le categorie

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
me medesimo quadro small.jpg

chi mi cerca nel web, chi tenta di visualizzarmi, raccogliermi, censirmi, giudicarmi:  fallirà.

non è nel WWW la mia dimora, e non è giudicando che troverai la verità, giacchè essa non esiste.

Annunci

letteratura

cos’è?

non c’è clamore nel sentire
nel sentirti nonché
pudore nel guardarti e
prevederti
sostituir al prossimo
volgare sguardo
un guizzo di coda, la zampata
un ciao, bacio, sbavato, malincuore
timore, cattivo(odore),
occhio intrepido
treni; via! è estate
dal caldo
si muore…

è

sticazz.jpg

la california (de li mortacci)

oggi ho scritto solo cattiverie, sarà perchè non fumo più, sarà perchè stamane non ho nuotato, sarà perchè la mia ammiratrice segreta non c’era, sarà la febbre del sabato sera che mai ho avuto è mai è passata, sarà perchè son venuto sul tuo blog, sarà meglio che non ci venga più, sarà quel che sarà, sicuramente meglio di ciò ch’è stato, scurdamuce u passat chi avut avut chi a dat ha dat. Poi ho pensato a tante canzoni che avrei voluto postare ma che non posso per via dei 56k e che forse è meglio così, che vorrei fumarmi un cannone, che è meglio di no, poi ho pensato che il mare mi ha stancato, ch’è meglio di niente, poi ho pensato che qualsiasi cosa io faccia non fa che aumentare la mia irrazzionale, nicotinica e onirica (eccheccazzo) inquietudine e che dovrei fare più meditazione, diventare un asceta asettico, ritirarmi s’un monte e vivere come Budda, ma qui "nellu salientu" monti non ce ne sono al massimo banane, allora mi ritiro sulla spiaggia a meditare, ma mi accorgo che l’estasi è lontana quando ci sono 3000 altri buddi che meditano ad alta voce sull’asciugamano, poi ho pensato ancora che la cucina del salento, e del meridione in genere è così buona, così creativa così ingegnosa per ovviare al vuoto del nulla strisciante culturale ed evolutivo che nel nostro sud dimenticato dall’uomo si respira, allora è meglio riempirsi la pansa di "lliccardie" invece di scervellarsi per snodare nodi stretti da secoli da marinai pirati coscienza di un mondo che ha sempre girato per i cazzi suoi nella direzione sbagliata, per volontà e per destino, ed ora nel 2007 io son felice di mangiare li "turcinieddi" ma guardo piangendo alla mia terra di morti ammazzati, di boschi bruciati e di gente che ha una cultura al di sotto della media nazionale nonchè europea, e che si arrabbatta a riscoprire forzosamente tradizioni inestistenti come la "pizzica" speculando malamente sugli "affamati" turisti settentrionali ed europei che dalle loro opulente città piombano nella depressione del sud con la stessa libidine dell’avvoltoio su un cadavere putrefatto che altro non è la nostra posticcia cultura della terra del rimorso come De MArtino definì il salento una regione dell’Italia, e dell’anima(de li mejo)che per nove mesi sonnecchia stordita da negramaro e friselle e poi si risveglia ancora sbronza e come una grassa e vecchia mignotta cerca di vendersi per tre mesi salvo poi ritornare nel postribolo culturale nel quale da secoli marcisce. Via, andare e non tornare, e principalmente dimenticare, dimenticare tutto. Se stessi.

