ed il mare?

supero l’io


L’illusione data dal vizio
è inversamente proporzionale
alle dimensioni della coscienza.
L’umanità*
finisce laddove inizia
l’istinto di sopravvivenza.

*sinonimo di correttezza, rettitudine, onestà, lealtà, percezione di se, sensibilità morale, coscienza, conoscienza, super io (addio).

Annunci

moi.jpg

è evidente nel mio volto antico il dualismo dicotomico di yin e yang,
si percepisce nella sinuosa asimmetria la vaga sembianza dello spirito,
ma è solo un espediente mimetico di mamma natura per dissuadere i nemici
per attrarre le prede…
2 è un concetto umano,
la verità è più complessa ed aliena:
Ho un’anima.
(per capello)

le conseguenze della pietà materna

parlavo con mia madre* bevendo vermentino di gallura e red bull, (la mia caffeino-dipendenza ha raggiunto livelli di guardia grotteschi) nel piatto resti di chily con carne, mi scappa un rutto a "minchia china" in faccia a mamy, disinvolta mi dice "mmmm odora di quella scatoletta!" indicando i fagioli messicani..
mamy…

(li mortacci..
tua
cosa sei?!!!)
(ma come fai a resistere?)

oO


cosa non sopportereste per amore femmine… mi fate vomitare addio!!

*mia madre si è trasferita a casa mia da quando son stato operato alla schiena, non è che sono l’artista checcone che vive con la madre zitella o il bampascione di Padoa Schioppete, sono convalescente!!!

splush

sono in acqua dalla mattina alla sera

idrofilo

idrovoro

idrofobo

nuoto, abbaio

mordo!!!

sono un uomo che a trentanni s’è svegliato alle 4 di notte, si è girato nel letto e si è spaventato a morte dopo aver visto la donna che gli giaceva accanto.

Il giorno dopo l’ha mandata via urlandogli dietro tutte le sue paturnie, i suoi spartiti, i suoi amori, i suoi mestrui, i suoi aborti, le sue canne, i suoi viaggi in Messico, i suoi genitori, la sua infanzia a rischio.

Si, sono stato male, ma passata la sbornia, ho avuto un orgasmo così spossante, una sborrata colossale che mi ha tramutato in un licantropo seriale, ululo ogni notte alle 4!! quando una donna è nel mio letto, non riesco a dormire, mi attorciglio, mi torturo, mi stritolo nella misantropia infranta e il giorno dopo vorrei dirgliene di tutti i colori, e se ancora non c’è abbastanza confidenza, stendo trame, creo strategie, ordisco intrecci volti a creare incipit fittizzi, trascorsi inesistenti di storie improbabili con finale tragico, alibi. Ripeto con metodo le stesse dinamiche per giungere al nirvana spermico onanista. Fin quando non farò l’autore teatrale, mi dovrò sfogare in qualche modo o no?!!

"non puoi trovarmi tanto ingiusto se ti faccio del male, in verità più ci si estasia insieme e meno s’è d’accordo in verità la vita è troppo breve"

                                            C.Bene-J.Lafourgue  Hamlet Suite

 

Lolite in pillole

Lolita, il romanzo di Vladimir Nabokov è stata una pietra miliare nella formazione psicopatologica di milioni di ragazzine ragazze e donne occidentali più o meno immature…
Chi non ha mai visto il film di Kubrick tratto dall’omonimo romanzo? dove una bambina faceva impazzir d’amore un insegnante 40enne? da qui la mania della scelta di un compagno di minimo 100 anni più grande, ogni donna, nella sua vita ha la necessità di esibirsi almeno una volta (anche tardiva!) in una performance da Lolita e raccoglierne i frutti…
(a tal proposito rimando alla lettura de L’oca Reale, sulle propaggini paterne)
Il risultato dell’happening emozionale dipende sempre dall’età in cui le nostre eroine entrano in contatto col romanzo, il film, il mito, ma ogni età è buona per una performance nostalgicomica, le femmine di bocca buona anche a 40anni non disdegnano d’assaporare il brivido d’impersonare (ainoi) la pestifera fanciulla capricciosa e irraggiungibile…
Ho conosciuto donne di 30 anni esibirsi in inquietanti scenette con fidanzati 50 enni!!!
E 25 enni zoppicare in parti scritte per teen ager…
Donne donnette donnine, Lolita aveva dodici anni, un età impossibile da considerare in un oggi di caccia alle streghe pedofile, non sarete mai abbastanza giovani per fingere un’approssimativa e inverosimile Lolita, ma solo per apparire goffamente ridicole nella vostra prigione dorata, esclusivamente mentale, di figlie a vita, perchè il corpo tradisce "purtroppo" la vostra vera età… e non per ultimo, c’è da considerare il succo del romanzo di Nabokov, Lolita non esiste, se non come contenitore di paturnie(e spermatozoi), è solo frutto della mente di Humbert, che proietta nella bambina uno dei suoi primi amori infranti da 15 enne, idealizzando l’insulsa "sensuale" mocciosa, fino a commettere un omicidio, insomma i tratti tipici dello psicotico, con un buon psicologo e gli psicofarmaci contemporanei, oggi non avrebbe neanche corso il rischio d’innamorarsi della piccola sanguisuga. Dunque, donna, come al solito, devo insegnarti anche questo, smettila di fare la bamboletta, hai ormai un’età e… con un paio di pasticche verresti spazzata via nel limbo dei romanzetti d’appendice. Fai la persona seria, debosciata!

l’ex

sono passati 2 anni ormai, da quella decisione inequivocabile, ma ogni volta che m’incontra senza troppi voli pindarici, invasata, toglie la maschera della ragionevolezza sociale e come vedesse un pornostar mi dice chiaramente di voler trombare…
per assicurasi che abbia capito mi telefona 10 minuti dopo che ci siamo lasciati per ribadirmi che… a costo di fare le più degradanti figure, pur di ottenere il suo scopo…  puntualmente disatteso…
viziata, infantile, egoista, incosciente, arrogante, presuntuosa,
insomma donna,

cosa sei!!

ma non ne avevi 20 che aspettavano dietro la porta?
ma non eri tu che minacciavi indipendenza ed emancipazione?
e poi invece… e l’amore l’amore… cosa ti fa fare…

amore… cosa significherà poi?..

Cos’è la giovinezza? Un sogno.
Cos’è l’amore? Il contenuto del sogno.
(Kierkegaard)

ah ah ah ah!