fb reflected

penso al Salento che una volontà politica astorica ha abbandonato nel tacco più estremo di una penisola a forma di stivale chiamata falsamente Italia; Repubblica, rispetto la quale costituzione tutti gli abitanti hanno doveri ma solo alcuni, un nord popolato da barbari bifolchi, ne ricevono i benefici a scapito delle menti, delle sensibilità dei lutti mentali, morali, fisici! che vengono tutti dal sud.
RICCARDO III una visitazione del lavoro shakespeariano condotta da G.Deleuze(filosofo francese poststrutturalista) e Carmelo Bene, ultimo genio partorito in Italia e nel mondo, scarsamente considerato dalla critica d’arte massonica che ha preferito nel tempo; in relazione con filoni politici salvadanai, ormai anacronistici premiare dell’italia un buffone settentrionale schierato politicamente: l’arte che acquista facoltà e pregnanze intellettuali in base al potere che nell’epoca decreta ciò ch’è arte… terribile dare il premio nobel(omaggio molto poco nobile, Sartre lo rifiutò nonostante l’appartenenza politica) ad un fantoccio solo perchè si professa di sinistra, ed io non sono di destra, “io non voglio più essere io”. Hanno steso gli esperti, un raccapricciante cono d’ombra sull’opera e sulla figura di Carmelo Bene, un genio che rinascerà chissà dove tra 3-4000 secoli, una disonorevole conferma dell’inadeguatezza culturale e scientifica made in itali, little italy dove fa soldi l a pancia piena; pizzerie, rosticcerie, macdonald, mercedes, champagne e bmv e l’arte; l’arte che così tanto vendiamo, spacciamo all’estero sotto forma di reliquie di cadaveri putrefatti non esiste:
il Riccardo III di Carmelo Bene

Annunci

anche se piove

 

Attendo domani ma…

una paura

che scorcia la mente

una

congettura…

quiescente.

E quando la vista

del sole mi trovasse

sveglio

potrò

improvvisargli

ubriaco

un risveglio!?..

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
potrò!?

punti di vista interessa(n)ti

"l’alcol è la cura o la causa di tutti i mali?"

ogni volta che rendo pubblico un video su spleendere c’è qualcuno/a che s’affanna, si danna nel chiedere s’è del contemporaneo, mio vivere, o trattasi di riciclaggi.
Il riciclaggio; come la polaroid o, il vhs di famiglia, recano date ed, a volte (a seconda dell’estrazione sociale o dentale), commenti [in]opportuni od al contrario destabilizzanti, ammesso che qualcuno o qualcosa possa più smuovervi dal coacervo mediatico, del quale, figli non siete più in grado di distinguere l’Horror di Cronemberg dall’horror reale: spazzatura di Erba o del quotidiano giornalistico possibile, accettato, esoterico, metabolizzato (cade da un ponteggio e…) morire.
sembra una barzelletta vero?
eppur si muore.
grazie anche, anche, alle X che si mettono nelle caselle elettorali.
finalizzate(illusoriamente) al proprio lavoro, fabbisogno, interesse;
grazie alla costruzione d’imperi di carta che cadono
alle prime scosse di terremoto, dove muoiono centinaia di persone
magari;
quelle stesse che hanno votato tal dei tali per far costruire la nuova scuola
o la cappella  antisismica sulla carta e..
sulle lapidi.

l’essere è il nulla II

(nessuno mi può giudicare nemmeno tu)

Se la grandezza di un individuo fosse commisurata alla grandezza delle sue azioni, chi dovesse compiere solo "piccole" azioni sarebbe considerato un "piccolo" individuo(un puffo).
Ma noi siamo figli dell’elettromagnetismo, dunque della teoria della relatività…
dunque di Einstein, cioè la bomba H; siamo la(e) generazione(i) H e non la X-Generation, come qualche fesso ha avanzato…
Dunque ritornando alle "dimensioni" dell’individuo; il "grande" che però non riuscisse a compiere anche le "piccole azioni" sarebbe cosa? un cortocicuito? un handicappato? o un genio? che altro non è che un "deficiente" che eccelle, per compensazione ai deficit, in una sola delle mille e più manifestazioni umane…
"Noi", filosoficamente, dovremmo considerare, l’uomo, l’individuo, rappresentante e responsabile in piccolo della totalità del genere umano (come avrebbe detto Jean-Paul Sartre); come un organismo organicamente evoluto dal punto di vista intellettuale e, perchè no, fisico, in grado di compiere con la stessa efficienza qualsiasi "azione" piccola o grande che sia. Dunque l’individuo, il genio, è uguale a dio… ma siccome la scimmia umana smentisce con (o)errori madornali, quotidianamente questa ipotesi; l’uomo si prefigura come un dio mancato(sempre come disse Sartre) (abortito direbbi io), ma, in un ipotetico consesso, Mcluhan avrebbe detto, suppongo anche Renato Barilli, molto più pragmaticamente: "l’uomo moderno(e contemporaneo) è figlio della specializzazione". Quindi allevato, istruito, disciplinato ed introiettato nello scibile come un’orribile "monade" leibniziana, la quale presunta individualità, madre del "pensiero", della filosofia etc, qualunque compito egli svolga, non è altro che l’operosa(onerosa), anestetica interdipendenza (quindi un’autonomia "individuale" fallace, un ossimoro) dell’ape operaia, autonomo suddito molecolare di un’ape regina, suscettibile anch’essa della dipendenza tribale, dallo sciame, che la nutre, in quanto specializzata-capace "solo" nel produrre uova… da qui, anche il grande uomo, o(ancor di più!) il genio, come l’operaio, sono degli esimi rappresentanti(molecole strutturali) della società specialistica interdipendente: non esiste l’isola autarchica(U.S.A. docet), non esiste l’Individuo, non esiste l’Uomo, ne grande, ne piccolo, esiste l’umanità.