 

Ahi! nu ‘parlamu d’osce marammie!
Ca stau comu nna paccia Cce decimu?
E’ na malencunia ca è de le rose
‘bianche scimate doi tre giurni quandu?
ci lu sape cce ‘bete stu pallure
ca nu’ me dae la forsa cu me isciu
allu specchiuzzu miu ce brutta cera
e nu me nfiura ‘n capu cca lu nienti
ca è sta capu de friddu ncurunata
Sienti nu sacciu ndore de violette
passe de ‘bile st’anima è nna luna
Intru nna nùula fore d’ogne celu
Sebburtu ntra llu mare cchiu cecatu
Iutu! La malatia m’ha fatta scema
Le manu quiste quante siti manu?
Addù v’cercu? A mmienzu li capiddi?
Uarda! Cce biti? m’recuerdu mani
De nna fiata ca moi tagghiate suntu
E caminati comu mancu an ‘ sennu
passi nde du rretornanu sti passi
nterrati cchiù de l’arveri stamane?
Cce bè sta cosa? Tuttu me sta gira
intra l’uecchi – nu vitru quandu chioe
n’acqua russa de terra e doppu schioe
ma nu schiara e dda fore bbiti nienti
ca stu vitru è nu chiantu de sudure
siccomu a quistu ca me chiange fore
te l’uecchi a nfrunte e jazzu se nde scinde
fin a llu piettu  ‘n lagreme sfarzuse
te diamanti pittatu  Quante stidde
ca sentu e nu le visciu Eccu cce bete?
Su paccia ca ce be stu nfiernu stranu
de sta seggia? M’ nd’ausu e stau ssettata
a nnu tiempu Ogghiu ccantu e su stunata
ma nu de uce ca sta ucca perta
se spuerza de aletare nnu lamientu
e nienti nd’esse d’autru ca gnuttutu
jientu. (…)

 

dal Poema "Il mal de’ fiori" di Carmenlo Bene

L’oca reale

mi è sempre successo che una o più ragazze (oche) si azzuffassero per me, io devo dire il vero me ne sono sempre sbattuto alla grande defilandomi, nascondendomi, travestendomi! alla fine per tanto finiva che si azzuffavano con me, ma che controsenso, prima mi ami a tal punto e poi mi meni?
La capacità cerebrale di un oca e 1/4 del cervello umano, è verosimile che una volta innescata la libidine, un oca la sfoga in un modo o nell’altro senza andare troppo per il sottile, allora mancando il motivo scatenante (io), venivano a cercarlo e mi ritrovavano(aimè) con un’altra oca, e li scoppiava la zuffa, ma che zuffa!! pensavo che col passar del tempo queste atmosfere tragicomiche sarebbero sfumate nel nulla, come una scena di bacio che chiude il lieto fine di un b movie, invece codeste corbellerie continuano, seppur in maniera ridotta, grazie a dio sono meno presenzialista ora, e quindi… probabilmente l’errore è che io sono cresciuto(sono nato vecchio) ma il target d’età, dell’oca, è rimasto sempre intorno ai 24-25 anni (la carne è debole!!), quindi tristemente, le dinamiche e le reazioni sono sempre le stesse… ma, mi chiedo com’è che quando io avevo 24- 25 anni stavo con ragazze della mia età, al massimo un paio d’anni più grandi(la carne è debole!!) e voi oche cercate tassativamente i trentenni e addirittura i 40 enni? è una conferma della vostre frustrazioni, un giovane della vostra età sarebbe l’immagine speculare delle vostre insicurezze e defaiance, non perchè abbia le stesse carenze, ma solo per un mediocre ragionamento deduttivo, alquanto limitante e poco creativo, visto che non si sta parlando di pomodori ma della cosa più inclassificabile e sfuggente: la mente umana. Dunque, l’età del partner è un ottimo metro di valutazione per testare l’idiozia e superficialità di una donna oca, più il partner è vecchio (quindi tollerante, indulgente, rincoglionito, arrivato, realizzato, piovro, affamato, babbo) più trattasi di un’oca reale, tendente a ripercorrere le dinamiche famigliari a lei solite, e cioè conquistare l’attenzione del babbo con subdoli mezzucci, per spuntarla in molte varie situazioni, per via del ragionamento succitato, affacciatasi in società l’ochetta mancante del nucleo famigliare d’origine ne ricrea un’altro uguale (la creatività dell’oca seriale), si trova un altro babbo, con il quale tromba, ma questa è l’unica differenza che passa dal rapporto col genitore vero, restano invece, manie e vizi, ipocrisia, falsità, sotterfugi, bugie, tradimenti, lolitismo, le dinamiche insomma rimangono immutate… oca e così non va, no no no! perchè il babbo è attirato solo dalla tua giovane età (la carne è debole!!), quando diverrai vecchierella, cioè l’anno prossimo, il babbino se ne trova un’altra, medita, medita, trovatene uno della tua età e comunica, invece di fare la saputella, ti confronterai con il tuo mondo, con la tua generazione, è questo il bello di una relazione, dividerti con il tuo corrispettivo dell’altro sesso, e non con tuo nonno. Debosciata!!!                                                
                                                                                                                               Attonito

