfiorare quel sogno, nascosto dentro che non si vede mai
Sole da Sud a Nord, dove risiede la nostra prima speranza

Le catene dell’impegno in frantumi a terra
Cavalcando il vento, camminavamo in aria sul frastuono
Ridere forte, ballare come se combattessimo contro la folla

Cercare l’uomo la cui mano svela un passo gigante
Egli cammina in avanti guidandoci
in un sentiero contorto solcato nella pietra

Se una campagna dovesse suonare per celebrare il re
alla stessa velocità dovrebbe battere il cuore
a fiera, allo stesso modo la testa e i piedi
pesanti

i giorni volano, io e te
facemmo splendere estati eterne
Lontano e distante il tempo di mutua crescita
Il dolce ritornello consola l’anima e calma il dolore
Albion* resterà qui a dormire per svegliarmi nuovamente

Vago curiosando d’anelli
un luogo per riposare momentaneamente la ricerca
Forti le braccia di Atlas**
sostengono i cieli sopra la terra
Oh, Le forti braccia di Atlas
sostengono i cieli sopra
la terra
Sopra la terra.

Conosco la strada, conosco
la strada..
Le forti braccia di Atlas
sostengono i cieli
sopra la terra.

 

 

 

*”Albion” è il vecchio poetico nome che Shakespeare utilizza
per riferirsi all’Inghilterra, in King Lear.

**Ci sono vari riferimenti ad antichi miti greci: Achilles, Atlas,
e anche la parte “wondering and wandering” di inizio strofa potrebbe
essere una parte dell’Odissea. Ad ogni modo Atlas potrebbe riferirsi
non tanto ad Atlante, quanto ad una altissima montagna del Marocco.

tradotto da Remeron dal testo originale con assist dal sito:
http://www.angolotesti.it/traduzioni/3/traduzione_testo_canzone_tradotto_achilles_last_stand_led_zeppelin_5909.html

Annunci

grazie nonno (vabbè m’allora?)



assumo regolarmente quantità industriali di
psicofarmaci

droghe sintetiche
medicine equosolidali
anabolizzanti
caffeina come ne piovesse
la mia stabilità umorale è un bluf chimico
lo humor una bugia
vi considero topi
vivo aldilà del bene
o del male (chissà dove)

imbalsamato in un’ampolla di formaldeide
risalente ai ’50

mesmerizzato da mio nonno
in stato fetale
prima d’essere abortito
in stato fatale(!)


Bussare
ed
attendere

1000 anni

ho conosciuto una ragazza

dunque io sarei un maniaco di quelli che vanno in giro a masturbarsi tutto il giorno e poi su internet e la mattina ho le palle vuote? non mi ricordo, no… doloranti! che sarebbero preferibili quelli che toccano i culi sui tram a me, invece… e i pedofili, ecco. Poi il resto mi sfugge, però è un discorso che fila, si si, mi ritrovo abbastanza, grazie alla ragazza fine, molto attenta, autonoma, e… punk! e… ah! lei ha una dote speciale… canta col culo i pezzi dei Village People (ma solo al telefono!), ah tra l’altro a me, già che c’ero, non dovrebbe spiacere a prendermelo in culo (più avanti! però, non subitissimo)… si, più o meno era questo il concetto, ora ho le idee chiare. Cosa dire… chi mi conosce può confermare, mi sembra che le cose filino e fondino… complimenti per la chiaroveggenza, un ritratto verosimile…

 

 

 

 

 

tutto ciò è stato mirabolmente dedotto dalla suddetta colossale mente copernicana, dal mio post "mi masturbo", è un sofisticato momento di prestiridigitazione, bisognerebbe riconoscere il talento quando lo s’incontra, senza meschine gelosie…

ma come si fa a postare un’emoticon? oltre a quelli orribili di splinder? lo so, che resterò senza risposte… mi rivolgo a voi piccole iene, in cambio vi offrirò qualche verità demagogico-poetica tipo, "La mia bellezza è solo cenere per te Donna che nella notte respiri il sangue bruciato via dai miei orgasmi"… è solo un assaggio.

 

 

 

(sono un eremita imperfetto)

(mi manca l’eremo)

Il Nulla risponde

in risposta alle idee "visionarie" della ragazzina futuro strizzacervelli* (dio ci aiuti!) Fallaci dipendente rintracciabile a questo indirizzo:http://spekulum.splinder.com/, se ti metti in gioco con un blog, poi devi democraticamente accettare le critiche, e non chiudere l’accesso ai commenti dopo aver postato un "intollerante" risposta. Ma daltronde, una bambina che s’ispira ad un personaggio reazionario e destrorso di cui sopra che cosa può capirne di democrazia e di NULLA?

Il nulla, essendo nulla d’essere, non può venire alla luce che in virtú dell’essere stesso. E viene infatti all’essere ad opera d’un essere singolare, l’essere dell’uomo, l’Esserci. La realtà umana, l’Esserci, è l’essere in quanto, nel suo essere e per il suo essere, è il fondamento unico del nulla nel seno dell’essere.

                                                                                                    Jean Paul Sartre

 

e lo so, lo so ch’è complesso, è più facile la critica populista e qualunquista di una giornalista come la Fallaci, comprensibile per te e per tanti che come te sono qualcosa…

 

(ma cosa? bo? zitto tu nulla! ti faccio fucilare!! ma io ho la maggioranza alla camera!! a vabbè allora…)

*che nel frattempo per rappresaglia avrà già cancellato i commenti, chiuso il blog e bruciato il computer!!

