hamlet pneumatico(shakespeare a colazione)(ristrutturazioni eterne)

spudorata rivisitazione sintattica "ristrutturata" in chiave "carpenterica" dell’Amleto di Carmelo Bene.
colto da influenza virale mi commuovo (tra spasmi gastroenterici ed emissioni "sinfoniche")
al suon di martelli pneumatici* sulla mia testa, mortalmente esterrefatta.

http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf

testi "leggermente" rivisitati, da Remeron,
tratti dall’Hamlet Suite(opera teatrale) di Carmelo Bene
voce, montaggio e sceneggiatura Remeron


*i martelli pneumatici che sfumano il monologo
sono registrati in presa diretta nella mia stanza da letto
attigua all’appartamento sito al 1°piano(sulla mia testa)
in ristrutturazione(eterna).

Annunci

ogni riferimento è puramente casuale…

affettuosa dedica
a (quasi) tutte le splinderiane che ho conosciuto negli ultimi tempi e che hanno davvero qualcosa da dire:

(specialmente poi quelle alle quali dal Lazio in giù gli si rivolgono in inglese(no comment)… per non parlare delle pompeiane… delle alte 1,75 Km e di quelle che vogliono fare polemica senza motivo e gestiscono una cartoleria (a padova!!) di quelle che aprono il blo(g)b non appena le mollano e si fotografano pixellose in webcam… e si, siete una singolare combriccola di fenomeni ben assortita*)



*per non parlare della solita banana…
di quelle che per farsi vedere in foto
ci vuole la mano potente di dio…
l’unica che si salva è Pepina!!! che però
è stata bloccata perchè pazza, anche la Drunked va,
ma è troppo discontinua… l’unica e fedele compagnia è la mia
perfetta solitudine mutuata forzosamente anche nell’intestazione
dal nostro bravo Federico Fiumani.
(se ho dimenticato qualcuno non vogliatemene)…

bigghigimme alla festa di laurea

bigjim

ho riscosso un discreto successo ieri sera nella movida sociale bolognese e all’interno di un contenitore asfittico (oserei dire) mi muovevo con una certa disinvoltura al centro delle attenzioni femminili di solito catalizzate da uomini alti, nel mio caso invece era lo sguardo fulminante che crea il precedente a captare l’interesse, per non parlare dei mie incomprensibili capelli a casco, similcartapesta, un effetto speciale di forte impatto scenico ottenuto grazie alla mia nuova lacca "freestyle" garantita, a lettere cubitali sulla confezione, contro l’effetto casco…
ogni tanto (svariate volte direi) mi recavo all’esterno dell’asfittico contenitore, con una masnada di miei amici a seguito, per fumare delle sigarette gentilmente offerte dagli inseguitori, alcune folate di un primaverile venticello scompigliavano di tanto in tanto gl’ispidi capelli delle ragazzette astanti non che quelli lisci e/o ondulati di chi ce li aveva, i calvi non risentivano degli smottamenti metereologici, tra loro e gli altri, io:
big jim ,unico uomo con capelli di gesso assolutamente non metereopatici, anello di congiunzione tra la parrucca ed il carro allegorico del carnevale ormai, aimè, passato…

Ciao ragazzi ah ah ah! come va!? si certo no è che io, ah ah ah! siamo tutti molto simpatici, si e tu sei proprio in gamba, tu invece sei molto bella, la tua amica ha stoffa, si, ragazzi svegli come noi.. certo che comunque e poi…

devo ammetterlo ci siamo divertiti ieri sera, ma ora, la mia testa è un flipper, credo che tornerò a letto, non è un’ottima idea mescolare vino rosso, birra chiara, scura, ambrata, wodka, barzellette sconce e sigarette truccate, attenzione!!
bisogna porre molta attenzione a quel che si fa,
mentre lo si fa,
il sabato sera.

faccio piangere (pozioni)

molte donne mi venerano (a distanza),
cercate di farlo tutte,
in silenzio
(sto pensando)

(consideratemi un miraggio, un sogno, un viaggio)

(un incubo)
il giovane
Werther intrufolatosi nel laboratorio del Dottor Jekyll…
può far di voi polpette in una notte buia di sudore e lacrime…

…amare

(ho sangue in esubero)

(un vampiro al negativo)

(sviluppami, baby!)


izu…

revolution (la mia at-tenzione)

han detto

tiènila,
tienila a mente,
la stèssa di sempre,
l’ora dei no,
la stòp motion,
il fermo immagine.

No.

non accantono nulla
è un flusso endemico,
audace invivibile carnale,
sento(no) l’odore
diverso,
scorgo(no) nel mucchio,
prendo(no) la mira,
spar(an)o.
Non (mi) colpisco(no)
(quasi)
mai.
macchine…
ma…

no no

una era Cuba, l’altra Berlino
e quando te ne andrai per sempre?
quando…
macchine? no

macchie


(ahaha Cuba!
che follia)


di

sangue

.

ogni tanto ti penso