lo specialista, alta (in)fedeltà

[l’oggetto dei desideri]

Dilemma, limite e anatema è che usate un mezzo; internet, e non capite un cazzo di "comunicazione".
limite è "tenere"(verbo giornalistico "aberrante") un blog e non capirne un cazzo d’impaginazione, telecomunicazione, astrofisica, decorazione, design, pesca di frodo, audio & video.
Limite è usare una macchina; il pc,(per non parlare dell’auto o della moto) e non capirne un cazzo di com’è fatta, di come va trattata, nella sua anatomia, fisica e metafisica (hardware & software) è ovvio che, col tempo si romperà qualcosa e nei momenti critici, dovrà intervenire un esterno specialista, un tecnico che sistemi le cose.

Il limite; "ominide maschio" è "usare" il corpo della Donna e non capirne un cazzo di com’è fatta, di come va trattata, nella sua anatomia, fisica e metafisica (hardware & software) è ovvio che, col tempo si romperà qualcosa e nei momenti critici, dovrà intervenire un esterno specialista, un tecnico che sistemi le "cose".trombettin
 
Il limite; "ominide femmina" è "usare" il corpo dell’Uomo e non capirne un cazzo di com’è fatto, di come va trattato, nella sua anatomia, fisica e metafisica (hardware & software) è ovvio che, col tempo si romperà qualcosa e nei momenti critici, dovrà intervenire un’esterna specialista, una tecnica che sistemi le "cose".

mimì & cocò,
Bonnie and Claude
siete limitati…
l’intervento si paga,
ed il conto del Tecnico è
salato.


ma dove cazzo dovete
andare?

oggetti!
(e non
sapete
usarvi)

E questo "coso" è Ale, mio marito..
bel soprammobile! si…
be mettilo nella cassapanca; che ingombra,
al massimo ci guarderà dalla serratura
mentre strafottiamo..

gesasdfx6
("cosuti" e contenti ma non su Remeron Channel)
(in genere; in the net)

si ma ‘a webbcamma l’ha mpcciata?
se se, prima dije ar "coso"
de sgancià ‘e 450 piotte…


ma che volgarità: quanto sei venale!


omo… cosooo
!!
damme retta
me sa che de

Tecniche ce ne
stanno de più…
e poi
armeno
toji
a chiave
dar buco d’a cassapanca..
così ce vedi quarche ccosa…
(c’alla prossima te chiude
ner portabagaji!!)


gesasdfx6

Annunci

Carte(sio) incoscienti

"cogito ergo sum"

non significa un cazzo
si è materia; carne
non pensiero
il fatto d’essere, in se,
esclude il potersi
pensare se non
come illusoria,
archeozoico-onirica
essenziale
( in filos., l’insieme delle qualità costitutive,
la natura di un ente; ciò che una cosa è per sua natura
) attività
sinaptica svincolata da
un volere individuale.
Un sentito dire
o farsi dire-pe(n)sante
ancestrale, atrofizzato.
Esistono
organismi viventi
privi di sistema nervoso:
le piante, ed altri esseri.
Essi sono,
senza pensare
o pensarsi.

continuare, oggi, ad usare questa locuzione, dopo Freud, Lacan, Einstein, Sartre, Deleuze; significa essere dei vegetali.
un po come andare a visitare le mostre retrospettive delle avanguardie artistiche novecentesche.
Morti viventi.

Picasso, Braque, Balla, Marinetti, Modigliani non sono mai esistiti.


Asini

l’unico avanguardista che è ancora esistente è Sant’Elia, proprio perchè il suo pensare, insito nei bozzetti architettonici, nelle carte, non è mai divenuto materia neutralizzandosi; è rimasto nell’etere cartaceo come macigno ineluttabile ed irraggiungibile di una, troppa, grandiosità speculativa:
quel pensare che non decreta a priori, l’essere.
Grazie, alla sua troppo breve vita terrena,
a chi, lo trucidò
(poco meno che trentenne) in battaglia.

sant elia
Antonio Sant’Elia, Centrale elettrica, 1914

l’essere é il nulla(il pensiero da fastidio)

