morale della favola [copula e(r)metica]

biba –mi piaci molto

filippa –t’ho amato infinitamente

giovannina –oggi dopo tanto tempo ho pensato a te

miranda –
stavo bene con te


gremisolda –avevo solo voglia di parlarti


liboria –t’amo!
ma rimango in disparte (così sembra un fotoromanzo)(o un romanzetto Harmony!
 scritto da qualcuno/a che poi è morto con i funghi da giovane)(fa così fico)

vomito nero  

viola –è finita(?)


serafina –
ti dico addio
(dopo 3 mesi che non ci sentiamo) [che senso ha?] (e perché io che senso ho?..)
(ndr giusta riflessione… aggiungerei e perché tutti gli altri?
avete il senso che vi meritate: un senso unico che muore in vicolo cieco.)

me-rimbarzi



(con e/affetto)

cry sfondo nero.gif
e con un rimpianto:
 il tempo che t’ho regalato
non è servito a niente.
vomito nero

 


in parole povere
(my plug in babies):
il paradigma del rapporto di coppia

   (quello dietro sono io.)

igormu0

Annunci

ch’è fossero tanti zeri, nolllo sapevo…

ieri mi ero convinto che fosse sabato, chissà perchè e invece oggi fosse sabato, oggi.


(ci sono molti zeri, è importante!)
c’è una (nella mia mente) che mi ha detto che devo essere più cool… ecco perchè ho cancellato tante cattiverie, perchè m’ha detto: cattiverie=vecchio, cool=giovane, io che devo fare adesso? sto cercando d’essere simpatico sto cercando, ma non mi trovo, non mi trovo… (cool)
un giorno ho deciso d’entrare in questa stanza ed uscirne già vecchio, in modo d’avere la saggezza adatta per affrontare il mondo, poi però il tempo passa, passa, passa, ed io non invecchio mai o comunque invecchio molto lentamente, poi una (nella mia mente) m’ha detto, "se facessi il muratore vedresti come si vedrebbe che hai 33 anni! caro mio", ah! e quindi?
la mia amica poi ha chiuso le trasmissioni, morale della favole: se non fai un cazzo non invecchi…
be allora ho sempre fatto la cosa giusta!
lo sapevo che sono grandioso.
(CooL!)
giovani si diventa.
vecchi si nasce
e tu lo naqcui!

pompali sti Tokyo Police Club, pompameliiiii!!!!

la california (de li mortacci)

oggi ho scritto solo cattiverie, sarà perchè non fumo più, sarà perchè stamane non ho nuotato, sarà perchè la mia ammiratrice segreta non c’era, sarà la febbre del sabato sera che mai ho avuto è mai è passata, sarà perchè son venuto sul tuo blog, sarà meglio che non ci venga più, sarà quel che sarà, sicuramente meglio di ciò ch’è stato, scurdamuce u passat chi avut avut chi a dat ha dat. Poi ho pensato a tante canzoni che avrei voluto postare ma che non posso per via dei 56k e che forse è meglio così, che vorrei fumarmi un cannone, che è meglio di no, poi ho pensato che il mare mi ha stancato, ch’è meglio di niente, poi ho pensato che qualsiasi cosa io faccia non fa che aumentare la mia irrazzionale, nicotinica e onirica (eccheccazzo) inquietudine e che dovrei fare più meditazione, diventare un asceta asettico, ritirarmi s’un monte e vivere come Budda, ma qui "nellu salientu" monti non ce ne sono al massimo banane, allora mi ritiro sulla spiaggia a meditare, ma mi accorgo che l’estasi è lontana quando ci sono 3000 altri buddi che meditano ad alta voce sull’asciugamano, poi ho pensato ancora che la cucina del salento, e del meridione in genere è così buona, così creativa così ingegnosa per ovviare al vuoto del nulla strisciante culturale ed evolutivo che nel nostro sud dimenticato dall’uomo si respira, allora è meglio riempirsi la pansa di "lliccardie" invece di scervellarsi per snodare nodi stretti da secoli da marinai pirati coscienza di un mondo che ha sempre girato per i cazzi suoi nella direzione sbagliata, per volontà e per destino, ed ora nel 2007 io son felice di mangiare li "turcinieddi" ma guardo piangendo alla mia terra di morti ammazzati, di boschi bruciati e di gente che ha una cultura al di sotto della media nazionale nonchè europea, e che si arrabbatta a riscoprire forzosamente tradizioni inestistenti come la "pizzica" speculando malamente sugli "affamati" turisti settentrionali ed europei che dalle loro opulente città piombano nella depressione del sud con la stessa libidine dell’avvoltoio su un cadavere putrefatto che altro non è la nostra posticcia cultura della terra del rimorso come De MArtino definì il salento una regione dell’Italia, e dell’anima(de li mejo)che per nove mesi sonnecchia stordita da negramaro e friselle e poi si risveglia ancora sbronza e come una grassa e vecchia mignotta cerca di vendersi per tre mesi salvo poi ritornare nel postribolo culturale nel quale da secoli marcisce. Via, andare e non tornare, e principalmente dimenticare, dimenticare tutto. Se stessi.