Post Esorcistico

c’è stato un periodo in cui escludevo a priori chi si congedava salutandomi con "ciau" o clamorosamente peggio(miodio) "ciauz"…  ieri mia sorella mi ha mandato un sms salutandomi con tale mediocre tentativo di originalità di massa (grassa)… non posso eliminarla dalla mia vita, tanto meno dalla faccia della terra, commeterei un fratricidio, sarei arrestato processato e condannato, per un popolanissimo "ciauz", tutto un macchinoso processo speculativo per un inutile tentativo di originalità di massa? (grassa?). Ho per questo deciso di passarci sopra e voltare pagina, ma non sono tranquillo, mia sorella mi ha salutato con "ciauz"… mia sorella è una coglionazza, mia sorella è una piccola banalotta popolana che cerca di essere originale nella massa(grassa) primeggiando con un devastante, subdolo "ciauz", ne sono stato corrotto, nell’io, nell’anima, io puro e virtuoso macchiato nel DNA da un invalidante ipocrita trash kitsch presuntuoso deforme assordante impavido denigrante iroso delirante bislacco dissenterico acido lercio odioso stupido assenteista qualunquista individualista ipocrita lascivo brutale vano eretico obsoleto emetico lurido fetente offensivo denigratorio scorreggiante pusillanime eritematoso "ciauz" ma bbaffanculo!!

fuck

fuck

chi sono questi uomini, cosa vogliono da me? perchè non posso postare audio? Pesa? c’è un modo per creare un collegamento ipertestuale? E che cazzo è? Sto ricominciando a stare male, ho capito, ho capito. non ho capito, non ho capito un cazzo. ho una lesione distrattiva di 2° grado al legamento crociato anteriore, ed una di 1° al legamento mediale laterale e pippe varie, che cazzo è? perchè? che cazzo sono io? che so, un golem? un totem? na cazzo di chimera? bo? e tutti questi bipedi cosa vogliono da me? prima mi rompono poi mi aggiustano, poi… che gioco è? è un gioco? stare male è più nobile? stare immobile è male?è tutto normale? è tutto sbagliato? c’è una ragione? che cos’è che mi sfugge? che cos’è che mi mangia dentro e vuole uscire? qual’è quella voce che mi parla e a cui non dò retta? e perchè? perchè continua? forse ha ragione, e forse fino a quando non l’ascolterò continuerà, e se continuasse per tutta la vita? e se fosse davvero l’unica chanche che ho? e se una parte di me avesse già capito tutto? è il momento di agire? sto male perchè sono fermo? e non c’è pillola che tenga? perchè ho le antenne e non le uso? perchè io? Perchè? E tutte queste domande? E gl’interrogativi? E le invisibili risposte? E tu?

La giusta Dose

Volevo dirvelo da tempo, ma colgo l’occasione di farlo or ora, nonostante il mio quartultimo post sia zeppo d’interrogativi non uno di voi si è cimentato in una seppur stupida risposta, popolazione di Splinder siete una compagine di coglioni con la V maiuscola. Ve lo dice un semidio e se ve lo dico io potete fidarvi…

(al prossimo meeting perchè non vi chiudete tutt’insieme in una camera a gas, il Santone lo faccio io, da fuori attiverò la valvola del nervino e sarete finalmente liberi di scrivere cazzate all’inferno… ah ah ah ha ha! ! Dio me ne renda merito, se non sono un talento!!!)

Padre, figlio e spirito santo

sono sveglio da troppo tempo, questa notte è stata popolata dai fantasmi, ricordi assordanti ed ingordi che si appropriano del mio sonno. Sono stato svegliato da un mio urlo. Una donna, è sempre colpa di una donna. Il mio nemico è femmina. Ieri sera ho parlato di quell’anima infelice che si aggira per Bologna, non lo sa quanto è pazza,(o lo sa benissimo) quanto male ha fatto e continua a fare, ed ho paura per questo, di incontrarla ancora col suo falso candore da scolaretta che ne ha viste di cotte e di crude, un mostro, una bambina con appetiti irripetibili, una drogata, un’egoista mostruosa, una violenta, una borderline. Che mio magrado ho amato. Ha distrutto finchè ha potuto, come mio padre, l’altro borderline, manca il terzo, di solito si presentano in tre i demoni divoratori, ma c’è. Il terzo sono io.

Per A

solo un rimpianto prima d’andare in palestra e poi a nuotare… e chi so io recepirà il messaggio:

Cara Valentina il tempo non fa il suo dovere ed a volte peggiora le cose

Perchè dai miei trent’anni t’aspettavi un uomo col senso del dovere…(grazie Max)

Cara A io sono un bimbo e tale resterò per sempre… se la tua vita ti ha portato in una condizione d’ansia tale da non permetterti di respirare un aria di Mozart, una sottile ironia di Eduardo, figurati se puoi star dietro a me che sono molto molto più arguto e semplice del mio sofisticato(!) sarcasmo. Il creativo è tale anche quando fa la popò non solo quando si accinge con fare da cattedratico a comporre poemi o sonetti, quindi una comunicazione linda lineare e scevra di echi parossistici puo andare bene nel tuo ufficio con i tuoi colleghi uomini(e donne perchè no!). Io sono Remeron. Dire Mare Fare. Andiamo a farci un bel bagnetto!? Mi piaci molto(però sei pazza).