il leone e la gazzella ora vanno in carrozzella.

nokia27022008

Annunci

Love Will Tear Us Apart

When the routine bites hard
and ambitions are low
And the resentment rides high
but emotions won’t grow
And we’re changing our ways,
taking different roads
Then love, love will tear us apart again

Why is the bedroom so cold
Turned away on your side?
Is my timing that flawed,
our respect run so dry?
Yet there’s still this appeal
That we’ve kept through our lives
Love, love will tear us apart again

Do you cry out in your sleep
All my failings exposed
Get a taste in my mouth
As desperation takes hold
Is it something so good
Just can’t function no more?
When love, love will tear us apart again


Ian Kevin Curtis

non ho una moglie
una casa

non una cucina
tanto meno una rastrelliera

alla quale "appendermi"
dopo aver ascoltato
quell’idiota di Iggy Pop…
non ho più 24 anni.
ma la leggenda del genio
adolescente di Caroli*?
i 37 sono all’orizzonte
lontani…
l’anno
è appena iniziato.
testa di cazzo!

il piccolo,
il mediocre
cerca, millanta la grandezza
per confutare l’impressione(corretta)
che ha di se,
l’arrendevole pochezza del proprio io profondo,
anzi sprofond(at)o.

Il grande non cerca,
trova.


il post "sindacale" è stato s-postato per motivi estetici;
per difendervi da SpamMan,
che vuol vendervi a forza il suo libretto inserendolo nelle vostre mail,
sarebbe divertente e giusto leggerlo.

bananabip2.gif

uploading despair(anima italica)

 

 

 

 

 

fzzz

 

 

 

 

 

 

 

 

 

p.s. ore 13:00

mamy al telefono,
tra una risata e l’altra mi spara a bruciapelo:
"so che tu non disperi,

disperiamo noi per te".

igormu0

 

posso star tranquillo, anche quando mi sarò trasferito a Capo Nord,
lontano dal mondo civilizzato, dal "sangue",
a migliaia di Km dall’ultimo insediamento umano
ci sarà sempre qualcuno(/a!!) che, dal tacco di una penisola affettiva,
svolgerà scrupolosa e disinteressata il
proprio lavoro,
uploadandolo, amorevolmente astratta, nel quinto elemento*
:
disperare, al posto mio…

(e non è che posso far tutto io)

*l’etere!

fzzz


per me puoi andare a farti strafottere
"mamy".

remeronfuck
mai avuto radici
mai avuto rispetto
mai avuto sangue

sono nato
per partenogenesi
da un sasso.

(si ok ok..
per un politcally correct nei confronti delle nuove generazioni, per una sorta di responsabilità civile(che non è il premio dell’assicurazione) o d’onestà intellettuale;
potrei
azzardare la svogliata ipotesi che dir quanto con sufficienza sfrontata
ho espresso sopra dipende direttamente dai fatti che:
io ho avuto una madre,
i miei non si sono separati quando avevo15 anni,
ho avuto modo di superare i complessi edipici adolescenziali,
ho dunque avuto la possibilità di un’evoluzione psichica equilibrata o al limite "lineare",
perché ho avuto dei punti di riferimento, giusti o sbagliati che fossero,
e perché etc etc,
potrei
ma..
non lo farò,
perché?
non sono corretto
non sono freudiano
non sono costretto
non sono cristiano
non son chierichetto
non sono sano
[di mente].
la psicanalisi
me rimbarza
e la moralità
è una zolletta
di zucchero
per palati
inaciditi
e sulla mia
c’è andata a
finir non si
sa come
una goccia
di LSD.)
(e te saluto
evoluzione
psichica
freudiana
lineare…
basta poco
e l’analisi
va a farsi
benedire)

 calcio mazzate

1) Io, sono la rivoluzione!!!!
2) La pazzia è la volontà d’un dio anarchico.

la 2 è di un cugino "folle" di Vincent Van gogh
la 1 è di Jaques Lacan, che è stato uno psichiatra e filosofo francese nonché uno dei maggiori psicoanalisti e continuatori dell’opera di Freud…

non so a voi ma a me la 2 mi pare molto più razionale…
(inoltre io bevo Aperol!)

se bevo troppo caffè (oltre le 10 tazzine) mi agito
se bevo poco caffè poi ho voglia di fumare
se bevo una giusta misura di caffè non soddisfo
la mia propensione verso l’autodistruzione
e me ne vado in depressione (prozac!)

se fumo una sigaretta per ogni tazzina di caffè che non bevo ricomincerò a fumare
se ingurgito una pasticca di nicoretta senza sigaretta poi devo bere una tazzetta
se mescolo l’orzo e il caffe nella ciofeca immonda poi mi sento un vecchione che non regge
se mi viene voglia di fumarmi un caffè lo faccio ma con una tazza piena di sigaretta senza nicoretta…



insomma ma che cazzo
 vuoi da me?