che poi che m’avranno fatto mai ste donne?..


bla bla bla
ah, però!
si, quanti anni hai?
19
ah!
e lui?
36
ah!
a me va bene così…

ci amiamo!!

vogliamo avere un bambino!!

ma insomma di qualcosa no?


cosa ne pensi?
sei distimica
chee?
vai dal dottore..
acci tu!
anzi, acci tua!!
ci sono già stato
perchè?
stavo con una di 70
nooooooooo
ma tu sei un maniacoooo!!!
dai dimmi che non è vero daiiii ti prego!!!

non è vero
ma davvero?
cioè davvero non è vero?

alle msn’s girls

vi ho cancellate tutte da msn, alcune da tempo, vogliate fare lo stesso con me, altrimenti non potrò rimuovervi definitivamente, e questo a dire il vero mi disturba, allora, un pò di sana dignità femminile, eliminatemi, non ho veramente intenzione di fare rimpatriate, quindi congediamoci.
Potrete continuare a seguirne le gesta, onanisticamente, in questa sede, e nelle altre che il buon pastore ha voluto dedicarmi, e cioè nelle vostre testoline.
Amorevolmente, mi siete indifferenti.

P.s
per lo zoccolo duro: non è che stranamente non mi collego più, è che vi ho bloccate.

una volta ero piccolo, e vidi il vicino di casa col cavallo, lo supplicai di farmelo cavalcare.
Salìi sulla bestia, fino ad allora calmissima, il vicino vedendo che non si muoveva mi disse, sornione, di provare a dargli i comandi… AAHHHH!!! urlai, il cavallo s’imbizzarrì ed iniziò a trottare poi a galoppare, io sopra che mi cagavo, da lontano si vedeva una grossa quercia, lui tirava dritto, io urlavo, arrivato alla quercia gli piantò una testata e si blocco paralizzato, io intanto ero volato via come un pipistrello, quando mi rialzai il cavallo era rimasto li immobile, con la crapa piantata nella quercia, arrivò il vicino urlando, mi guardava interrogativo, io stavo per vomitare, poi uscirono quelli dalle case, confabulavano, chi urlava al maleficio, chi s’imbriacava, alcuni piangevano, altri ridevano, dopo una mezz’oretta arrivò il macellaio…

ma come si fa a postare un’emoticon? oltre a quelli orribili di splinder? lo so, che resterò senza risposte… mi rivolgo a voi piccole iene, in cambio vi offrirò qualche verità demagogico-poetica tipo, "La mia bellezza è solo cenere per te Donna che nella notte respiri il sangue bruciato via dai miei orgasmi"… è solo un assaggio.

 

 

 

(sono un eremita imperfetto)

(mi manca l’eremo)

è solo un timido pretesto

gli Afterhours… fanno ridere, ora non per provocare la reazione dei fans assatanati che sono convinti di tenere per un gruppo che appartiene alla scena rock underground italiana e che per questo abbia cose da dire o faccia (addirittura) arte…

non esiste una scena rock italiana, non esiste l’underground italiano… è troppo facile così: essere alternativi al vuoto è un gioco da ragazzi, un pò come quelli che sono convinti che ascoltare Battiato significa ascoltare musica colta, ah ah ah ah! la mediocrità fa parte della vita d’ogni giorno, obietterebbe qualcuno, ecco forse è questa la formula, immaginarsi degl’artisti in una foresta dove gl’aborigeni ti scambiano facilmente per un dio, e plaudono ad ogni cosa tu dica, faccia, apologia della mediocrità in un’allucinazione collettiva prodotta dall’ignoranza, che fa deficere in gusto, sensibilità e obiettività… quando qualcosa manca, non è che per forza bisogna inventarla!!!