50-anni-luce
 


un giorno di questi
mi sparerò un colpo di fucile in bocca, perchè tutti gl’altri metodi per ammazzarsi sono dolorosi o comunque non c’è la sicurezza della "pena", quindi…
non ho più voglia, ho già visto quel che dovevo vedere, ho attraversato quel che dovevo attraversare e, il futuro preferisco immaginarlo, prevederlo, spolverarlo; lasciarla evaporare quest’incognita periferica, in una maniera dignitosa, invece d’affidarmi alla dittatura del caso, allo stillicidio del quotidiano, all’inevitabilità cronicistica della sofferenza; già, per altro, ampiamente sperimentata, o alle previsioni di un Nostradamus "qualsiasi"… ah ah ah()
eeee.. dunque, premerò il grilletto, ed in un attimo
tutta la vita mi passerà davanti… già, e che senso ha? Stai per crepare, proprio perché ti sei rotto i coglioni, vuoi pilatamente lavartene le mani e, fino all’ultimo, questo cappio d’esistenza ingombrante s’intromette anche nell’attimo estremo, fuggevole, cioè, ho sbagliato locale, io volevo divertirmi ma qui.. c’è un mortorio! si respira nel torbido, non lo so muovetevi, fate qualcosa, aprite una finestra, ma non per me che sto per andare ma per quelli, poveracci, che verranno… perché farli atterrare in questo liquame?
L’umanità è stato un grosso errore, "un’anomalia genetica" come direbbe Mr.Smith, l’autodistruzione a questo punto, non ha senso, s’é di massa poi perdippiù , diventa una moda, la morte come un tajer di Dolce & Galbani che vuol dire fiducia, ok, non m’ammazzo più, non ho voglia di far parte d’una statistica, per altro "standard", consuetudinaria e scontata, del weekend, redatta da un coglione raccomandato(siamo in littleItaly)
Fingerò di vivere, come ho sempre fatto, perché qualcuno ha deciso, per me, che io ci fossi e, non so bene in nome di quale assurda riconoscenza, che dovrebbe invece essere una sana, veemente, "congelata", vendetta, io simuli un’esistenza, un vivere, che è una croce parodistica di se stessa, un essere in un nulla (vano!) non creato dall’uomo ma che, l’ha partorito.

non leggermi mai più!

remeronfuck
(per non essere banale
non posso neanche
crepare…
baffanculo và!)

ho solo 34 anni, lasciatemi in pace!

per non doversi troppo sforzare, elevare(e confrontare), dalla sua condizione bestiale, abominevole, l’uomo  vorrebbe che gli esseri umani fossero tutti insieme eguali alla scimmia, da qui la condanna(parossistica) inconscia, ai suoi tempi, della teoria evoluzionistica darwinista e, di tutte le altre ragionate ipotesi sull’ emancipazione umana dal regno animale. Un ritorno alla tribù, è stato già previsto nel lontano 1962 dal culturologo Marshall McLuhan, nel suo "fondamentale" testo, best seller, "La galassia Gutemberg", nel quale si prospettava una recrudescenza della società tribale(un’involuzione dunque alla società cosiddetta "chiusa"), causata dal redivivo imporsi della cultura orale(TV e Radio), e non più scritta (camminare a 4 zampe è più facile), da qui l’imporsi nella penisola(dove la lettura, dunque l’individualità di pensiero e [n]della privacy, latita) di una destra qualunquista e primordiale(unica nel mondo), che non è un mero fenomeno d’alternanza democratica, bensì un instaurarsi benvoluto e bellicoso di una sottocultura ignobile che fa capo, appunto, ad una realtà di branco; tribale, dove c’è un detentore del potere(la cultura, per quanto traviata e mutilata che sia)che "gestisce" le menti, ed una tribù di adepti che pendono e dipendono come pecore dal verbo e dal volere del padrone, detentore del sapere(i mezzi di comunicazione di massa), qualunque "individualità" debordi da questo flusso è considerata anormale, incomprensibile, pericolosa, antipatica: questa realtà è comune sia in ambiti di destra che di sinistra, è una forma mentis epocale, oggi osserviamo un’omologazione culturale che non conosce alcuna identità(che fa rima con dignità) e che non è altro che la, collaterale, materializzazione di un fenomeno che è iniziato almeno 30 – 40 anni fa, tutte le tecnologie umane hanno una fase di gestazione – sviluppo e si manifestano nella loro endemicità, positiva o negativa che sia, nel giro di alcune generazioni,  noi raccogliamo i frutti della semenza dei nostri avi, voi!! siete pecore, perchè ignorate, che qualcuno, 20 – 30 anni fa vi aveva già previsti, calcolati, classificati, neutralizzati. siete numeri e come tali non meritate altro che esserlo e non
mi
meritate.

post a tempo determinato(l’unione fa la forca)

questo post rispetta un linguaggio appositamente "aulico" e raffinato
per venire in contro alle necessità parodistiche dei blog che mi
satireggiano in maniera sub-elementare.
un po come dire: l’oca che fa il verso all’aquila…
si può fare, magari in gruppo, ma è difficile…
molto.

          puking

e buon lavoro.

       

p.s.
la zingara, stamane, mentre suo figlio (nano altezza pube)
mi ravanava nelle tasche(vuote^^)
m’ha detto: "che belli capelli hai, neri neri, no tutti capelloni sono belli, tu sei(la sufficienza?..),
devi tagliare 1 cm ogni luna piena, così sempre bello e forte".
poi è sparita dietro la siepe.

ma
non ho capito,
"bello e forte" il capello
o il Remeron Channel in tutta la sua fiera
sansoniana intierezza ?

leggimi la mano piano che prendo appunti,
ma non son mancino!!
che poi non si leggeva la sinistra?
Zingara!!!
perchè sei sempre così
enigmatica?

 

checcazzodicose
Hdono…

http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf