anche se piove

 

Attendo domani ma…

una paura

che scorcia la mente

una

congettura…

quiescente.

E quando la vista

del sole mi trovasse

sveglio

potrò

improvvisargli

ubriaco

un risveglio!?..

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
potrò!?

Annunci

off Broadway

vertigo

una volta; con fare sufficiente, m’ha(i) chiesto (senza ricever risposta alcuna):
ti sei mai chiesto perché?


(tu eri in cucina)
(io; in bagno)

(ricordi?)

a distanza di dieci, tredici o quattordici anni mi chiedo a volte, quando son solo e scruto l’abisso(che inevitabilmente, mi suggeriscono, sensazionalistici, da Bari , scruterà in me) nel vuoto, cercando di contare pecore invisibili ad occhi aperti;

cosa!!!!!? cosa(cazzo) avrei dovuto chiedermi!?(stavo cagando!!)

poi…

m’addormento d’un sonno molto,
molto profondo, come i/al centro dell’oceano,
nel triangolo delle Bermuda, si, ci sono io rannicchiato in un letto dell’ikea che sogno entropicamente pecore invisibili ed interrogo persone, cose, luoghi che rivangano la mia mente, enorme, da decenni; ragnatele, cantilene ninna nanne; per risponder(mi) con altrettanto improbabili rappresaglie nevr/psicotiche cervellotiche, caritatevolmente violente, donchisciottiane buone a niente e… si sono io… che creo un vortice elettromagnetico(ma; non me n’ero accorto scusatemi!), che risucchia portaerei,  AirBus*, UFO!,  mentre dormo in bermuda nel triangolo delle…
un po come "Il Raggio della Morte", l’ultima malcelata sceneggiata top trash secret! der nano de Predappio, la macchina che aveva escogitato in combutta con l’inventore del telegrafo wireless (il povero Guglielmo Marconi), che bloccava i motori a scoppio, addirittura quelli di un aereo in volo… lo sapevate? sapevatelo… l’ho letto su Famiglia Cristiana mentre aspettavo il mio turno dalla psichiatra al centro d’igiene mentale…

igiene mentale

Predappppio


Raggio della Morte

Guglielmo Marconi!!!

pecore invisibili ad occhi aperti

Famiglia Cristiana

bermudaaaaa!!

 

vertighio

è solo un incubbbo… non preoccuparti;
dormi, dormi pure… sei su Remeron Channel

185cl.gif

vertighio
*(non quello francese, porelli!)


ed ora te la faccio io una domanda:

NeoReLearismo (la follia del REmPalo Pisolini)

ho la cacarella,
avrò esagggerato ieri con i cocktail…
poi stammatina cafè, fluoxetina e moLarismo etnologico
ed ora sono
K.O.
che ce voi fa,
io volevo solo un etto e mezzo de gestalt, quello
ha detto ho fatto 1 e 80 che faccio lascio?
e lascia che te devo di…
(mortacci tua? che ‘n c’ho na lira pe pagatte 30 grammi de gestalt!!? nun è manco
staggionata… ma bbaffanculo va stobbu rino..)

mo me apro un blogghe, co st’aria nostalgica
che me ritrovo stasera,
post esistenzialista,

ce metto le foto de li
filme francesi, 2 etti de nouvelle vague
nu mezzo chilo de libri "accattati" a porta portese
poi scrivo che me so sbajato,
si ho sbajato tutto
pecchè quanno ero piccolo mi babbo
me menava, ma era sartriano
che me bestemmiavo tutti li santi nun je fotteva na cippa
e quindi coll’umanismo
m’hanno fatto ‘r culo a umbrello
nu bunjin jumping de Truffault(nun so manco come se scrive rca troia)
‘e canzoni dde Paoli, Ciampi e Luigggi Tenco
che s’ammazzavano se perdevano er festivall(a)
o pe na malafemmena o pecchè gli scoppiava n’ictuls
mentre se stava a ffa na pippa pensando alla Simon(etta)(e no n’etta e mezza pe favore!) DeBovarì(se scrive così?)
poi me travesto de Renato SottoZero Relativo e me venno
te venno la felicità co nna marchetta bocca-culo
artro nun posso c’ancora me devo riprende
da a more libbero de la ragazza mia che va a mignotti
ma no quelli che stanno a batte sullo stradone no
li mignottoni co li sordoni!!

poi torna a casa ogni sera
mentre io sto a ffa
incubbbi dde plastica
e me vorrebbe da foco come ‘lla zingara
ma l’unica c’accenne è na candela

(ce credo se tutti li sordi te lisei spesi colli mignottoni!! nun c’avemo manco l’Enelle!)
che ce dà st’elemosina de luce ogni sera,
quanno mi nasconno sulla faccia oscura
dela mia luna nera…

(a piagnemme tutti li
mortacci mia cry sfondo nero.gif)
 

(me sento FrankyHinstein er gYunior*,
dopo a scossa der furmine!!
co sto rappe che mme brucia ‘e chiappe.
o forse è la candela..)

(file audio addivenire)

*sto pseudomo ‘o devo brevettà, è più rappe
de Snuppi Dogghi Dogghe ah ah ah!
me rimbarza tutta la crew de collatina, de centocele
de nuyorku e de manatta ah ah ah ah!!

zen

un moscerino ha cagato sul monitor.


ma!

anche se sarà il moscerino
a perire,
il turpe colpevole è

l’ LCD.

quanto poteva durare,
ogni sceneggiata,
ogni buffonata ha un lieto o tragico epilogo…
questa è la fine
la fine di un era(e di un
è)
la morte di un processo
fallimentare,
il ricamino del creativo,
la marchetta alla sorte troietta
resta li
che aspetta con la chiave inglese
tra le mani
ed arriva il momento delle stelle
arriva l’attimo dei fulmini
le bacchette picchiano a fondo il rullante
e giù botte
botte forti
quattro quarti
che fracassano le ossa
fan saltare i denti
che ti lasciano piegato a terra
senza più una faccia
senza
identità
chi mai ce l’ha avuta
se la tenga cara la fortuna
io non so cosa sia
un’identità.

sono un uomo che combatte
quotidianamente contro una discreta dose
di piripippippì…
(e non è uno scherzo)