sordi vaffa..

(la) meglio sola (ricomincia da 3)

improvvisamente ho finito le scorte di cibo, non dormo da 2 notti, non ho la forza per andare al smarket, sono gay, Uccio mi fissa in continuazione, non riesco a sfuggire al suo sguardo indagatore, che devo fare, ah ah ah, mi inchiappetterò sulla cyclette e pedalerò i miei 10 km quotidiani, ho fame, ho telefonato al dottore ma non c’è, Uccio continua a fissarmi col suo sguardo indagatore, non posso fingere che vada tutto bene, ho solo latte, ne ho già bevuto un litro, mi ha telefonato mio padre, mio fratello inizia a lavorare al tribunale(!), che cazzo me ne devo fare( io?), ho bisogno di punture, d’ insetti, di, ho bisogno di dormire, di muovermi, andare in palestra, sono ateo, il smarket è chiuso il lunedì mattina, sono stato alla posta, che cazzo vuoi da me, che cazzo voglio da te e perché? e soprattutto chi sei te? ho comprato le sigarétte, è scaduto l’abbonamento in palestra, sono etero(dosso),è scaduta l’assicurazione, la rata del condominio, the sky is falling, ho idea che stia per accadermi qualcosa di grave, o di greve,  mi è accaduto qualcosa di grave, sono grave, sono gravido, devo farvi il test del dna a tutte!! maledette mi sucate l’energia vitale ora mi faccio castrare, voglio cantare, fatemi entrare, poi fatemi andare, a cagare, sei tu che… insomma sai già, dove devi andare. Io non sarò mai padreeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!
ficcatelo in testa, specialmente poi del figlio di un altro, ah ah ah, sono razionale, e si la parità sessuale, tu trombi a destra manca e allora pure io, poi però io rimango in cinta, e il figlio è tuo, e se non lo vuoi sei uno stronzo, antico! ed io me lo cresco da sola! ah ah ah! scado in continuazione nelle solite menate, menatemi, affanculo alla morale, trombiamo! si fatti trombare come un animale, si ah! si ah! si ah! sono s-venuto, fammi la respirazione, bocca a bocca, sotto a chi tocca, se sei rimasta incinta, vai da quello quadrato, e chiamalo stronzo, il biondino, e tuo figlio avrà un padre, alto alto, anche se, poi lui sarà bassino, il bambino, e scuro scuro! sicuro! avrà preso dalla mamma! ah ah ah, vedrai l’amore del cretino alto biondino, gli basterà, sennò crescilo da sola, bevete coca cola, e beccateve sta sola(de vita). Ah ah ah ah ah!

(ma che poi il mondo non è sempre girato così?)
(30 la percentuale dei figli concepiti da relazioni extraconiugali in Italia)
(attento biondino, 3 dei tuoi 10 figli li ha fatti con lo psicopatico)
(ecco perché poi da grandi ti accoltelleranno per fotterti i soldi)
(eredità genetiche, per una notte folle hai distrutto 4 vite,
donne! controlliamole! Su Remeron channel)
(ora c’è il test del DNA!)
(Attenta! stai godendo? è la scienza che ti fotte! su Remeron channel)
(ah ah ah ah ah ah)

Non c’è niente da fare sei così tu donna moderna, emancipata, esempio d’autonomia e politically correct, per lo schiribizzo di un momento sei in grado di coinvolgere dalle 3 alle 109 persone, innocenti, se non bastano quelle che hai messo in croce ne metti al mondo un’ altra, poi cerchi un fesso, (un S.Giuseppe!) che, con le sue stabilità e pazienza, (= idiozia?) metta a posto tutto quanto, fino al prossimo prurito (d’altronde se esiste uno come lui, deve esistere per forza anche una come te)… bau bau bau bau!!!


ma che mi avrai fatto mai donna!!?

che cos’è tutto sto veleno?

si lo ammetto sto scrivendo una piece teatrale…
(ma silenzio, è un segreto tra me e te!)