 

Ahi! nu ‘parlamu d’osce marammie!
Ca stau comu nna paccia Cce decimu?
E’ na malencunia ca è de le rose
‘bianche scimate doi tre giurni quandu?
ci lu sape cce ‘bete stu pallure
ca nu’ me dae la forsa cu me isciu
allu specchiuzzu miu ce brutta cera
e nu me nfiura ‘n capu cca lu nienti
ca è sta capu de friddu ncurunata
Sienti nu sacciu ndore de violette
passe de ‘bile st’anima è nna luna
Intru nna nùula fore d’ogne celu
Sebburtu ntra llu mare cchiu cecatu
Iutu! La malatia m’ha fatta scema
Le manu quiste quante siti manu?
Addù v’cercu? A mmienzu li capiddi?
Uarda! Cce biti? m’recuerdu mani
De nna fiata ca moi tagghiate suntu
E caminati comu mancu an ‘ sennu
passi nde du rretornanu sti passi
nterrati cchiù de l’arveri stamane?
Cce bè sta cosa? Tuttu me sta gira
intra l’uecchi – nu vitru quandu chioe
n’acqua russa de terra e doppu schioe
ma nu schiara e dda fore bbiti nienti
ca stu vitru è nu chiantu de sudure
siccomu a quistu ca me chiange fore
te l’uecchi a nfrunte e jazzu se nde scinde
fin a llu piettu  ‘n lagreme sfarzuse
te diamanti pittatu  Quante stidde
ca sentu e nu le visciu Eccu cce bete?
Su paccia ca ce be stu nfiernu stranu
de sta seggia? M’ nd’ausu e stau ssettata
a nnu tiempu Ogghiu ccantu e su stunata
ma nu de uce ca sta ucca perta
se spuerza de aletare nnu lamientu
e nienti nd’esse d’autru ca gnuttutu
jientu. (…)

 

dal Poema "Il mal de’ fiori" di Carmenlo Bene

e perché mai?

andrò a ricoverarmi a Gallipoli, in una specie di trullo nella campagna brulla, mi ciberò di topi, pomodori, melanzane, fichi d’india, scarafaggi e cavallette, la notte uscirò per ululare sin quando zanzare e pipistrelli non mi succhieranno tutto il sangue e mio malgrado dovrò ritornar dentro a ricaricarmi con un sonno ristoratore, la mattina andrò al mare e mangerò ricci, rosso sangue, con tutte le spine per ricordarmi sempre che vivere è sofferenza, poi ogni tanto morderò i piedi di qualcuno, ritornando immediatamente sott’acqua, fin quando qualcuno non mi picchierà a sangue e dovrò cambiare zona, faccia o filosofia, piangerò, piangerò in ogni occasione, per ricordare agli altri che la vita è sofferenza, e che l’estate è una malvagia, brutale, bollente illusione…

Banana

roussel_banane

io per te… mi metto a nudo..

si, ho ritrovato il tuo numero…

se ti mando un messaggino

 

non è più natale…

lo so

ma… che fa?

 

 

 

 

 

 

 

mi sono accorto che… domani, non ti prendo per mano…

e non sono passati 15 anni, ancora…