 


n.b.

edward norton sotto forma di Hulk: non hai senso

tim roth sotto forma di pianista
sull’oceano o nemico di Hulk: non hai senso
remeron sotto forma di nicoretta: non hai senso
giuseppe tornatore: non hai senso
louis leterrier: non hai senso

 

http://www.boxstr.com/templates/default2/images/icons/player.swf

grazie nonno (vabbè m’allora?)



assumo regolarmente quantità industriali di
psicofarmaci

droghe sintetiche
medicine equosolidali
anabolizzanti
caffeina come ne piovesse
la mia stabilità umorale è un bluf chimico
lo humor una bugia
vi considero topi
vivo aldilà del bene
o del male (chissà dove)

imbalsamato in un’ampolla di formaldeide
risalente ai ’50

mesmerizzato da mio nonno
in stato fetale
prima d’essere abortito
in stato fatale(!)


Bussare
ed
attendere

1000 anni

bigghigimme alla festa di laurea

bigjim

ho riscosso un discreto successo ieri sera nella movida sociale bolognese e all’interno di un contenitore asfittico (oserei dire) mi muovevo con una certa disinvoltura al centro delle attenzioni femminili di solito catalizzate da uomini alti, nel mio caso invece era lo sguardo fulminante che crea il precedente a captare l’interesse, per non parlare dei mie incomprensibili capelli a casco, similcartapesta, un effetto speciale di forte impatto scenico ottenuto grazie alla mia nuova lacca "freestyle" garantita, a lettere cubitali sulla confezione, contro l’effetto casco…
ogni tanto (svariate volte direi) mi recavo all’esterno dell’asfittico contenitore, con una masnada di miei amici a seguito, per fumare delle sigarette gentilmente offerte dagli inseguitori, alcune folate di un primaverile venticello scompigliavano di tanto in tanto gl’ispidi capelli delle ragazzette astanti non che quelli lisci e/o ondulati di chi ce li aveva, i calvi non risentivano degli smottamenti metereologici, tra loro e gli altri, io:
big jim ,unico uomo con capelli di gesso assolutamente non metereopatici, anello di congiunzione tra la parrucca ed il carro allegorico del carnevale ormai, aimè, passato…

Ciao ragazzi ah ah ah! come va!? si certo no è che io, ah ah ah! siamo tutti molto simpatici, si e tu sei proprio in gamba, tu invece sei molto bella, la tua amica ha stoffa, si, ragazzi svegli come noi.. certo che comunque e poi…

devo ammetterlo ci siamo divertiti ieri sera, ma ora, la mia testa è un flipper, credo che tornerò a letto, non è un’ottima idea mescolare vino rosso, birra chiara, scura, ambrata, wodka, barzellette sconce e sigarette truccate, attenzione!!
bisogna porre molta attenzione a quel che si fa,
mentre lo si fa,
il sabato sera.

hanno detto di me

davvero un pessimo elemento

p.s.
non me lo dicevano da piccolo…

siccome ho ricevuto degli insulti "trasversali" (meritatissimi) da una donna 50enne presbite di cui non faccio il nome (YleY), sto cercando d’adottare una dimensione di carattere più grande (nel senso sia della scrittura che della misericordia) per permetterle di leggermi quando faccio delle battute allusorie oppure quando le parlo direttamente dicendogli che è una pecora zoppa.

per il resto cercate di non "scassarmi" troppo "la minchia", è un periodo che sono un po nervosetto, altrimenti chiudo o mi ammazzo(uuuuuhhhh!!) che per voi è la medesima cosa.

è un messaggio rivolto a tutti gli uomini senza limite d’età e dimensione cranica ed alle donne basse, grasse e con i brufoli, anche quelle alte e grasse e con i brufoli, ma per loro un po di meno. Altezza media magre, molto belle, con pelle sana potete azzardare un approccio ma non assicuro la buona riuscita.

E’ un operazione culturale promossa dalla Remeron Channel Org. col patrocinio del consiglio dei Minestrai ed il minestraio delle pari opportunità, amnestry international ed il social forum "P.G.E.R" (piccole, grasse e racchie) non che il gruppo di autocoscienza femminista "O.P.A." (orgoglio piatto autogestito)i Gruppi Onanisti Indipendenti e gli AnarcoVegetariani(sezione distaccata di Bologna "Pisellone Verde").fuckyou

una volta uno* mi disse: voglio essere uno sconosciuto famoso ma vivendo tra gli sconosciuti!
Auguri
(risposi)

*che ero sempre io!!

(che poi c’è una che apre e chiude il blog in continuazione, anteponendo in sovrinpressione una che canta con un sedano in mano, credendo di fare chissà che azioni tremende… mmah… mi hai alienato,
una… hai scassato la minchia…  il tuo sedere, salverà il mondo!! non ti sforzare troppo con i concetti…)