aborigeni!

quello che non ho (blasfemie)

ho pensato, una cosa molto… stupida, se dovessi analizzarla con canoni conformisti, ma nel suo essere bislacco, questo concetto, conserva dei rari afflati romantici e gotici:

io, in una situazione anche migliore di questa, in una vita con più comodità, meno handicap, molti soldi, automobili di lusso, donne usa e getta, alani, palazzi a mia disposizione, gallerie d’arte che espongono i miei lavori a Londra, Berlino, New York, mi sentirei sempre e comunque a disagio, vivrei male la mia condizione, perchè è proprio insita nell’esistere l’angoscia della responsabilità, il dover vivere, il lasciarsi vivere, il dovere nei confronti dell’imponderabile di consegnare, all’eterno, un’anima… hanno forse più anima di me Francis Bacon, Madonna, Cattelan, Renato Zero?o più soldi? (è la stessa cosa? rispondi papa, don’t preach!) Questo io non lo so, ma posso supporlo, e come un Watson de Casalecchio di Reno, in maniera molto elementare io suppongo che: persone come Sartre, Gramsci, Che Guevara, Roby Facchinetti, non ne nasceranno più, e che, come la storia ci ha insegnato, la decadenza dei costumi è l’anticamera del declino e della disfatta dell’impero. A questo punto io con più soldi, dieci alani, un harem di 47 Claudie Schiffer(clonate), 19 ferrari, 27 palazzi nel centro delle maggiori capitali mondiali, 10 casinò, 7 bordelli, 6 omicidi(diretti o indiretti) sulla coscienza, 3 processi per bancarotta e falso in bilancio, 49 figli illeggittimi, un partito politico a mia immagine e somiglianza, 1 gallina dalle uova d’oro, uno shuttle, una flotta di Jumbo Jet, l’elefante Jumbo, (gli elenchi mi eccitano), un cazzo di 46 metri, un gatto a 9 code e 18 teste, un nano di corte, un joker, un denari, una mazza, un cazzo di bazooka, dieci gorilla albini, come guardie del corpo, rapiti dalle montagne del kongo ed addestrati alla mia difesa fin da piccoli con gl’occhi bendati! la cintura nera di karate, quella di jugitsu, taj kandò, judo, taj ji, Xing yi, yu Ba Gua, ed un arte marziale che è il compendio di tutte quelle planetarie e marziane inventata dal sottoscritto, dieci case editrici che pubblicano solo manuali comparati di lotta corpo a corpo e meccanica quantistica, un lucchetto d’oro zecchino e lapislazzuli rubato dalla tomba di Rasputin, il monaco pazzo, l’unica copia esistente del Necronomicon, il libro dei morti, dell’arabo pazzo Abdul Alhazred, la mummia imbalzamata e robotizzata del mio primo cane, l’immortalità, il fascino di rodolfo Valentino, il talento di uno qualsiasi dei figli di Pablo Picasso, la evve moscia di Lapo Elkan, avrei davvero più possibilità del mio cane di avere un anima?

drool

 

amicuccio

menu

2 aulin, 1 iniezione di Mionevrasi, 1a di Bentelan, 2 compresse di BeTotal, 1/2 compressa di voltaren 100, 1/2 di sinflex 550, 20 gocce di contramal, 40 gocce di EN, 1/4 compressa di Remeron, 1 di efexor 150, 3 compresse omeopatiche miorilassanti, 3 di Ashwaganda, 1 di oligoelementi, 2  di Avipaktikar, 1 di Lucen 20, 1 di Asacol capluse a rilascio modificato, una di melatonina 5, una di 5htp. Sto un pò meglio ora, si andrò a dormire.